Gryazin: "La mia ŠKODA è distrutta, ma a Cipro potrei esserci"

Il pilota della Sports Racing Technologies ha visto andare in fiamme la sua Fabia R5 in Grecia, ma c'è la possibilità di prenderne un'altra dall'Italia, anche se i problemi di logistica non faciliteranno le cose.

Gryazin: "La mia ŠKODA è distrutta, ma a Cipro potrei esserci"
La SKODA Fabia R5 di Nikolay Gryazin a fuoco
La SKODA Fabia R5 di Nikolay Gryazin a fuoco
La SKODA Fabia R5 di Nikolay Gryazin a fuoco
Nikolay Gryazin, SKODA Fabia R5
Nikolay Gryazin, SKODA Fabia R5
Nikolay Gryazin, SKODA Fabia R5, SRT

Nikolay Gryazin è uscito clamorosamente di scena dal SEAJETS Acropolis Rally, ma vuole già pensare al prossimo round del FIA European Rally Championship che si terrà a Cipro.

L'evento è in programma il weekend del 17-19 giugno, ma la ŠKODA Fabia R5 del giovane russo (che era in testa in Grecia al momento dell'incendio) è andata completamente distrutta.

C'è però la possibilità di trovare un'altra Fabia in Italia, anche se in casa Sports Racing Technologies dovranno affrontare i problemi legati alla logistica.

"Queste difficoltà ovviamente non potevano mancare, ma una possibilità c'è - ha spiegato il 19enne - Se si concretizzerà, allora correrò, ma senza poter fare test. In Italia c'è una macchina disponibile e io sono pronto, ma non essendo quella nostra troverò certamente alcune differenze, come ad esempio la posizione di guida. Sarà difficile, ma ci proverò".

A fine gara Gryazin è stato comunque premiato con il Colin McRae ERC Flat Out Trophy per le ottime prestazioni.

"Ringrazio tutti coloro che mi hanno spinto a dare il massimo, ma anche chi ci ha aiutato a spegnere l'incendio - ha commentato ricevendo il trofeo - E' stato un peccato, eravamo solo al 90% delle nostre possibilità in quel momento e avremmo potuto sicuramente fare anche di più".

condivisioni
commenti
Magalhães: "Terzo podio di fila, ora merito di giocarmi il titolo"

Articolo precedente

Magalhães: "Terzo podio di fila, ora merito di giocarmi il titolo"

Prossimo Articolo

Grzyb: "Correre in Grecia era stupido, ma sono salito sul podio"

Grzyb: "Correre in Grecia era stupido, ma sono salito sul podio"
Carica commenti