WRC | Safari Rally, PS11: Evans si riavvicina a Rovanpera

Evans vince la prova e si riavvicina a Rovanpera. Katsuta risponde agli attacchi di Neuville, con quest'ultimo che ha rovinato la parte anteriore destra della carrozzeria della sua i20 N.

WRC | Safari Rally, PS11: Evans si riavvicina a Rovanpera
Carica lettore audio

Il giro pomeridiano del sabato al Safari Rally è ricominciato sotto il segno di Toyota Racing e di Elfyn Evans. Il gallese ha vinto la Prova Speciale 11, la Soysambu 2 di 29,32 chilometri con il tempo di 18'05"3, mettendosi alle spalle tutti i compagni di squadra.

Evans ha infatti fatto meglio di Kalle Rovanpera per 3"6, di Takamoto Katsuta per 5" netti e Sébastien Ogier per 6"1. Un poker eloquente della Casa giapponese che lascia poco spazio alle repliche.

Con la vittoria di speciale, Evans torna ad avvicinarsi a Kalle Rovanpera. Ora il divario tra i due è quantificabile in 15"8, mentre Katsuta è riuscito ad allontanarsi leggermente da Thierry Neuville, proteggendo in maniera più solida il terzo posto provvisorio.

Il pilota belga è stato il migliore degli altri, ma ha commesso un errore che potrebbe costargli caro per il resto dell'evento. Nel corso del primo settore è atterrato troppo violentemente dopo un sobbalzo e ha rovinato la parte anteriore destra della carrozzeria della sua i20 N Rally1.

Questo significa che ha perso parte dello splitter e ora l'anteriore della sua vettura si alza troppo, essendo esposto molto di più al vento quando è ad alta velocità. Non è un caso che Thierry non sia andato oltre il quinto crono di speciale. Tentare la rimonta nei confronti dei piloti Toyota sarà molto difficile, anche se nella prossima speciale i piloti troveranno un fondo reso ancora più insidioso dalla pioggia pesante caduta mentre erano intenti ad affrontare la PS11.

Da segnalare la foratura lenta che ha fatto rallentare ulteriormente Craig Breen. Il pilota del team M-Sport ha un'andatura molto compassata, consapevole di non potersi giocare più nulla in classifica generale. Si trova settimo dopo il ritiro di Ott Tanak e non potrà in alcun modo attaccare Oliver Solberg, ma durante la PS11 è andato ancora più cauto a causa del problema di cui sopra.

condivisioni
commenti

WRC | Vergogna al Safari: Greensmith capotta, i marshal non lo aiutano

WRC | Safari Rally, PS12: Neuville sale terzo. Rovanpera allunga