Jerez, Libere 1: le Kawasaki subito davanti a tutti

condivisioni
commenti
Jerez, Libere 1: le Kawasaki subito davanti a tutti
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
18 set 2015, 12:23

Tom Sykes coglie il miglior tempo nelle Libere 1 davanti a Rea per 24 millesimi. Terzo Davies su Ducati

Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing, Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki e Chaz Davies, Ducati Team
Tom Sykes, Kawasaki, Chaz Davies, Ducati Team et Jonathan Rea, Kawasaki
Niccolo Canepa, Team Hero EBR
Niccolo Canepa
Michael van der Mark, Pata Honda et Leon Haslam, Aprilia Racing Team
Kyle Smith, Pata Honda

Dopo la lunga pausa estiva la World Superbike è tornata in pista e lo ha fatto questa mattina con il primo turno di prove libere del fine settimana che ospita l'undicesimo appuntamento della stagione 2015. Sul tracciato di Jerez de la Frontera le Kawasaki hanno iniziato nel medesimo modo in cui avevano concluso la prima parte della stagione, ovvero davanti a tutti. 

A centrare il miglior tempo nel primo turno di prove libere è stato Tom Sykes, che ha letteralmente dominato la sessione. Il pilota britannico si è issato in vetta alla graduatoria sin dal suo primo giro lanciato che poi ha progressivamente migliorato sino a siglare un ottimo 1'41"957. Sykes, in questo fine settimana avrà il compito di rafforzare il suo secondo posto nel Mondiale, centrando magari una bella doppietta per lanciare un segnale chiaro a Rea per l'anno venturo. 

Al secondo posto proprio il leader del mondiale piloti, Jonathan Rea, che ormai vede il traguardo. Il trionfo finale dista appena sei punti e l'obiettivo del britannico sarà raccoglierli in Gara 1, magari con una vittoria per suggellare un momento stupendo per la sua carriera. Appena 24 i millesimi che separano Johnny dal compagno di squadra, segno che la lotta per la pole e le vittorie dovrebbe essere circoscritta tra le due Ninja ufficiali e pochi altri piloti. 

Il rivale più convincente dei due piloti Kawasaki nel corso di questa è stato senza dubbio Chaz Davies. Anche a Jerez de la Frontera il pilota gallese è partito molto forte, risultando l'unico pilota con una moto differente a restare vicino ai due connazionali della casa giapponese. Il ducatista è in ritardo di 99 millesimi di secondo da Sykes, una bella iniezione di fiducia per il team di Borgo Panigale per il prosieguo del fine settimana. 

In quarta posizione ecco un'altra Ducati Panigale R, ma non è della scuderia ufficiale, bensì del team Althea. Niccolò Canepa è stato autore di un bell'ultimo tentativo con gomme più fresche che gli hanno consentito di risalire la graduatoria e issarsi alle spalle dei tre protagonisti del turno. Il pilota genovese è stato più lento di Davies di appena 69 millesimi.

Quinta posizione invece per la prima Aprilia RSV4 RF uffficiale, quella del pilota di casa Jordi Torres. Lo spagnolo è riuscito a precedere il compagno di squadra Leon Haslam per appena cinque millesimi di secondo. Bene anche Matteo Baiocco, settimo in sella alla seconda Ducati Panigale del team Althea, il quale è riuscito a stare davanti a Michele Pirro, sostituto nel team ufficiale dell'infortunato Davide Giugliano.

Non un buon avvio di fine settimana per il team Pata Honda. Il campione del mondo in carica Sylvain Guintoli non è riuscito a fare meglio della nona posizione, mentre il compagno di squadra Michael van der Mark ha chiuso la Top Ten. Buon rientro per Ayrton Badovini dopo l'infortunio patito a Sepang. Il pilota del team Motorrad BMW Italia ha chiuso la sessione in dodicesima posizione. 

Prossimo articolo WSBK
Canepa si difende: "Ecco la mia versione dei fatti!"

Articolo precedente

Canepa si difende: "Ecco la mia versione dei fatti!"

Prossimo Articolo

Leon Haslam operato per sindrome compartimentale

Leon Haslam operato per sindrome compartimentale
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Piloti Tom Sykes , Chaz Davies , Jonathan Rea
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Prove libere