Dakar | Camion, Tappa 11: Nikolaev vince, ma s'arrende a Sotnikov

La penultima tappa della Dakar dei camion non è sfuggita allo "zar": Nikolaev ha preceduto di appena 15 secondi Karginov, ma non è riuscito a rosicchiare il distacco dal leader Sotnikov che mantiene otto minuti di vantaggio prima dell'ultima speciale di 164 km. Macik con l'Iveco è quarto dietro alla tripletta Kamaz, mentre Shibalov ha pagato una ventina di minuti ma è stato davanti a Van Kasteren.

Dakar | Camion, Tappa 11: Nikolaev vince, ma s'arrende a Sotnikov
Carica lettore audio

Eduard Nikolaev ha fatto quello che doveva: andare all’attacco nella penultima speciale della 44esima Dakar e vincere la tappa, nella speranza di mettere il difficoltà il compagno di squadra, Dmitry Sotnikov che conduce la classifica dei camion dal secondo giorno di gara.

Lo “zar” ha collezionato la quarta vittoria (contando anche il prologo) con il K5, pareggiando il conto con Sotnikov, ma l’unico risultato che ha ottenuto è che il distacco dal leader è scesa dai consueti dieci minuti a soli 8’18” che sono pochissimi se spalmati sul chilometraggio del raid, ma che risultano tanti considerando la speciale di domani con appena 164 chilometri nell’ultimo tratto cronometrato.

Come dire che Dmitry Sotnikov è destinato a conquistare il successo all’arrivo di Jeddah, replicando quello della scorsa edizione, se non ci saranno anche solo piccole sorprese. Il team Kamaz Master del resto non ha rivelato punti deboli nella sua organizzazione, riuscendo a portare tutti e quattro i camion nelle posizioni di vertice della classifica generale.

A questo punto Vladimir Chagin cercherà di congelare le posizioni per quella che dovrà essere un’entrata trionfale a Jeddah e solo qualche inconveniente potrebbe sovvertire un ordine d’arrivo che è già scritto. Sotnikov avrà il grande vantaggio di partire per ultimo domani per cui sarà informato in tempo reale sull’andamento di Nikolaev.

Nella tappa di oggi, che si è svolta intorno a Bisha, la Kamaz ha messo in pratica un’altra tripletta perché Anton Shibalov già al way point del km 43 ha accumulato un ritardo di circa un quarto d’ora che poi non è più riuscito a recuperare, tenuto conto del ritmo indiavolato dei compagni di squadra.

Shibalov ha concluso quarto preceduto da un determinato Martin Macik con l’Iveco Powerstar del team Big Shock Racing: il ceco è arrivato a otto minuti da Nikolaev, ma si è tolto la soddisfazione di meritare una posizione da podio nella classifica di giornata. Macik con un finale di raid incisivo si è arrampicato al settimo posto assoluto, dopo essere finito abbondantemente fuori dalla top 10.

Janus Van Kasteren si deve accontentare di essere il “primo degli altri” con merito. L’olandese è quinto nell’assoluta con l’Iveco Powerstar del team Petronas De Rooy ma ha accumulato un distacco di oltre un’ora da Karginov che è il Kamaz che chiude il poker russo. Un margine troppo grande per dettare un ruolo da grade protagonista (oggi Janus ha chiuso sesto a 24 minuti dallo “zar”): “Abbiamo un problema di potenza – spiega Van Kasteren – c’è un evidente ritardo di risposta del turbo rispetto al motore Kamaz e questa è un’area sulla quale ora sappiamo che ci dobbiamo lavorare”.

Analisi molto lucida quella dell’olandese che fa capire come mai dietro a quattro Kamaz spunti una vera e propria armata di Iveco nella top 10. Sei mezzi sono italiani: quattro Powerstar, un Trakker e un Magirus, segno che dietro ai russi c’è un marchio solo, visto che il resto della concorrenza si è dissolta da sola, incapace di reggere il ritmo insostenibile di Nikolaev e compagni.

Fra le note positive si segnala l’escalation del figlio di Martin Van den Brink, un giovanissimo che, pur guidando solo un mezzo di assistenza, si è affacciato alla classifica dei primi dieci con il suo Iveco Trakker: Mitchel ha un buon talento naturale e con un mezzo più competitivo potrebbe diventare l’artefice di una nuova generazione di piloti Iveco…

La classifica generale
Tappa 11 (Bisha - Bisha)
speciale: 346 km; trasferimento: 145 km; totale: 491 km

Pos.

Pilota/Meccanico/Navigatore

Camion

Tempo/distacco

1.

Sotnikov-Akhmadeev-Akhmetzianov

Kamaz K5 435091

+39.54’53”

2.

Nikolaev-Iakovlev-Rybakov

Kamaz K5 435091

+8’18”

3.

Shibalov-Nikitin-Tatarinov

Kamaz 43509

+1’04”50"

4.

Karginov-Mokeev-Malkov

Kamaz 43509

+1.47’34”

5.

Van Kasteren-Snijders-Rodewald

Iveco Powerstar

+2.55’19”

6.

Ma Van den Brink-Willemsen-Der Kinderen

Iveco Powerstar

+3.36’13”

7.

Macik-Tomasek-Svanda

Iveco Powerstar

+4.39’39”

8.

Verstaijnen-Van Dal-Smits

Iveco Powerstar

+4.44’13”

9.

R. De Groot-Hulsebosch-Laan

Iveco Magirus 4X4

+6.06’41"

10.

Mi. Van den Brink-Mouw-Donkelaar

Iveco Trakker

+7.46’45"

condivisioni
commenti
Dakar | Loeb penalizzato di 5 minuti. Al-Attiyah, ormai è fatta
Articolo precedente

Dakar | Loeb penalizzato di 5 minuti. Al-Attiyah, ormai è fatta

Prossimo Articolo

Dakar | Barreda: "La penalità è stata un po' un malinteso"

Dakar | Barreda: "La penalità è stata un po' un malinteso"
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021