Due terzi posti per Davies e Ducati a Donington

Chaz Davies ingaggia un bel duello in gara 2 con Haslam e lo vince. Deluso invece Davide Giugliano

Due terzi posti per Davies e Ducati a Donington

ottimi risultati per Chaz Davies e per l’Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team oggi sul circuito di Donington Park; sulla sua pista di casa, Davies ha portato la sua Panigale R sul podio in entrambe le manche, tagliando il traguardo due volte in terza posizione. Davide Giugliano ha concluso diciassettesimo e quinto. 

Gara 1 – condizioni climatiche fredde, ma pista asciutta per la prima gara. Chaz, sesto in griglia, è stato autore di una buona partenza ed era quarto nei primi giri, seguendo Haslam, terzo, e le due Kawasaki. Girando con lo stesso passo di Haslam, il gallese è riuscito a sorpassare il pilota Aprilia al 16esimo giro, per conquistare la terza posizione. Piazzamento che ha mantenuto fino al traguardo, portando la sua Panigale R sul podio.

Partito dalla prima fila della griglia, Giugliano concludeva i primi giri in quinta posizione. Purtroppo un problema al pneumatico posteriore lo ha fatto rientrare in pit lane nel corso del nono giro ed i suoi tecnici hanno cambiato le gomme. Tornato in pista in ultima posizione, Davide ha fatto quello che poteva, ma a causa del suo grande distacco, ha chiuso la manche in diciassettesima posizione.

Gara 2 – nella fase iniziale Giugliano era terzo, mentre Davies occupava la quinta posizione, dietro a Lowes. Dopo qualche scambio di posizioni, a metà gara le due Ducati ufficiali erano posizionate al quarto (Chaz) ed al quinto posto (Davide) ed entrambi i piloti si mettevano alla caccia di Haslam e di Rea che erano davanti a loro. Davies superava Haslam al 17simo giro e, gestendo bene la fase finale della manche, concludeva ancora una volta in terza posizione. Giugliano invece ha lottato con Haslam negli ultimi giri, chiudendo in quinta posizione finale.

Dopo i primi sei round del campionato 2015, Chaz Davies mantiene il quarto posto nella classifica generale con 155 punti, mentre Davide Giugliano è quattordicesimo con 40 punti. Ducati, grazie a questi due podi conquista la seconda posizione nella classifica dei costruttori, con 196 punti.

Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati Superbike Team #7) – 3°, 3°
Sono molto contento dei risultati di oggi. Il weekend non è stato facile ma abbiamo lavorato duro e finire entrambe le gare sul podio è stato un ottimo risultato. Oggi non eravamo allo stesso livello delle Kawasaki e quindi fare meglio del terzo posto era difficile. Nella seconda gara non avevo molto grip e ho avuto anche un piccolo problema in partenza che fortunatamente si è sistemato quasi subito. Diciamo che abbiamo fatto il massimo possibile qui a Donington e dobbiamo essere contenti, considerando soprattutto il fatto che questa è una pista dove non ho mai fatto così bene in passato. Ringrazio il mio team per il lavoro svolto questo weekend e adesso ci concentriamo sulle prossime gare, in cui spero di poter ottenere ancora buoni risultati”.

Davide Giugliano (Aruba.it Racing - Ducati Superbike Team #34) – 17°, 5°
Ovviamente sono molto dispiaciuto per il risultato della prima gara. Avevo molti problemi di grip e quindi ho deciso di rientrare in pit lane per farmi cambiare la gomma posteriore. Ovviamente facendo così ho perso troppo terreno e non c’è stato modo di recuperare una volta ritornato in pista, ma almeno abbiamo capito da dove veniva il problema. Nella seconda manche contavo di fare un risultato migliore, ma da metà gara il grip è calato e non riuscivo più a guidare come mi piace. Peccato perché contavo di avere tutte le carte in regola per poter fare due belle gare qui a Donington”.

Serafino Foti – Team Manager
E' stata tutto sommato una giornata positiva. Chaz ha disputato due ottime gare, e salire sul podio in entrambe le manche dimostra stabilità e costante crescita del nostro pacchetto. Oggi, in realtà, le Kawasaki, ma soprattutto Sykes, avevano qualcosa in più. Davide, dopo aver fatto una buona qualifica, in gara uno è stato sfortunato, ma ha comunque disputato una buona gara 2, lottando per il podio fino a pochi giri dalla fine. Dobbiamo preparare al meglio la prossima gara di Portimao quindi il lavoro continua forte dell’esperienza fatta questo weekend".

condivisioni
commenti
Doppio quarto posto per Leon Haslam a Donington
Articolo precedente

Doppio quarto posto per Leon Haslam a Donington

Prossimo Articolo

Un quinto e un nono posto per Badovini a Donington

Un quinto e un nono posto per Badovini a Donington
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Most, teatro di scontro tra Redding e Razgatlioglu Prime

Le migliori gare del 2021: Most, teatro di scontro tra Redding e Razgatlioglu

A Most, Toprak Razgatlioglu e Scott Redding si sono scontrati nella lotta per la vittoria. Il pilota Yamaha ha avuto la meglio con un sorpasso deciso all’ultimo giro che il portacolori Ducati ha giudicato troppo aggressivo. Il duello è andato avanti con una breve polemica al termine di Gara 1, ma in un round che ha riaperto il mondiale le tensioni si sono alleggerite quasi subito.

WSBK
35m
Le migliori gare del 2021: Rinaldi e la Ducati tingono Misano tricolore Prime

Le migliori gare del 2021: Rinaldi e la Ducati tingono Misano tricolore

Quella di Michael Ruben Rinaldi è stata una stagione di alti e bassi, con una seconda metà decisamente complicata. Tuttavia il pilota romagnolo archivia il 2021 con la grande soddisfazione di aver conquistato una stratosferica doppietta a Misano, nel round di casa davanti al proprio pubblico. E battendo colui che sarebbe poi diventato campione del mondo, Toprak Razgatlioglu.

WSBK
10 gen 2022
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021