Rea: “Non ci servono le ali di Ducati, ma i cavalli”

Secondo in Gara 2, il pilota Kawasaki perde l’egemonia sul tracciato di Portimao ma mantiene un distacco importante in classifica. Nonostante il dominio in campionato analizza i problemi della sua moto e ammette che debba essere migliorata.

Rea: “Non ci servono le ali di Ducati, ma i cavalli”

In Gara 2 Alvaro Bautista ha espugnato Portimao, storico fortino di Jonathan Rea, che qui vinceva ininterrottamente dal 2014. Dopo le due vittorie conquistate nella prima manche e nella Superpole Race di stamattina, il Campione in carica si è dovuto piegare allo spagnolo, che ha ricucito, seppur di poco, il distacco nella classifica generale.

Il pilota Ducati si è imposto a metà gara mettendo un margine relativamente buono, che ha perso negli ultimi due giri per via della stanchezza. Il leader del mondiale però non ha mai mollato e si è portato a pochissimi decimi quando mancavano poche curve al termine, dovendosi però accontentare di una seconda posizione alle spalle di un Bautista stoico.

Leggi anche:

Questo però non l’ha intaccato particolarmente e commenta così la seconda manche del weekend: “In Gara 2 mi sono sentito forte con la moto, dietro Alvaro spingevo dove lui guadagnava, cioè nei rettilinei. Alla curva 5 rischiavo di cadere ogni volta e lui riusciva sempre ad aumentare il gap. Ha commesso alcuni errori ma non riuscivo comunque a raggiungerlo. Stamattina ho vinto la Superpole Race con il setup che avevamo nelle FP3, quindi, quando ho visto che il margine su Toprak cresceva sempre di più, ho cercato di conservare le gomme e la strategia è cambiata. Ieri avevo gomma all’inizio ma poi è crollata. Questo setup ci ha permesso di andare più lisci senza stressare troppo il posteriore. Il team ha lavorato bene per tutto il fine settimana ed ogni sessione è stata positiva. Mi sono divertito nella lotta”.

La differenza di motore si è notata molto sul rettilineo di Portimao, una pista particolare ed unica. Nonostante le innumerevoli vittorie, il leader del mondiale sa di cosa ha bisogno per migliorare ulteriormente una moto che considera non ancora perfetta: “Le ali hanno aiutato Ducati? Non so, ma non ci servono le ali, abbiamo bisogno di cavalli. Non so delle ali sinceramente, sono sicuro che la nostra velocità di punta è minore, ma nel loro caso questo potrebbe avere degli impatti negativi. Se vinciamo perché la Kawasaki è migliorata? Non credo, penso che questa pista sia molto particolare e che il pilota faccia la differenza per quanto riguarda il setup, ma sui circuiti classici credo che abbiamo ancora molto lavoro da fare”.

Leggi anche:

“Ad inizio stagione ho detto che la nostra moto è un riferimento in SBK, dobbiamo reagire, continuare a lavorare. Ma è chiaro che tiriamo fuori dalla moto il meglio ogni fine settimana ed il team lavora benissimo, con una mentalità positiva. Quando c’è un’occasione la sfruttiamo e dobbiamo continuare a fare quello che abbiamo fatto oggi. Il mio team manager mi ha tolto la pressione dalle spalle dicendomi di rilassarmi. Sono orgoglioso di me perché ho lottato, le altre volte siamo stati battuti malamente, ma stavolta abbiamo perso per pochi millesimi”.

Rea mantiene comunque un vantaggio importante, ben 91 punti di distacco. Inoltre è sempre più vicino al titolo, pur guidando una Kawasaki ad inizio stagione decisamente inferiore rispetto alla Panigale V4 R. Per questa ragione si sente fiero del lavoro svolto da lui e dal team, in una progressione incredibile: “Conquistare il titolo a Magny-Cours è un obiettivo poco realistico al momento. Siamo vicini, abbiamo fatto tutto nel modo giusto fino ad ora. Dipende da noi, abbiamo molto da perdere, ma anche per questo motivo questo weekend non ho voluto pensare troppo a gestire. Vincere il campionato è bello, non importa su quale pista. È una conseguenza di tutte le battaglie che abbiamo fatto, quello che importa è dove eravamo a maggio e dove siamo ora. Non ci credo, all’inizio della stagione era un obiettivo irreale. La forza della nostra squadra ci ha portati qui. In Francia possiamo essere veloci, ma potremmo anche perdere qualcosa sul lungo rettilineo. Proveremo a fare il massimo, ma sempre facendo attenzione, perché potrei cadere o avere un guasto meccanico”.

Informazioni aggiuntive di Sebastian Fränzschky

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing
1/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
2/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team over the line

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team over the line
3/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
4/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
5/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
6/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
7/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
8/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
9/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonjathan Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team

Jonjathan Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team
10/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
11/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Bautista vincitore polemico: “Ducati non fa niente per migliorare”

Articolo precedente

Bautista vincitore polemico: “Ducati non fa niente per migliorare”

Prossimo Articolo

Davies risponde a Bautista: “Le sue dichiarazioni sono esagerate”

Davies risponde a Bautista: “Le sue dichiarazioni sono esagerate”
Carica commenti
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
15 giu 2021
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021