WSBK
G
Imola
08 mag
-
10 mag
Evento concluso
G
Donington Park
03 lug
-
05 lug
Postponed
31 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
24 giorni
31 lug
-
02 ago
Canceled
G
Algarve
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
31 giorni
21 ago
-
23 ago
Postponed
G
Aragon
28 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
52 giorni
G
Barcelona
18 set
-
20 set
Prossimo evento tra
73 giorni
G
Magny-Cours
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
87 giorni
G
Villicum
09 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
94 giorni
G
Misano
06 nov
-
08 nov
Prossimo evento tra
122 giorni

Dopo il buono visto in Australia, Aprilia punta in alto in Thailandia

condivisioni
commenti
Dopo il buono visto in Australia, Aprilia punta in alto in Thailandia
Di:
22 mar 2018, 10:59

Il team Milwaukee Aprilia Racing guarda con ottimismo al secondo round del mondiale Superbike. Dopo quanto di buono visto finora, le possibilità di fare bene con la RSV4-RF ci sono.

Lorenzo Savadori, Milwaukee Aprilia
Lorenzo Savadori, Milwaukee Aprilia
Eugene Laverty, Milwaukee Aprilia
La caduta Eugene Laverty, Milwaukee Aprilia
La caduta Eugene Laverty, Milwaukee Aprilia
Eugene Laverty, Milwaukee Aprilia

Passato un mese dal promettente weekend della prima gara del campionato del mondo SBK 2018, il team della casa di Noale è arrivato sul circuito di Buriram consapevole di avere per le mani un mezzo ed una squadra capace di puntare in alto e di poter andare a dare fastidio là nelle posizioni che contano.

Se i risultati non sono ancora arrivati va infatti fatto notare che il team Milwaukee ha sempre mostrato, fin dai primi test pre-campionato e dalle prove libere del round 1, un grande miglioramento rispetto all'anno passato: in entrambe le occasioni i piloti Aprilia Lorenzo Savadori e Eugene Laverty si sono classificati rispettivamente primo e terzo. Purtroppo però questi risultati non sono ancora stati confermati: un incidente per Savadori nel corso della Superpole 1 lo ha messo fuori gioco per l'intero weekend mentre Laverty, con un secondo posto in Superpole 2, ha corso un'ottima Gara 2 finché una caduta non lo ha relegato nelle posizioni di coda. Comunque sia, questi non-risultati non hanno scoraggiato il team italiano, la moto ed il team ci sono, ora bisogna solamente confermare quanto di buono visto finora.

La pista sulla quale si disputerà la seconda gara del campionato metterà a dura prova i piloti e la moto; se il tracciato in quanto tale non è niente di eccessivamente stressante (quella Tailandese è infatti una pista abbastanza "melodica" nella quale a pagare di più è il miglior equilibrio generale fra telaio e motore) saranno piuttosto le condizioni meteo a metter a dura prova moto, piloti e gomme. Con livelli di umidità altissimi e temperature sempre al di sopra dei 30° saranno infatti proprio le gomme e la loro capacità di gestire queste temperature le sorvegliate speciali.

Ora, con Savadori ritornato al 100% ed una gara di dati in più da studiare, il team ha tutte le carte in regola per spremere il meglio dai suoi piloti e dalla sua RS4-RF.

Prossimo Articolo
Alex Lowes: “Punteremo sempre al podio”

Articolo precedente

Alex Lowes: “Punteremo sempre al podio”

Prossimo Articolo

La situazione dei vari costruttori nella storia del Gran Premio tailandese

La situazione dei vari costruttori nella storia del Gran Premio tailandese
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WSBK
Evento Buriram
Location Chang International Circuit
Piloti Eugene Laverty , Lorenzo Savadori
Team Team Milwaukee
Autore Lorenzo Moro