WRC, Rally di Germania: i promotori non si arrendono ai divieti

L'ADAC Rallye Deutschland conta di trovare un accordo con il governo, nonostante quest'ultimo abbia prorogato sino al termine di ottobre il divieto di svolgimento di eventi dalla grande portata di pubblico.

WRC, Rally di Germania: i promotori non si arrendono ai divieti

Nel corso delle ultime ore sono sorti numerosi dubbi per quanto riguarda l'effettivo svolgimento del Rally di Germania, uno dei pochi eventi del WRC a oggi non ancora posticipati né, ovviamente, cancellati.

Le recenti decisioni del governo capeggiato da Angela Merkel, ossia estendere il divieto degli eventi con ampio richiamo di pubblico sino al termine del mese di ottobre, hanno messo in pericolo l'evento del WRC, che sulla carta avrebbe dovuto rappresentare anche uno degli ultimi appuntamenti di questo travagliato Mondiale.

La posizione della gara tedesca - in calendario prevista dal 15 al 18 ottobre - è stata messa così in discussione da portare gli organizzatori del Rallye du Valais a proporsi come gara sostitutiva proprio in quel fine settimana.

Leggi anche:

Non si è fatta attendere la risposta dell'ADAC Rallye Detuschland, promotrice e organizzatrice del Rally di Germania. Sebbene il governo tedesco abbia deciso di estendere il divieto per gli eventi con ampio pubblico, l'ADAC sta lavorando per trovare soluzioni che consentirebbero lo svolgimento dell'evento con la presenza di pubblico.

"Il capo del governo tedesco ha deciso che le restrizioni attuali riguardo gli eventi di ampia portata di pubblico dovranno essere vietati sino al termine del mese di ottobre. I manager di ADAC Rallye Deutschland hanno lavorato a stretto contatto con le autorità per decidere quali misure sarebbero state necessarie per cercare di disputare il Rally di Germania 2020, previsto dal 15 al 18 ottobre, in presenza degli spettatori", si legge nella prima parte del comunicato emesso dall'ADAC Rallye Deutschland.

"Stiamo valutando tutte le possibili opzioni che consentirebbero di svolgere la gara nel rispetto del distanziamento sociale e delle normative igieniche. La sicurezza di tutti i soggetti coinvolti nella gara e quella degli spettatori è fondamentale per le questioni legate alla pianificazione dell'evento".

Dunque la partita per lo slot a oggi ancora nelle mani dei promotori del Rally di Germania - ma ambita anche da quelli del Rallye du Valais - è più che mai aperta. Ma senza una decisione favorevole del governo tedesco, tutto volgerebbe a favore della gara svizzera che, però, dovrà mostrare ai promotori del WRC di poter organizzare in breve tempo una gara di livello mondiale sotto tutti i punti di vista.

condivisioni
commenti
WRC: il Rallye du Valais si candida a sostituire il Rally Germania

Articolo precedente

WRC: il Rallye du Valais si candida a sostituire il Rally Germania

Prossimo Articolo

WRC: Hyundai schiera Tanak, Neuville e Sordo al Rally di Alba

WRC: Hyundai schiera Tanak, Neuville e Sordo al Rally di Alba
Carica commenti
WRC: Evans la stella che legherà i regni di Ogier e Rovanpera Prime

WRC: Evans la stella che legherà i regni di Ogier e Rovanpera

Evans è l'avversario a oggi più credibile di Ogier nella lotta al titolo Piloti 2022. Toyota lo vede come numero 1 ideale per il passaggio di consegne tra il fenomenale francese e chi dovrebbe raccogliere la sua eredità a lungo termine: Kalle Ronvanpera.

WRC
11 giu 2021
WRC: essere il re dei venerdì può portare Ogier all'ottavo titolo Prime

WRC: essere il re dei venerdì può portare Ogier all'ottavo titolo

Sébastien Ogier sta letteralmente dominando la prima parte del Mondiale Rally 2021. Il campione della Toyota ha costruito le sue imprese nelle giornate più difficili, al venerdì, dove è spesso stato costretto ad aprire le speciali in condizioni sfavorevoli.

WRC
9 giu 2021
Pagelle WRC: Tanak, un 9 che fa male Prime

Pagelle WRC: Tanak, un 9 che fa male

Il Rally Italia Sardegna ha regalato, ancora una volta in questo Mondiale 2021, momenti difficili per alcuni e grandi occasioni per altri. Andiamo a scoprire le pagelle dell'appuntamento sardo, stilate e commentate da Beatrice Frangione e dal responsabile WRC di Motorsport.com, Giacomo Rauli.

WRC
8 giu 2021
WRC: la magia e le insidie del Rally Italia Sardegna Prime

WRC: la magia e le insidie del Rally Italia Sardegna

Dal 3 al 6 giugno torna il Rally Italia Sardegna, quinto appuntamento del WRC 2021. Scopriamo assieme il nuovo percorso della gara che avrà base a Olbia dopo 7 anni e le insidie di uno sterrato tutt'altro che facile, ma anche chi sono i favoriti alla vigilia.

WRC
2 giu 2021
WRC: ora le i20 volano. Hyundai deve capitalizzare Prime

WRC: ora le i20 volano. Hyundai deve capitalizzare

Le i20 hanno ormai raggiunto le Yaris in quanto a prestazioni, ma ora Hyundai deve capitalizzare tutto il lavoro fatto in questi mesi. Gli errori fatti in Portogallo non potranno più ripetersi, altrimenti per vincere i titoli 2021 sarà dura.

WRC
26 mag 2021
Pagelle WRC: Tanak e Neuville bocciati. Toyota non eccelle Prime

Pagelle WRC: Tanak e Neuville bocciati. Toyota non eccelle

Per il quarto appuntamento stagionale, il WRC fa tappa sullo sterrato lusitano, per il Rally del Portogallo. Andiamo a scoprire i promossi e i bocciati con le pagelle stilate e commentate da Giacomo Rauli e Beatrice Frangione.

WRC
25 mag 2021
WRC: le 6 domande che pone il Rally del Portogallo Prime

WRC: le 6 domande che pone il Rally del Portogallo

Dal 20 al 23 maggio torna il WRC 2021 con il Rally del Portogallo. Proviamo ad analizzare i 6 interrogativi principali che si pongono alla vigilia del primo rally su terra della stagione corrente.

WRC
19 mag 2021
WRC: cosa scatenano i rinnovi di Neuville e Tanak con Hyundai Prime

WRC: cosa scatenano i rinnovi di Neuville e Tanak con Hyundai

Il rinnovo di contratto di Neuville e Tanak è stata la prima mossa di mercato Piloti WRC verso il 2022. Andiamo ad analizzare l'effetto domino che questa mossa di Hyundai scaturirà nel corso dei prossimi mesi.

WRC
12 mag 2021