WRC: si va verso un Mondiale 2020 "europeo" e con gare ridotte

Difficile ricollocare le gare extraeuropee, mentre per i team sarà più agevole spostare personale e logistica in Europa. Ecco a che tipo di WRC 2020 potremmo assistere.

WRC: si va verso un Mondiale 2020 "europeo" e con gare ridotte

Dopo un avvio di stagione 2020 vicino alla normalità, il WRC si è trovato ad affrontare - così come tutte le altre categorie sportive - la pandemia da COVID-19. Parlando esclusivamente dal punto di vista sportivo, questa ha costretto gli organizzatori di numerosi eventi facenti parte del calendario 2020 a rivedere tutto.

Il Rally d'Argentina, il Rally del Portogallo e il Rally Italia Sardegna sono stati posticipati a causa del COVID-19, e negli ultimi giorni abbiamo assistito alla prima cancellazione di un evento WRC causata dalla pandemia, quella della gara iberica. Si tratta della seconda defezione della stagione in quanto, la prima, è arrivata già mesi fa - il Rally del Cile - a causa dei disordini popolari che hanno messo in ginocchio il paese.

Promotori con potere

 

La Federazione Internazionale dell'Automobile lavora da settimane a stretto contatto con le autorità statali dei vari luoghi che ospitano gare mondiali del WRC e con i promotori. La decisione della FIA è stata di lasciare ampio potere decisionale a federazioni e promotori, così da non influire sulle decisioni prese dai governi riguardo restrizioni sulla vita ed eventi pubblici.

Per questo motivo ogni situazione è da seguire con prospettive differenti. Pensiamo solo a quanto poco tempo sia intercorso tra la sospensione del Rally d'Argentina e il Rally Italia Sardegna, senza considerare l'annullamento del Rally del Portogallo, che era previsto al termine di maggio. Eppure ci sono altre realtà che stanno aspettando ben oltre i limiti del buonsenso per vedere se sarà possibile o meno disputare la gara.

Safari prima gara, ma si farà?

 

Con la posticipazione e cancellazione delle tre gare previste da qui a giugno, la prima gara in calendario del WRC 2020 sarà il Safari Rally, gara che rientra nel Mondiale dopo quasi 20 anni prevista addirittura a metà del mese di luglio. Dunque tra più di 2 mesi. Ormai da diverse settimane i promotori dell'evento e il governo kenyota stanno valutando se vi sia la possibilità di svolgere la gara in sicurezza nel fine settimana stabilito nell'ultimo Consiglio Mondiale del Motorsport svolto a dicembre 2019.

Il COVID-19 non ha risparmiato nemmeno il continente africano, Kenya compreso. I casi di persone positive al virus salgono di giorno in giorno (435) anche se, a dire il vero, con numeri infinitamente minori rispetto a quelli visti in queste settimane in Europa e negli Stati Uniti. Bisogna però considerare il numero basso di tamponi effettuati sino a ora (22.897).

Per questo motivo organizzatori e governo hanno deciso di attendere ancora, pur avendo fissato il mese scorso una deadline che, alla fine, non è stata rispettata. La gara continua a essere programmata nel medesimo fine settimana, anche se ci sono più motivi che spingono a pensare che la gara non si farà, quantomeno a metà luglio.

I team sono reticenti ad andare a correre in Kenya in un momento storico come questo, poi bisogna pensare alla salute del personale, alla logistica e a una serie di fattori che potrebbero comunque portare al rinvio della gara.

Finlandia salva, per ora

 

Se i promotori del Safari Rally stanno facendo di tutto per posticipare l'eventuale rinvio della gara, quelli del Rally di Finlandia sono rimasti al sicuro dai provvedimenti governativi che hanno imposto l'annullamento degli eventi con oltre 500 persone sino alla fine del mese di luglio. Com l'inserimento del Safari Rally, la gara finlandese si è spostata di una settimana e, sino a ora, è il motivo per cui non è stata toccata.

Il governo finlandese, però, emetterà tra poche settimane altre norme legate agli eventi pubblici che andrà a confermare o a rinviare il Rally. L'appuntamento è per l'inizio di giugno e la sensazione è che il rinvio sia quasi inevitabile.

Un Mondiale "europeo"

 

E' un fatto che la ricollocazione di gare come l'Argentina ed, eventualmente, il Safari sia a dir poco difficoltosa. I viaggi al di fuori del Vecchio Continente sono molto dispendiosi e anche complicati dal punto di vista logistico anche per Case del livello di Hyundai, Toyota e Ford, senza contare i team privati.

Ecco dunque che si presenta lo stesso problema con il Rally di Nuova Zelanda, previsto dal 3 al 6 settembre. Al momento è presto per parlare delle misure sanitarie prese dal governo locale, ma è certo che l'intenzione sia quella di preservare l'attuale stato, che vede pochi casi e circoscritti.

Non stupirebbe l'annullamento anche del Rally Nuova Zelanda. Così, a farla da padrone, rimarrebbe proprio l'Europa, sede di tutti i team ufficiali (Alzenau, Puuppola/Tallinn e Cockermouth). Il Mondiale, così, potrebbe annoverare quasi tutti eventi europei, a partire dal Rally di Turchia previsto dal 24 al 27 settembre, poi il Rally di Germania, il Rally Galles Gran Bretagna e, perché no, magari la ricollocazione del Rally Italia Sardegna e di quello di Finlandia.

Una chance potrebbe averla il Rally del Giappone, che si candida a rimanere gara di chiusura della stagione 2020 e, forse, unica tappa extraeuropea dopo quella fatta in Messico nel mese di marzo. Questo vorrebbe dire un campionato di 8-9 rally complessivi, ben distante dal calendario originale che ne annoverava 14 in giro per il pianeta. Ma, come si dice in casi del genere, è bene far di necessità, virtù.

Gare di 2 giorni poco apprezzate

 

Il reparto Rally della FIA capeggiato da Yves Matton ha fatto sapere di avere tutta l'intenzione di proseguire con il Mondiale e di voler adottare ogni possibile modo per completare la stagione. Negli ultimi giorni è stata avanzata la proposta di correre gare su 2 giorni (sabato e domenica), togliendo così un'intera giornata di gara.

Questa però è stata poco apprezzata dalla maggior parte dei promotori delle gare. Il motivo è prettamente economico, perché con eventi di soli 2 giorni in molti hanno fatto sapere di non avere l'opportunità di rientrare dei soldi investiti per l'organizzazione della gara. Insomma, sarebbe una rimessa di denaro non certo gradita.

Per questo motivo è possibile che passino al vaglio della FIA ulteriori proposte per convincere i promotori e aiutare i team negli spostamenti di personale e materiale. Dopo i recenti rinvii di gare, il tempo per prendere la decisione migliore - o la meno dolorosa - per quasi tutti sembra esserci...

condivisioni
commenti
WRC: 2 maggio, il giorno maledetto dei rally
Articolo precedente

WRC: 2 maggio, il giorno maledetto dei rally

Prossimo Articolo

WRC: la realtà virtuale è usata per migliorare la sicurezza

WRC: la realtà virtuale è usata per migliorare la sicurezza
Carica commenti
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021
WRC | Ogier-Ingrassia: cosa lasciano in eredità i migliori Prime

WRC | Ogier-Ingrassia: cosa lasciano in eredità i migliori

Sébastien Ogier e Julien Ingrassia hanno vinto a Monza l'ottavo e ultimo titolo WRC assieme. Ecco qual è la loro eredità, al di là dei titoli, delle vittorie e del loro nome già nell'Olimpo dei più grandi del Motorsport.

WRC
25 nov 2021
Pagelle WRC | 10gier campione, S8lberg, che prestazione! Prime

Pagelle WRC | 10gier campione, S8lberg, che prestazione!

In questo nuovo video di Motorsport.com, Giacomo Rauli e Beatrice Frangione commentano le prestazioni dei protagonisti dell'ACI Rally Monza. Ecco i promossi e i bocciati dell'ultimo appuntamento del mondiale WRC 2021.

WRC
23 nov 2021
WRC, cos'ha messo in pericolo la vittoria di Neuville in Spagna? Prime

WRC, cos'ha messo in pericolo la vittoria di Neuville in Spagna?

Thierry Neuville ha dominato il Rally di Spagna, ma ha rischiato di perdere tutto a causa di un problema verificatosi prima della Power Stage. Ecco di cosa si tratta.

WRC
21 ott 2021
Pagelle WRC: Ogier e Tanak (ancora) dietro la lavagna Prime

Pagelle WRC: Ogier e Tanak (ancora) dietro la lavagna

Dal Rally di Spagna, il mondiale WRC ne esce con tanti promossi, tanti bocciati e... due titoli ancora da assegnare. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano le prestazioni dei protagonisti della tappa spagnola.

WRC
18 ott 2021
Pagelle WRC: Ogier bocciato, manca la zampata del campione Prime

Pagelle WRC: Ogier bocciato, manca la zampata del campione

Il Rally di Finlandia ha riaperto un mondiale che sembrava già chiuso. Merito del "ritorno" di Evans; mentre chi avrebbe dovuto tirare la zampata finale, come Ogier, porta a casa una prova totalmente incolore. Ecco le pagelle della tappa finlandese di Motorsport.com con Giacomo Rauli e Beatrice Frangione.

WRC
5 ott 2021
Pagelle WRC: In Grecia Rovanpera perfetto, Hyundai per...niente Prime

Pagelle WRC: In Grecia Rovanpera perfetto, Hyundai per...niente

Se da un parte il Rally dell'Acropoli ha regalato a Kalle Rovanpera la seconda - e strepitosa - vittoria in carriera, dall'altra ha generato una contrapposizione di emozioni: con Hyundai in difficoltà, Ogier conquista un bronzo che vale oro. Ecco le pagelle stilate e commentate da Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
15 set 2021
Ora è Hyundai il riferimento prestazionale del WRC Prime

Ora è Hyundai il riferimento prestazionale del WRC

Toyota e Ogier dominano le classifiche Mondiali del WRC, ma i dati che abbiamo in mano devono essere interpretati. Ecco perché Hyundai non ha solo recuperato il gap prestazionale dalla Casa giapponese, ma l'ha addirittura superata.

WRC
18 ago 2021