Jerez, Libere 2: Sykes ancora davanti a Rea

Nessun miglioramento tra i primi dieci delle Libere 1. Ne approfitta Alex Lowes, che sale in terza posizione

La seconda sessione di prove libere dell'undicesimo appuntamento del Mondiale Superbike 2015 è stata svolta questo pomeriggio sul tracciato andaluso di Jerez de la Frontera, che, rispetto a questa mattina, ha visto innalzarsi le temperature e di conseguenza anche i tempi, costringendo i piloti di testa a non migliorare i rispettivi riferimenti cronometrici.

Proprio per questo motivo in vetta troviamo nuovamente le due Kawasaki ZX-10R Ninja ufficiali. La prima delle due è quella di Tom Sykes, il quale ha staccato il miglior tempo questa mattina in 1'41"957. Seconda posizione per il compagno di squadra, Jonathan Rea, ad appena 24 millesimi dal tempo di riferimento della giornata odierna. Il leader del mondiale è stato però il più rapido dei due alfieri della verdona questo pomeriggio per appena un decimo di secondo.

Chi invece ha compiuto un notevole passo avanti rispetto a questa mattina è stato Alex Lowes, in sella alla Suzuki GSX-R1000. Il britannico si è così messo alle spalle delle due Ninja nella classifica cumulativa grazie al tempo di 1'42"042, più di otto decimi più rapido se comparato al riferimento delle Libere 1. A nove millesimi dalla Suzuki numero 22 ecco la prima Ducati Panigale R, quella del gallese Chaz Davies. Anche lui come i connazionali non ha colto tempi migliori questo pomeriggio.

Quinto tempo per Niccolò Canepa, rimasto tra i piloti di vertice grazie al tempo della prima sessione. Per il pilota italiano si tratta di un ottimo venerdì di libere, perché continua a mostrare ad Althea di meritare la Panigale R dopo aver sostituito Nico Terol a campionato in pieno svolgimento. Arrivano miglioramenti invece da parte dell'idolo di casa, Jordi Torres, in sella alla prima delle Aprilia RSV4 RF. Lo spagnolo si è migliorato di 40 millesimi, ma ha sicuramente dato un segnale importante per la giornata di domani.

Dietro a Torres ecco a Leon Haslam, che, al contrario del compagno di squadra, si è trovato in difficoltà e questo pomeriggio si è dovuto accontentare della settima piazza assoluta. Matteo Baiocco ha mantenuto la seconda Ducati Panigale R del team Althea in ottava posizione, davanti alla Rossa ufficiale di Michele Pirro, nono. Ha completato la Top Ten il campione del mondo in carica Sylvain Guintoli, che ha messo alle proprie spalle il compagno di squadra Michael van der Mark. Bravo Ayrton Badovini, uno dei pochi piloti a migliorare i propri riferimenti. Il pilota della BMW ha chiuso le Libere 2 in dodicesima posizione.  

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Articolo di tipo Prove libere