Lutto nei rally: è morto Roberto Angiolini, anima del Jolly Club

Il presidente del Jolly Club che ha lanciato piloti del calibro di Sainz, Biasion, Auriol, Cunico, Alex Fiorio si è spento a causa di complicazioni dopo aver contratto il coronavirus.

Lutto nei rally: è morto Roberto Angiolini, anima del Jolly Club

Il Mondiale Rally, ma più in generale il movimento rally di tutto il mondo, è in lutto. Poche ore fa si è spento Roberto Angiolini, presidente dello storico Jolly Club che corse nel WRC dagli anni 70 agli anni 90.

Angiolini era ricoverato in ospedale a causa di un ictus. Il decesso, stando alle prime informazioni, sarebbe stato causato da complicazioni legate alla contrazione del coronavirus.

Grazie a Roberto Angiolini, tanti campioni del panorama rally hanno potuto mostrare il loro talento. Solo per citarne alcuni: Carlos Sainz, Massimo "Miki" Biasion, Didier Auriol, Gianfranco "Franco" Cunico, Alex Fiorio, Dario Cerrato.

Il Jolly Club, scuderia che ha assunto carattere internazionale proprio sotto la guida di Roberto, è stato fondato nel 1957 a Milano dal padre Mario. Roberto, poi, fece correre il team nel Mondiale Rally schierando in particolar modo vetture italiane.

Indimenticabile il rapporto che ha unito il Jolly Club a Lancia. Il marchio schierò sotto le insegne del team vetture come la Stratos, la Fulvia, senza dimenticare le 037 e la Delta S4 Gruppo B per arrivare alle Delta HF 4WD e HF Integrale.

Il team Jolly Club vanta anche due presenze nel Mondiale di Formula 1, fatte nel 1986. La creatura di Mario e Roberto Angiolini prese parte a due gare in collaborazione con la AGS.

Poco fa, Carlos Sainz ha ricordato Angiolini con un post sulla propria pagina ufficiale di Twitter: "È morto Roberto Angiolini, proprietario del Jolly Club con cui ho corso nel 1993. La mia vicinanza alla famiglia e agli amici. Riposa in pace".

Questo invece il ricordo commosso di Franco Cunico: Lasci un vuoto immenso nel motorsport, un vuoto nelle mia vita privata e sportiva, mi hai fatto conoscere i rally facendomi fare il professionista fin dal Trofeo A112, non scorderò mai il tremore nel suonare il campanello di Piazzale Istria a Milano al lunedì dopo ogni gara ma dopo una gioia o un rimprovero finivamo a mangiare "dalla Zia" tu Claudio ed io. Grazie per quello che mi hai dato ed insegnato, ciao Boss".

 

condivisioni
commenti
WRC, Adamo: "Ibrido unica alternativa per tenere le Case nel WRC"
Articolo precedente

WRC, Adamo: "Ibrido unica alternativa per tenere le Case nel WRC"

Prossimo Articolo

WRC, Adamo: "Il COVID-19 non farà rinviare le regole 2022"

WRC, Adamo: "Il COVID-19 non farà rinviare le regole 2022"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021