WRC: la realtà virtuale è usata per migliorare la sicurezza

Robert Reid, oggi presidente della Closed Road Commission di WRC, ha spiegato come la realtà virtuale abbia aiutato la formazione degli addetti alla sicurezza dei rally.

WRC: la realtà virtuale è usata per migliorare la sicurezza

Robert Reid è nella storia del Mondiale Rally per aver vinto il titolo iridato nel 2001, affiancando il compianto Richard Burns nell'abitacolo della Subaru Impreza WRC. Terminata la carriera da sportivo, l'ex navigatore è rimasto coinvolto nel mondo dei rally, occupando un ruolo molto importante.

Oggi Reid è presidente della Closed Road Commission della FIA, che ha il compito di occuparsi di tutti gli aspetti legati alla sicurezza dei rally. Lo scorso mese Reid, assieme al collega Brian Cameron, avrebbe dovuto tenere a Ginevra un corso per la formazione dei delegati alla sicurezza FIA.

La pandemia da COVID-19, però, ha fatto saltare l'evento fisico. Per questo motivo Reid ha preso in considerazione l'utilizzo della realtà virtuale per mettere in atto le lezioni che avrebbe dovuto tenere.

"Utilizziamo già piattaforme e webinar di e-learning come modo per fornire formazione di base e alcuni lavori di valutazione", ha dichiarato Reid a WRC.com.

“Ma quando si è trattato della presentazione online, ci è voluto un po 'di lavoro per renderlo più di un semplice webinar. Ho quindi iniziato a pensare a generare il tipo di scenari di cui avevamo bisogno su una piattaforma di gioco".

Reid è stato aiutato da Jon Armstrong. Per i più giovani e appassionati di eSports, si tratta dell'ex campione di WRC virtuale. Armstrong ha aiutato Reid a costruire stage virtuli, con tanto di vie di fuga, spettatori, veicoli d'emergenza. Insomma, tutto ciò di cui ha bisogno una vera prova speciale.

I due hanno riprodotto tutti i tipi di scenario possibili parlandosi su Zoom, creando infine 2 giorni di lezione, con 4 blocchi di 2 ore per giorno tenendo inoltre conto dei diversi fusi orari delle persone che avrebbero dovuto partecipare.

Reid ha spiegato come le stage virtuali riescano a essere efficaci nelle lezioni dedicate alla sicurezza: "La cosa buona, sfruttando il mondo virtuale, è che possiamo creare molteplici problemi, anche riprodurre marshall che non danno la conferma che tutto procede nel migliore dei modi".

"Questo ci permette di mettere i delegati della sicurezza in varie situazioni e 'sfidarli', per vedere come procedono e come affrontano i vari casi. Le prove speciali durano 5 minuti, ma quando troviamo un problema la fermiamo, la mettiamo in pausa, dando ai delegati 10 minuti per decidere un piano d'azione e lo facciamo per una dozzina di scenari differenti", ha concluso Reid.

condivisioni
commenti
WRC: si va verso un Mondiale 2020 "europeo" e con gare ridotte

Articolo precedente

WRC: si va verso un Mondiale 2020 "europeo" e con gare ridotte

Prossimo Articolo

WRC: Sainz votato il miglior pilota di sempre. Loeb si inchina

WRC: Sainz votato il miglior pilota di sempre. Loeb si inchina
Carica commenti
WRC: Evans la stella che legherà i regni di Ogier e Rovanpera Prime

WRC: Evans la stella che legherà i regni di Ogier e Rovanpera

Evans è l'avversario a oggi più credibile di Ogier nella lotta al titolo Piloti 2022. Toyota lo vede come numero 1 ideale per il passaggio di consegne tra il fenomenale francese e chi dovrebbe raccogliere la sua eredità a lungo termine: Kalle Ronvanpera.

WRC
11 giu 2021
WRC: essere il re dei venerdì può portare Ogier all'ottavo titolo Prime

WRC: essere il re dei venerdì può portare Ogier all'ottavo titolo

Sébastien Ogier sta letteralmente dominando la prima parte del Mondiale Rally 2021. Il campione della Toyota ha costruito le sue imprese nelle giornate più difficili, al venerdì, dove è spesso stato costretto ad aprire le speciali in condizioni sfavorevoli.

WRC
9 giu 2021
Pagelle WRC: Tanak, un 9 che fa male Prime

Pagelle WRC: Tanak, un 9 che fa male

Il Rally Italia Sardegna ha regalato, ancora una volta in questo Mondiale 2021, momenti difficili per alcuni e grandi occasioni per altri. Andiamo a scoprire le pagelle dell'appuntamento sardo, stilate e commentate da Beatrice Frangione e dal responsabile WRC di Motorsport.com, Giacomo Rauli.

WRC
8 giu 2021
WRC: la magia e le insidie del Rally Italia Sardegna Prime

WRC: la magia e le insidie del Rally Italia Sardegna

Dal 3 al 6 giugno torna il Rally Italia Sardegna, quinto appuntamento del WRC 2021. Scopriamo assieme il nuovo percorso della gara che avrà base a Olbia dopo 7 anni e le insidie di uno sterrato tutt'altro che facile, ma anche chi sono i favoriti alla vigilia.

WRC
2 giu 2021
WRC: ora le i20 volano. Hyundai deve capitalizzare Prime

WRC: ora le i20 volano. Hyundai deve capitalizzare

Le i20 hanno ormai raggiunto le Yaris in quanto a prestazioni, ma ora Hyundai deve capitalizzare tutto il lavoro fatto in questi mesi. Gli errori fatti in Portogallo non potranno più ripetersi, altrimenti per vincere i titoli 2021 sarà dura.

WRC
26 mag 2021
Pagelle WRC: Tanak e Neuville bocciati. Toyota non eccelle Prime

Pagelle WRC: Tanak e Neuville bocciati. Toyota non eccelle

Per il quarto appuntamento stagionale, il WRC fa tappa sullo sterrato lusitano, per il Rally del Portogallo. Andiamo a scoprire i promossi e i bocciati con le pagelle stilate e commentate da Giacomo Rauli e Beatrice Frangione.

WRC
25 mag 2021
WRC: le 6 domande che pone il Rally del Portogallo Prime

WRC: le 6 domande che pone il Rally del Portogallo

Dal 20 al 23 maggio torna il WRC 2021 con il Rally del Portogallo. Proviamo ad analizzare i 6 interrogativi principali che si pongono alla vigilia del primo rally su terra della stagione corrente.

WRC
19 mag 2021
WRC: cosa scatenano i rinnovi di Neuville e Tanak con Hyundai Prime

WRC: cosa scatenano i rinnovi di Neuville e Tanak con Hyundai

Il rinnovo di contratto di Neuville e Tanak è stata la prima mossa di mercato Piloti WRC verso il 2022. Andiamo ad analizzare l'effetto domino che questa mossa di Hyundai scaturirà nel corso dei prossimi mesi.

WRC
12 mag 2021