Zarco: “La stabilità con Ducati è un’occasione da sfruttare”

Ufficializzato in Ducati nel 2021, Johann Zarco si è assicurato una stabilità ed una visione a medio termine che negli ultimi mesi gli è mancata.

Zarco: “La stabilità con Ducati è un’occasione da sfruttare”

Diventato uno dei protagonisti della MotoGP con le due prime stagioni in sella alla Yamaha del team Tech 3, Johann Zarco ha visto crollare i propri sogni ne 2019, in un’esperienza fallimentare con KTM, che lo ha portato a prendere la decisione di lasciare la squadra a metà stagione del suo primo anno di contratto. È rimasto fuori dalle piste per tre gare prima di tornare in sella ad una Honda in cui aveva tutto da scoprire. Ma era senza contratto e senza una direzione chiara in vista della stagione successiva.

Ma il vento ha iniziato a cambiare rapidamente, perché sono iniziati i contatti con Ducati, lo hanno portato ad avere un contratto per la stagione 2020. Avendo saltato alcuni test, ha accettato di correre con il più modesto dei team che fanno riferimento alla Casa di Borgo Panigale, il team Avintia. Ma Zarco sapeva di avere un’occasione e ha sfruttato questa possibilità, dimostrando di non aver perso nulla del suo sacrificio e, dopo mezza stagione in queste condizioni, ha la certezza di rimanere legato al costruttore italiano, che lo inserirà nella squadra di Pramac l'anno prossimo.

Leggi anche:

Questa stabilità garantita per un secondo anno sulla Desmosedici suona come una boccata d’ossigeno per Johann Zarco, che la vede come una benedizione mentale. Alla conferenza stampa di presentazione del Gran Premio di Francia, a Motorsport.com ha dichiarato: “Sì, che sia cosciente o meno, è chiaro che avrà un effetto sulla mia mente. È chiaro che sarà utile sapere che sono a posto per il prossimo anno, e soprattutto sapere che i miei tecnici e la moto saranno quasi identici, o con un piccolo extra che può solo aiutare”.

Il due volte campione del mondo della Moto2 non vede l'ora di essere uno dei pochi piloti che la prossima stagione potrà beneficiare di una moto in evoluzione, visto che attualmente guida una moto dell'anno scorso: “La cosa positiva è che c'è poca differenza tra la moto del 2019 e la moto del 2020 che avrò l'anno prossimo, perché non ci sarà nessuna moto del 2021 date le nuove normative per far funzionare correttamente il settore di fronte alla COVID-19. Quindi, se riesco a finire questa stagione con il massimo utilizzo della mia moto - e logicamente, se uso bene la mia moto posso salire sul podio - poi posso mantenere questo slancio per il 2020, può essere molto interessante”.

Il contratto del 2021, una "prima sfida vinta"

Questa stagione 2020, sebbene sconvolta dagli eventi in Austria, ha già permesso a Johann Zarco di essere con i migliori piloti della Ducati. Quella che descrive come una "bella scoperta" gli ha imposto dapprima il suo ritmo, per poi premiarlo rapidamente con una prima pole position e un primo podio a Brno.

“All'inizio mi aspettavo di poter entrare più velocemente nel ritmo – afferma – ma poi ho visto che era aumentato molto e non era così semplice. Ma non ha influito sulla mia motivazione. La pole e il podio al Gran Premio della Repubblica Ceca mi sono serviti per il mio morale e per rimettermi tra i migliori. Ai due Gran Premi d'Austria credo che ci sia stato un modo per fare bene su una Ducati, purtroppo c’è stato molto caos e non è stato facile. Poi abbiamo fatto altre tre gare senza pausa a Misano e Barcellona, dove credo di aver fatto un buon lavoro per tutto il weekend ma non una buona gara”.

"La prima sfida è stata vinta – ricorda Johann Zarco – è stata quella di avere una moto per il prossimo anno, perché la situazione sul mio futuro era ancora delicata qualche mese fa. Ora che questa situazione è ben definita per il prossimo anno, vorrei tornare sul podio per prepararmi al 2021, quando avrò una moto che, come sappiamo, potrà vincere il Gran Premio”.

Leggi anche:

Con questa stabilità, il francese è ora in attesa di vedere fino a che punto il suo passaggio in Pramac gli permetterà di beneficiare di un supporto tecnico ancora più forte rispetto a quest'anno: “Quello che già vedo nel team Avintia è che c'è un grande sostegno da parte della Ducati, con Gigi Dall'Igna che si prende cura di lui e viene spesso a vedere come vanno le cose. Quindi so che a Pramac, che non è la squadra ufficiale ma che ha una moto che si comporta altrettanto bene, Dall'Igna ci sarà e forse anche più vicino. È una buona cosa, perché è un pilastro della Ducati”.

“Dopo aver scoperto Ducati e i suoi tecnici con il team Avintia quest'anno, potrò tenere i miei tecnici per l'anno successivo. Il fatto che Ducati possa controllare un po’ le tre squadre ci permette di mantenere i buoni gruppi che vengono creati per gli anni successivi e questo mi fa piacere”, conclude Johann Zarco.

condivisioni
commenti
Quartararo: "Non penso a battere Vinales"
Articolo precedente

Quartararo: "Non penso a battere Vinales"

Prossimo Articolo

Il Leopard Racing vorrebbe "entrare in MotoGP nel 2022"

Il Leopard Racing vorrebbe "entrare in MotoGP nel 2022"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021