Rally di Germania: a Tanak anche la Tappa 2. Mikkelsen doma Ogier

Neuville finisce K.O. nella prima speciale della giornata, la PS9. Ogier può tornare in testa al Mondiale. Gran duello per il quarto posto tra Evans e Hanninen, con il finnico frenato dalla rottura di un ammortizzatore.

Ott Tanak chiude in testa anche la seconda tappa del Rally di Germania ed è sempre più vicino a conquistare la seconda vittoria stagionale e della carriera. Il pilota estone del team M-Sport ha prima aumentato, poi controllato il suo vantaggio nei confronti dei diretti avversari.

Domani il suo compito non sarà affatto proibitivo: dovrà solo gestire i 21"4 che ha di vantaggio nei confronti di un Andreas Mikkelsen confermatosi in forma eccellente per andare a vincere ancora dopo una corsa gestita magistralmente.

Il norvegese ha mostrato tutti i passi avanti fatti da Citroen nei test della passata settimana con i piloti titolari e Sébastien Loeb, richiamato per far ritrovare la retta via a una vettura nata veloce ma difficile da mettere a punto. Evidentemente ora il team francese ha le idee più chiare e Andreas sta traendo beneficio dagli ultimi accorgimenti adottati.

Bella la lotta tra il norvegese e Sébastien Ogier, che da questa mattina ha il chiaro obiettivo di salire al secondo posto per guadagnare più punti possibili nei confronti di Thierry Neuville, suo diretto rivale per il titolo Mondiale Piloti 2017.

Proprio il belga della Hyundai è stato costretto al ritiro nella prima speciale di oggi, la PS9, a causa della rottura della sospensione posteriore sinistra dopo un taglio in una curva sinistrorsa. Neuville non ha commesso errori, ma, evidentemente, alcune sollecitazioni dettate dal fondo sconnesso hanno divelto il mozzo dalla sospensione, ponendo fine alla sua gara.

Neuville tornerà in gara domattina per cercare di prendere punti nella Power Stage e limitare i danni nei confronti di Ogier, che quasi certamente tornerà in testa al Mondiale se non sarà fermato da eventuali errori o guasti sulla sua Fiesta Plus numero 1.

Degna di nota anche la sfida tra la Fiesta Plus gommata DMACK di Elfyn Evans e la Toyota Yaris di Juho Hanninen. Ad avere la meglio è stato il gallese, che ha chiuso in quarta posizione precedendo l'avversario per 4"2, ma bisogna sottolineare come Hanninen abbia dovuto correre le ultime due stage con un ammortizzatore rotto.

Juho era riuscito a passare Evans a metà giornata, ma la rottura sulla sua Yaris lo ha penalizzato e ha fermato la sua ottima rimonta. Domani i due torneranno a sfidarsi nelle ultime prove per la posizione ai piedi del podio. Per Hanninen sarà importante anche in ottica 2018, perché Makinen ha iniziato a pensare a chi saranno i piloti titolari di Toyota per la prossima stagione.

Ottima giornata anche per Craig Breen, che ha chiuso in sesta posizione sfruttando un bel cambio di passo nella seconda metà della giornata. Il pilota della Citroen ha iniziato a inanellare ottimi tempi, specialmente sulle Panzerplatte di oltre 41 chilometri. Sarà però difficile che domani riesca a inserirsi nella lotta per il quarto posto.

Da segnalare inoltre altri problemi sulla Yaris di Jari-Matti Latvala. Prima un guasto al freno a mano, poi una foratura lenta hanno costretto il finlandese ad accontentarsi della settima posizione davanti alla Hyundai di Hayden Paddon, rallentato a sua volta da una foratura.

Rally di Germania - Classifica generale dopo la PS17

   PosizionePilota/navigatoreVetturaTempo/distacco
1 Tanak/Jarveoja Ford Fiesta WRC Plus 2.31'32”2
2 Mikkelsen/Jarveoja Citroen C3 WRC Plus +21"4
3 Ogier/Ingrassia Ford Fiesta WRC Plus +29"6
4 Evans/Barritt Ford Fiesta WRC Plus +1'48"3
5 Hanninen/Lindstrom Toyota Yaris WRC Plus +1'52"5
6 Breen/Martin Citroen C3 WRC Plus +2'06"7
7 Latvala/Anttila Toyota Yaris WRC Plus +4'04"9
8 Paddon/Marshall Hyundai i20 Coupé WRC +4'31"3
9 Camilli/Veillas Ford Fiesta R5 EVO2 +8'41"9
10 Kremer/Winklhofer Ford Fiesta WRC Plus +8'54"5
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WRC
Evento Rally di Germania
Articolo di tipo Tappa