Doppio quindicesimo posto per Mercado a Sepang

Le gomme posteriori hanno ceduto di schianto in entrambe le manche, costringendo Tati a una difesa difficile

Doppio quindicesimo posto per Mercado a Sepang
Leandro Mercado, Barni Racing Team Ducati
Leandro Mercado, Barni Racing Team Ducati
Max Biaggi, Aprilia Racing Team
Jordi Torres, Aprilia Racing Team
Leon Haslam, Aprilia Racing Team
Max Biaggi, Aprilia Racing Team
Chaz Davies, Ducati Team
Jonathan Rea, Kawasaki e Chaz Davies, Ducati Team
Leandro Mercado, Barni Racing Team
Tom Sykes, Kawasaki
Sylvain Guintoli, Pata Honda
Kyle Smith, Pata Honda
Leandro Mercado, Barni Racing Team
Carica lettore audio

Dopo solo due settimane dalla prova statunitense di Laguna Seca, il Campionato Eni FIM World Superbike 2015 ha fatto tappa questo fine settimana in Malesia, sulla sensazionale pista di Sepang. Per Leandro Mercado e il Barni Racing Team si è trattato di una nuova sfida, non avendo mai corso prima d’ora sull’impegnativo tracciato asiatico, che si è conclusa con la conquista di due sofferti 15esimi posti.

 Fin dal primo turno del venerdì, Mercado e i tecnici del team si sono confrontati con la mancanza di dati dai quali partire per poter iniziare il lavoro di messa a punto della performante Ducati Panigale R. Con impegno e molta costanza hanno apportato diverse modifiche di assetto, che hanno permesso a Tati di concludere le free practice con il 16esimo tempo complessivo e partecipare quindi alla Superpole 1 il sabato, dove solo i primi due rider più veloci ottengono accesso al secondo turno di qualifiche ufficiali.

Qui Mercado si è classificato in 16esima posizione, con un crono di 2’06.268, dopo che una scivolata con la gomma da tempo gli ha impedito di migliorare la propria prestazione. Partirà quindi dalla 15esima casella nelle due gare domenicali, non partecipando Badovini (BMW) messo fuori gioco da una brutta caduta il venerdì. Durante gli ultimi decisivi 15 minuti del warm up della domenica, il team ha apportato nuove modifiche al setting della Panigale R, nel tentativo di risolvere i costanti problemi di grip riscontrati da inizio weekend.

Nonostante il cielo minaccioso di pioggia, le due prove del round malese si sono entrambe disputate in condizioni di asciutto. Allo scattare del semaforo rosso di Gara 1, Mercado si è subito accodato al resto dei piloti, cercando di dare inizio il prima possibile alla propria rimonta e acquisire vantaggio sugli inseguitori. Portatosi 13esimo dopo aver scavalcato Camier (MV Agusta) e Ramos (Kawasaki), il portacolori del Barni Racing Team è stato protagonista di un’intensa lotta per la 12esima posizione, prima con l’olandese Vd Mark (Honda), poi ritiratosi per un problema tecnico, e infine con Salom (Kawasaki). Ma nella seconda parte di gara, il calo di prestazione degli pneumatici ha costretto il pilota argentino ad adeguare il proprio passo e a limitare le azioni, per evitare che un qualsiasi azzardo potesse farlo incappare in un errore fatale. Scavalcato negli ultimi giri nuovamente da Camier e Ramos, Tati ha così tagliato il traguardo 15esimo. Vincitore della prova l’inglese Jonathan Rea (Kawasaki), davanti a Chaz Davies (Ducati) e alla wild card Max Biaggi (Aprilia).

Dopo una prima manche al di sotto delle aspettative, la squadra bergamasca ed il suo rider hanno riposto le loro speranze di riscatto in Gara 2. Partito bene, Mercado ha cercato di non perdere tempo e di guadagnare subitoposizioni importanti, per evitare di giungere al limite nelle ultime fasi della competizione. Approfittando dell’incidente al primo giro nel gruppone, che ha messo fuori gioco fin da subito Biaggi (Aprilia), Mercado ha scavalcato diversi piloti posizionandosi ottavo, continuando a macinare giri costanti nel tentativo di ricucire il distacco da Canepa (Ducati). A metà gara, però, le gomme non hanno retto nuovamente, costringendo Tati a rallentare sensibilmente e a guidare con estrema cautela, non riuscendo minimamente ad opporre resistenza agli attacchi degli avversari Sykes (Kawasaki), Salom (Kawasaki), Baiocco (Ducati) e De Puniet (Suzuki). Termina così 15esimo anche la seconda manche di giornata, vinta da Chaz Davies (Ducati), davanti a Jonathan Rea (Kawasaki) e a Jordi Torres (Aprilia).

Marco Barnabò, Principal Manager: “È stato davvero un weekend difficilissimo. Abbiamo lavorato tanto, ma purtroppo non siamo mai riusciti a trovare la soluzione ideale per la nostra moto. Rispetto ad altri round, qui abbiamo sofferto moltissimo la mancanza di dati, essendo stata per noi la prima esperienza a Sepang. In entrambe le due prove, gli pneumatici non hanno retto la distanza da percorrere, rendendo ingestibile la moto. Mi spiace, avremmo decisamente potuto fare meglio. In Gara 2, Tati era riuscito a portarsi nella top ten, dimostrando di avere davvero le potenzialità di poter concludere al meglio queste due prove. Peccato! Ora inizia la pausa estiva e al nostro rientro cercheremo di riscattarci! Ringrazio Ducati e i nostri sponsor per il loro supporto, Tati e i ragazzi del team per il grande lavoro fatto durante tutto il fine settimana“.

Leandro Mercado, #36: “È stato un fine settimana davvero molto difficile. Fin dal primo giorno abbiamo riscontrato problemi di grip che non siamo mai riusciti a risolvere, nonostante le continue modifiche di setting apportate alla moto. Nella prima metà di Gara 1 sono riuscito a mantenere un passo discreto, ma poi la gomma dietro ha iniziato a pattinare moltissimo e la situazione è diventata ingestibile. Prima di Gara 2 siamo intervenuti facendo una modifica significativa, che mi ha permesso di migliorare tanto nei primi giri ma, nelle ultime fasi, gli pneumatici erano completamente finiti, costringendomi a cercare solamente di evitare una caduta. Adesso lavoreremo per tornare competitivi a Jerez!“.

Al termine del decimo round, l’alfiere del Barni Racing Team occupa l’11esima posizione (106 punti) nella classifica generale guidata da Jonathan Rea (Kawasaki). Il prossimo appuntamento si svolgerà tra 6 settimane, il 20 settembre, sul circuito spagnolo di Jerez.

condivisioni
commenti
Sykes: "Nell'incidente al via sono stato sfortunato"
Articolo precedente

Sykes: "Nell'incidente al via sono stato sfortunato"

Prossimo Articolo

Buon fine settimana per Baiocco e Canepa a Sepang

Buon fine settimana per Baiocco e Canepa a Sepang
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Most, teatro di scontro tra Redding e Razgatlioglu Prime

Le migliori gare del 2021: Most, teatro di scontro tra Redding e Razgatlioglu

A Most, Toprak Razgatlioglu e Scott Redding si sono scontrati nella lotta per la vittoria. Il pilota Yamaha ha avuto la meglio con un sorpasso deciso all’ultimo giro che il portacolori Ducati ha giudicato troppo aggressivo. Il duello è andato avanti con una breve polemica al termine di Gara 1, ma in un round che ha riaperto il mondiale le tensioni si sono alleggerite quasi subito.

WSBK
24 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Rinaldi e la Ducati tingono Misano tricolore Prime

Le migliori gare del 2021: Rinaldi e la Ducati tingono Misano tricolore

Quella di Michael Ruben Rinaldi è stata una stagione di alti e bassi, con una seconda metà decisamente complicata. Tuttavia il pilota romagnolo archivia il 2021 con la grande soddisfazione di aver conquistato una stratosferica doppietta a Misano, nel round di casa davanti al proprio pubblico. E battendo colui che sarebbe poi diventato campione del mondo, Toprak Razgatlioglu.

WSBK
10 gen 2022
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021