Dakar, Camion: Sotnikov domina nella tripletta Kamaz

L'ultima speciale della 43esima Dakar non ha cambiato la fisionomia della classifica generale dei camion: la tappa è stata vinta dall'Iveco Powerstar di Macik che ha colto il quarto posto assoluto dietro alla tripletta Kamaz che coglie la 18esima vittoria nel rally raid. Sotnikov precede Shibalov e Mardeev dopo aver inferto la netta superiorità dei 43509. Da segnalare sei mezzi di marchi diversi nella Top-10 della graduatoria finale.

Dakar, Camion: Sotnikov domina nella tripletta Kamaz

Il team Kamaz Master ha collezionato la diciottesima vittoria alla Dakar nella speciale classifica dei camion su 43 edizioni disputate. Il marchio russo ha piazzato una perentoria tripletta confermando l’impressionante superiorità tecnico-organizzativa dello squadrone diretto dall’esperto Vladimir Chagin, coadiuvato quest’anno da Eduard Nikolaev nel ruolo di stratega.

Lo zar ha rinunciato al ruolo di pilota di punta per assurgere a un ruolo tattico e lasciare campo libere ai quattro assi: il successo è andato meritatamente a Dmitry Sotnikov che celebra la sua prima affermazione dopo otto tentativi. Il 34 enne di Naberezhnye Chelny, è nato proprio nella città che è sede della Kamaz, aveva già vinto il Silk Way e l’Africa Eco Race, per cui completa il suo palmares con il Rally raid che per la seconda volta si è disputato in Arabia Saudita.

Due volte secondo nel 2017 e 2019, Dmitry ha inferto la sua superiorità nella prima parte della gara, costruendosi un vantaggio sui compagni di squadra che gli ha permesso di controllare la corsa nelle ultime giornate per evitare inutili, quanto pericolose sorprese. Sotnikov ha siglato cinque delle 12 tappe: la sua supremazia non è mai stata messa in discussione, lasciando la testa della graduatoria assoluta a Siarhei Viazovich solo nel prologo con il MAZ 6440RR.

Al secondo posto c’è Anton Shibalov staccato di 39’38”, autore di due successi di tappa, mentre uno è andato ad Ayrat Mardeev, terzo classificato a 1.14’. Il trio è stato inossidabile a qualsiasi problema, perché tutte le disavventure si sono concentrate su Andrey Karginov.

Il vincitore della scorsa edizione della Dakar è stato bersagliato dai problemi già dalla prima tappa e ieri ha dovuto fare i conti con un sasso che in piena velocità ha spaccato la campana del cambio, costringendolo a completare la tappa con una vistosa perdita d’olio. Andrey è riuscito ad arrivare al bivacco e ha sostituito la trasmissione per concludere oggi al settimo posto finale. Karginov è stato l’unico a non tenere il passo degli altri tre equipaggi Kamaz, ma va detto che in più di un’occasione si è messo a disposizione dei compagni per aiutarli nei momenti più difficili.

È rimasto fuori dalla zona podio, ma ha festeggiato come se avesse vinto Martin Macik: il ceco con l’Iveco Powerstar della Big Shock Racing si è scatenato nella seconda parte della gara, vincendo tre delle ultime quattro speciali, compresa quella di oggi. Martin ha raggiunto l’obiettivo che si era prefissato: classificarsi almeno quarto, come fece suo padre nel 2004.

Martin ha corso da solo e nulla poteva contro lo strapotere dei russi, ma ha dimostrato ancora una volta che, almeno sulla carta, il camion Iveco non ha nulla da temere contro i Kamaz, quanto meno in prestazione assoluta.

Alle spalle di Macik è scivolato Ales Loprais: il “regolarista” sembrava nella condizione di insidiare il terzo posto di Mardeev e, invece, ha pagato gli ultimi due giorni molto tribolati con il suo Praga afflitto da problemi e da forature.

La MAZ, che si era candidata a sfidante dei Kamaz, si è dovuta accontentare del sesto posto di Aliaksei Vishneuski con il 6440RR, forse il mezzo più potente del lotto. Dopo il ritiro di Viazovich, è toccato al pilota di Minsk difendere il marchio bielorusso, ma non è riuscito a togliersi il gusto di conquistare almeno un successo parziale, sebbene ci sia arrivato vicino più di una volta.

Martin Van den Brink si è tenuto strenuamente l’ottavo posto con il Renault Truck C460 davanti ai due Tatra del team Buggyra Racing: alla fine Ignacio Casale, al debutto con i bisonti della strada, è riuscito a mettere il muso davanti al compagno di squadra Martin Soltys.

La classifica generale
12. Tappa (Yanbu-Jeddah)
speciale: 202 km; trasferimento: 227 km; totale: 429 km

Pos.

Pilota/Meccanico/Navigatore

Camion

Tempo/distacco

1.

Sotnikov-Akhmadeev-Akhmetzianov

Kamaz 43509

49.02’59”

2.

Shibalov-Nikitin-Tatarinov

Kamaz 43509

+39’38"

3.

Mardeev-Galiautdinov-Svistunov

Kamaz 43509

+1.14’35"

4.

Macik-Tomasek-Svanda

Iveco Powerstar

+1.45’51”

5.

Loprais-Pokora-Alkendi

Praga V4S DKR

+2.00’31”

6.

Vishneuski-Novikau-Sachuk

MAZ 6440RR

+2.16’32"

7.

Karginov-Mokeev-Leonov

Kamaz 43509

+2.49’01”

8.

Van Den Brink-De Graaf-Van Den Brink

Renault Truck C460

+4.23’21"

9.

Casale-Leon-Hoffman

Tatra Phoenix

+5.27’50”

10.

Soltys-Schovanek-Sikola

Tatra Phoenix

+5.33’32"

condivisioni
commenti
Dakar, Sainz: "Contento a metà. Avevamo tutto per vincere"
Articolo precedente

Dakar, Sainz: "Contento a metà. Avevamo tutto per vincere"

Prossimo Articolo

Dakar: CS Santosh si è svegliato dal coma

Dakar: CS Santosh si è svegliato dal coma
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021