C-Elysée ancora più forti per il gran finale?

condivisioni
commenti
C-Elysée ancora più forti per il gran finale?
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
08 set 2015, 08:18

La Citroën in estate non è stata in vacanza e ha lavorato per risolvere alcuni problemi in vista dei round asiatici.

Sébastien Loeb, Citroën C-Elysée WTCC, Citroën World Touring Car team
Sébastien Loeb, Citroën C-Elysée WTCC, Citroën World Touring Car team
Sébastien Loeb, Citroën C-Elysée WTCC, Citroën World Touring Car team
Sébastien Loeb, Citroën C-Elysée WTCC, Citroën World Touring Car team
Yvan Muller, Citroën C-Elysée WTCC, Citroën World Touring Car team

Il WTCC ricomincia in Giappone nel prossimo weekend: chissà se le Citroën C-Elysée proseguiranno il loro dominio.

In questo 2015 la Casa francese ha ottenuto 14 vittorie su 16 round e una serie di Pole Position. Nonostante ciò, durante l’estate i ragazzi de “Le Double Chevron” hanno proseguito un intenso lavoro di sviluppo, con Sébastien Loeb, José María López, Ma Qing Hua e Yvan Muller impegnati al Motorland Aragón, in Spagna.

Xavier Mestelan-Pinon, Direttore Tecnico della Citroën Total WTCC, ha spiegato di cosa si è trattato: “Dovevamo testare dei nuovi pezzi e debbo dire che siamo ottimisti. Durante i weekend di gara non abbiamo molto tempo per provare e analizzare nel dettaglio ogni cosa, infatti avevamo una serie di problemi non risolti che andavano studiati.”

“La sessione si è focalizzata su tre aspetti: differenziale, efficienza in frenata e parte posteriore della vettura. Abbiamo capito come agire e nelle prossime gare dovremmo essere più competitivi. La cosa difficile è il fatto che in tre piste delle prossime quattro tutto sarà nuovo, vedremo come andrà da qui al termine della stagione.”

Il prossimo appuntamento saranno le gare in Giappone sul Twin Ring di Motegi (11-13 settembre).

Prossimo articolo WTCC
Tom Coronel e il Giappone, una lunghissima storia

Articolo precedente

Tom Coronel e il Giappone, una lunghissima storia

Prossimo Articolo

Shapovalov: "Ora la Vesta è pronta per ogni sfida"

Shapovalov: "Ora la Vesta è pronta per ogni sfida"
Carica commenti