Ciabatti: "Lenovo title sponsor investirà anche in tecnologia"

Per la prima volta dal debutto in MotoGP nel 2003 la Philip Morris non sarà più lo sponsor principale della Ducati, anche se è rimasta come main partner insieme ad Audi Sport: "Insieme abbiamo deciso di passare il ruolo a Lenovo - ha spiegato il direttore sportivo - perché farà un investimento importante mettendo a disposizione della tecnologia alla nostra azienda".

Ciabatti: "Lenovo title sponsor investirà anche in tecnologia"

Quella che vedremo in pista nel mondiale 2021 di MotoGP è una Ducati diversa. È cambiata non solo nel volto dei due piloti con l’arrivo di Jack Miller e “Pecco” Bagnaia al posto di Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, ma anche per contare di più politicamente e per avere il necessario supporto economico per sfidare i grandi Costruttori giapponesi.

La squadra di Borgo Panigale, quindi, cerca di cambiare pelle per adeguarsi a un campionato che ogni anno diventa più difficile. Con Paolo Ciabatti, direttore sportivo, facciamo il punto della situazione subito dopo il lancio della nuova Desmosedici.

C’è una grande novità: la Lenovo diventa title sponsor al posto della Philip Morris che segue Ducati dall’inizio dell’avventura in MotoGP.

La multinazionale cinese oltre ad assicurare una copertura finanziaria importante, assicurerà un investimento tecnologico che non riguarderà solo il Reparto Corse ma l'intera Ducati, portando la propria conoscenza dei big data che saranno un asset importante nello sviluppo dell'azienda e in particolare nelle corse.

Vivete è un cambiamento importante...
“Ducati ha esordito in MotoGP nel 2003 con il supporto di Philip Morris, ma la relazione era iniziata già due anni prima con il progetto Superbike insieme a Ben Bostrom. Quest’anno di fronte alla possibilità di avere un title sponsor tecnologico disposto a fare degli investimenti importanti per i prossimi tre anni, insieme a Philip Morris che resta nostro partner, abbiamo deciso di modificare il tipo di accordo in essere”.

“Philip Morris resta main partner insieme ad Audi Sport, ma insieme abbiamo deciso di passare il ruolo di title sponsors a Lenovo che era pronto a fare un investimento mettendo a disposizione della tecnologia alla nostra azienda. Si tratta, quindi, di una situazione molto importante”.

Leggi anche:

A livello politico che possibilità ci sono che l’associazione dei Costruttori possa avere più margini sullo sviluppo?
“Dopo un anno in cui la MSMA non si è mai riunita dopo la storia del “cucchiaio”, l’anno scorso, proprio nel mezzo della pandemia, abbiamo cominciato a sentirci con una certa regolarità per raccogliere una serie di proposte da passare alla Dorna in modo che anche i Costruttori potessero dare un contributo per fare ripartire il campionato”.

“E credo che il nostro apporto sia stato utile e anche molto apprezzato da Carmelo Ezpeleta e questo ci ha fatto tornare a riunirci ancora per affrontare i vari problemi. Pensiamo che la MSMA abbia un ruolo importante e, anzi, stiamo lavorando con gli altri Costruttori per avere una struttura ancora più snella in modo da essere una valida controparte per gli altri tre attori della GP Commission che sono Dorna, IRTA e FIM”.

Nel 2021 bisognerà mettere dei paletti sul calendario, l’anno scorso è bastato far partire il campionato, ma si potrà evitare di andare a correre con il freddo?
“L’anno scorso siamo partiti a luglio con un calendario molto compatto e le triple, ne abbiamo fatte quattro, sono state molto difficili da gestire. Sono state molto pesanti sia per la squadra, sia per i piloti”.

“È auspicabile che non ci sia quest’anno la necessità di avere delle triple nel calendario, ma la situazione è in evoluzione e, ahimè, quasi sempre in chiave negativa. Il calendario è già stato modificato con la doppia gara in Qatar mentre per Portimao chi lo sa?”.

“Il Portogallo adesso è in piena crisi per la pandemia, sono in pieno lockdown e spostano i malati delle terapie intensive in Spagna perché non hanno più posto. Ci troviamo in una situazione che va monitorata sicuramente dalla Dorna. Sarebbe molto bello andare a correre nella stagione giusta, ma i cambiamenti non dipendono da noi”.

Nel 2020 avete sofferto con le gomme: c’è il rischio che possa essere ancora così?
“L’anno scorso l’aver dovuto fare un programma ridotto di test seguito poi da un calendario con una doppia gara e, quindi, quattro triple non ci ha consentito di svolgere il lavoro che si fa di solito e, quindi, in alcune situazioni abbiamo sofferto particolarmente l’adattamento della nostra moto al pneumatico posteriore nuovo”.

“C’è stato un difficile adattamento dello stile di guida dei nostri piloti in alcune situazioni come quelle in cui il grip sulla pista era scarso. Penso, però, che abbiamo imparato tante cose e quest’anno non ci saranno più i problemi che abbiamo dovuto affrontare l’anno scorso”.

condivisioni
commenti
Podcast: L'Australia ha fatto grande Ducati, la storia si ripeterà?

Articolo precedente

Podcast: L'Australia ha fatto grande Ducati, la storia si ripeterà?

Prossimo Articolo

Dall’Igna: “Ducati avrà evoluzioni che introdurrà già in Qatar”

Dall’Igna: “Ducati avrà evoluzioni che introdurrà già in Qatar”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento Presentazione Ducati Team
Sotto-evento Presentazione
Piloti Jack Miller , Francesco Bagnaia
Autore Franco Nugnes
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021