Suzuki non ha più tempo né opzioni per trovare un team manager

Il team Suzuki MotoGP deve ancora annunciare chi occuperà la posizione di team manager nel 2022, e mentre il tempo scorre le opzioni si stanno restringendo.

Suzuki non ha più tempo né opzioni per trovare un team manager

A 90 giorni dall'inizio ufficiale della stagione 2022 con il Gran Premio del Qatar, il team Suzuki deve ancora commentare chi occuperà la posizione di team manager, vacante dalla partenza di Davide Brivio annunciata all'inizio di gennaio di quest'anno.

La squadra si è resa conto che la formula di autogestione imposta dopo la partenza del dirigente italiano non ha funzionato come previsto, e sono determinati a riempire la posizione nel 2022.

Una delle persone che aveva attirato più interesse da parte della direzione del team di Hamamatsu per la posizione era Francesco Guidotti, fino a quest'anno team manager di Pramac Ducati. Tuttavia, l'italiano è stato annunciato all'inizio di questa settimana come nuovo capo del team KTM MotoGP.

Un'altra opzione molto quotata era l'ex pilota olandese Wilco Zeelenberg, legato negli ultimi anni alla Yamaha e, più recentemente, alla riformata squadra satellite RFN Racing Team, con cui ha rinnovato il suo contratto fino alla fine del 2022, estendendo le sue responsabilità.

Anche se l'amministratore delegato di Suzuki in MotoGP Shinichi Sahara ha escluso durante il Gran Premio di Valencia che Davide Brivio possa lasciare Alpine alla fine della stagione per tornare alla squadra con cui ha vinto la doppia corona nel 2020, la possibilità non è completamente chiusa.

L'attuale direttore di gara di Alpine F1 ha un contratto con la squadra francese la prossima stagione. Tuttavia, l'amministratore delegato del team, Laurent Rossi, ha dichiarato all'inizio di novembre che nessuno in quel team era assicurato del suo lavoro. "Per quanto riguarda il futuro, Davide, come tutti gli altri nella squadra, si evolverà nell'organizzazione che decido io, seguendo i cambiamenti che deciderò alla fine della stagione. Non è diverso dal resto del personale", ha detto il CEO di Alpine in una conversazione con Motorsport.com.

Se Brivio non entra nei piani di Alpine per il 2022, potrebbe essere rilasciato e quindi diventare una vera opzione per tornare alla posizione di team manager alla Suzuki, anche se c'è qualche disparità di opinioni nella fabbrica di Hamamatsu su questa possibilità.

Sembra che non tutti i dirigenti in Giappone accoglierebbero con favore il ritorno di Brivio dopo che ha lasciato la squadra improvvisamente undici mesi fa. Questo potrebbe complicare una possibile mossa per riportare il dirigente 57enne. In ogni caso, almeno dovremmo aspettare la fine della stagione di F1, il 12 dicembre, per conoscere il suo futuro.

Le opzioni da team manager Suzuki sono ridotte

A due mesi dall'inizio della pre-stagione 2022 a Sepang il 5-6 febbraio, le opzioni della Suzuki per la posizione di team manager sono drasticamente ridotte, e la squadra ha ricevuto un chiaro avvertimento dal campione 2020 Joan Mir, che ha dichiarato chiaramente: "Il nome del nuovo team manager conterà nel mio rinnovo", le cui trattative non sono iniziate nonostante il suo contratto scada alla fine del prossimo anno.

Tra i possibili candidati per la posizione, è stato anche fatto il nome di Livio Suppo, team manager Ducati tra il 2003 e il 2009, e Honda, da dove è stato licenziato alla fine del 2017 senza aver ricoperto alcuna posizione legata alla MotoGP da allora.

Un altro profilo che potrebbe essere adatto è quello del direttore sportivo di Petonas-Yamaha fino a quest'anno, Johan Stigefelt, che non rimarrà con il rifondato RFN Racing Team nel 2022. Il 45enne ex pilota svedese ha una lunga carriera, prima in SBK come team manager, e dal 2012 nel paddock della MotoGP, dove ha trascorso del tempo in Moto3 prima di unirsi al team di Razlan Razali nel 2015 ed espandere la squadra malese nella classe regina come direttore sportivo.

Sylvain Guintoli, collaudatore Suzuki dal 2017, è un'altra opzione presa in considerazione dal Giappone, anche se il 39enne ha inizialmente escluso di appendere la tuta da corsa per assumere il ruolo di gestione nella struttura MotoGP della casa giapponese.

condivisioni
commenti
Puig: "Il bilancio del 2021 della Honda non è buono"
Articolo precedente

Puig: "Il bilancio del 2021 della Honda non è buono"

Prossimo Articolo

MotoGP | Dovizioso impegnato nel cross di beneficienza

MotoGP | Dovizioso impegnato nel cross di beneficienza
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021