Nurburgring, prove libere 3: Webber in una sessione interlocutoria

condivisioni
commenti
Nurburgring, prove libere 3: Webber in una sessione interlocutoria
Guido Schittone
Di: Guido Schittone
23 lug 2016, 09:30

L'asfalto scivoloso a causa di una leggera pioggia e i continui mutamenti della pista hanno impedito riscontri concreti in vista delle qualifiche. Dietro alla Porsche ci sono Toyota e Audi. Doppietta Ferrari 488 in GTE

#1 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Mark Webber, Brendon Hartley
#5 Toyota Racing Toyota TS050 Hybrid: Anthony Davidson, Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima
#5 Toyota Racing Toyota TS050 Hybrid: Anthony Davidson, Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima
#5 Toyota Racing Toyota TS050 Hybrid: Anthony Davidson, Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima
#8 Audi Sport Team Joest Audi R18 e-tron quattro: Lucas di Grassi, Loic Duval, Oliver Jarvis
#26 G-Drive Racing Oreca 05 - Nissan: Roman Rusinov, Alex Brundle, René Rast
#26 G-Drive Racing Oreca 05 - Nissan: Roman Rusinov, Alex Brundle, René Rast
#51 AF Corse Ferrari 488 GTE: Gianmaria Bruni, James Calado

Prove libere interlocutorie quelle di stamane al Nurburgring: il miglior tempo è andato alla Porsche 919 Hybrid di Mark Webber con 1'41"002 davanti alla Toyota di Davidson, all'Audi di Lucas Di Grassi, a quella di Lotterer, alla Porsche di Lieb e alla seconda Toyota di Conway. Il fatto è che le prove, già posticipate di quarantacinque minuti rispetto all'orario previsto, hanno visto l'alternanza di pioggerellina e di asfalto asciuto, impedendo di avere dei reali riscontri in vista delle qualifiche decisive di questo pomeriggio. La sensazione è che se le previsioni meteo verranno confermate-prevista pioggia leggera e quindi pista scivolosa- ci potrebbero essere delle sorprese perchè le differenze tra le tre Case costruttrici della LMP1 sono davvero minime.  In LMP2 il miglior tempo è andato alla Oreca di Rast davanti all'esemplare del team Manor del debuttante Antonio Pizzonia e alla prima dell'Alpine, quella del francese Nelson Panciatici mentre, a conferma della loro adattabilità in condizioni miste, le due BR01 si sono classificate al sesto posto con Shaytar e al decimo con Mediani e Minassian. Molto interessante e anche qui privo di riscontri concreti la situazione in GTE PRO: le due Ferrari 488 di Bruni e Rigon hanno regolato la concorrenza ma per un lungo tratto al comando delle operazioni c'era stata la Ford GT di Priaulx-Tincknell e Franchitti che alla fine è giunta terza di poco davanti all'Aston Martin di Darren Turner, che sembra essere anche oggi molto competitiva in ogni condizione.

Troppa nebbia: le prove iniziano con 45'di ritardo

Come è regola da queste parti, le ultime prove libere in vista della 6 Ore, partono con quarantacinque minuti di ritardo a causa della nebbia che impedisce all'elicottero di alzarsi in volo. Al via della sessione la pista è ancora bagnata ma si asciuga quasi subito lanciando al comando le due Porsche 919 Hybrid di Neel Jani e di Timo Bernhard davanti all'Audi R18 di Lotterer e alla Toyota di Davidson, che nelle primissime fasi aveva preso il comando. I tempi comunque variano in continuazione, proprio a causa del miglioramento dell'asfalto che va ad asciugarsi sempre di più, permettendo a tutti quanti di iniziare a spingere su rilievi cronometrici interessanti. A poco più di venti minuti dalla conclusione dei 60' previsti Davidson scende a 1'41"293, inseguito da Lotterer, dalla Porsche di Lieb, dalla seconda Audi di Jarvis e dalla Porsche di Webber. In LMP2 Pizzonia, con la Oreca della Manor si porta al comando con l'Alpine di Menezes alle spalle e l'Oreca di Alex Brundle, mentre dopo un iniziale predominio di Aston Martin e Ford, le due Ferrari di Bird e Bruni prendono il comando tra le GTE PRO.

Poco dopo i tempi scendono ancora: è la volta di Webber a passare al comando con 1'41"002 davanti alla Toyota di Davidson e alle Audi di Di Grassi e di Lotterer, sulla quale è salito Faessler. La situazione non cambia fino alla conclusione di queste libere, anche perché sul Nurburgring riprende a piovere, sebbene non in modo copioso. A sufficienza, però, per rendere di nuovo scivolosa la pista e impedire miglioramenti di sorta.

Prossimo articolo WEC
Video da Spa: Guido Schittone commenta le qualifiche del WEC

Articolo precedente

Video da Spa: Guido Schittone commenta le qualifiche del WEC

Prossimo Articolo

La Manor punta alla classe LMP1 con la Ginetta dal 2018

La Manor punta alla classe LMP1 con la Ginetta dal 2018
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WEC
Evento Nürburgring
Location Nürburgring
Autore Guido Schittone
Tipo di articolo Prove libere