Aleix Espargaro: “Portimao al limite della sicurezza in MotoGP”

Alcuni piloti MotoGP esprimono la propria opinione sul Circuito di Portimao, in Portogallo, che sarà teatro dell’appuntamento conclusivo della stagione 2020. Secondo Aleix Espargaro sarà una pista al limite della sicurezza per i prototipi.

Aleix Espargaro: “Portimao al limite della sicurezza in MotoGP”

Motorsport.com aveva anticipato tempo fa che il Circuito dell’Algarve a Portimao sarebbe entrato nel calendario del 2020 ed è stato poi ufficializzato come 14esimo ed ultimo appuntamento di questa stagione. Se per il mondiale Superbike è una tappa fissa, per la MotoGP si tratterà della prima volta sul tracciato portoghese.

Chi conosce già questo tracciato fra i piloti dei prototipi è Cal Crutchlow, che lì ha corso quando era in Supersport prima ed in Superbike poi, dal 2008 al 2010. Il britannico afferma che per una moto da 600cc è la miglior pista del mondo, ma per le moto più grandi si tratta di un’altra storia.

Il portacolori LCR esprime la sua opinione a riguardo: “Ho esperienza a Portimao, ma si tratta di 11 anni fa. Per una Supersport era incredibile, era la miglior pista del mondo. Ma con la Superbike e con una MotoGP è una storia completamente diversa. È un appuntamento che aspetto perché, da come dicono, verrà riasfaltato e questa cosa è fantastica”.

“È bellissimo anche che il Portogallo e Portimao stiano investendo per portare lì la Formula 1 e la MotoGP fare in modo di far risorgere la pista. ad ogni modo non penso che la mia esperienza su questa pista faccia la differenza, perché i piloti imparano a conoscere i tracciati immediatamente. Solo che questa è una pista difficile da imparare, sicuramente non vediamo l’ora di andare, è un bel posto”.

Leggi anche:

Aleix Espargaro ha girato a Portimao lo scorso giugno con una moto di serie insieme ad Alex Rins ed Albert Arenas. Il pilota Aprilia sostiene l’opinione di Crutchlow, aggiungendo che i saliscendi della pista porteranno al limite la sicurezza della MotoGP. “Ho guidato un’Aprilia da strada e ho trascorso le prime due ore a provare a conoscere completamente la pista. Non mi è mai successo in tutta la mia vita. Ricordo che quando ho corso in Argentina per la prima volta, dopo due giri conoscevo già la pista, i riferimenti per le frenate”.

“Inoltre, il resto delle nuove piste non era difficile da imparare – prosegue Espargaro – ma a Portimao era veramente complicato capire dove accelerare, dove frenare. E giravo con una moto da strada! Ricordo che quando sono arrivato, Rins e Arenas erano lì già da due giorni ed io ero due secondi più lento. Non sono stato in grado di seguirli in alcun modo durante la prima giornata. Il secondo giorno invece ho iniziato ad andare più veloce. È una pista molto divertente. Non direi pericolosa, ma è al limite per la MotoGP per i saliscendi molto aggressivi. Le installazioni invece sono tra le migliori che abbia mai visto in tutta la mia carriera, sono incredibili”.

condivisioni
commenti
Zarco: “Sono pronto a tornare in un team ufficiale”

Articolo precedente

Zarco: “Sono pronto a tornare in un team ufficiale”

Prossimo Articolo

GP Emilia Romagna: la Tribuna Ducati apre al pubblico

GP Emilia Romagna: la Tribuna Ducati apre al pubblico
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Autore Lewis Duncan
MotoGP: come si affronta il GP di Francia Prime

MotoGP: come si affronta il GP di Francia

La MotoGP si appresta a vivere il suo quinto fine settimana di gare del 2021. La pista di Le Mans ospita il Gran Premio di Francia: andiamo a scoprirne segreti e curiosità in questo nostro giro di pista virtuale

Ceccarelli: “Arriva anche la telemetria per i piloti” Prime

Ceccarelli: “Arriva anche la telemetria per i piloti”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano di come la ricerca medica si sia evoluta per andare ad assistere i piloti nelle fasi di guida, recependo dati telemetrici utili al fine di migliorare le performance

MotoGP
12 mag 2021
MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte Prime

MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte

I paurosi incidenti visti a Jerez hanno fatto scattare l'allarme tra i piloti per le velocità elevate raggiunte dalle MotoGP, ma convincere i costruttori a fare un passo indietro sembra davvero difficile.

MotoGP
7 mag 2021
Rossi: quanto è amaro dirsi addio Prime

Rossi: quanto è amaro dirsi addio

Valentino Rossi sta attraversando il più difficile avvio di stagione della carriera. Appena quattro punti in altrettante gare. Lontano dalla top15, il Dottore rischia di vivere una lenta stagione da incubo in attesa di ufficializzare una decisione che, onestamente, sarebbe stato bene intraprendere anni fa

MotoGP
5 mag 2021
Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo" Prime

Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo"

Franco Nugnes, in compagnia del Dottor Ceccarelli, affronta il tema dell'ennesimo caso di sindrome compartimentale in MotoGP. Fabio Quartararo si è dovuto arrendere al dolore durante il GP di Spagna: classe regina in allarme?

MotoGP
5 mag 2021
Miller: il sostegno psicologico arrivato dalla moglie di Crutchlow Prime

Miller: il sostegno psicologico arrivato dalla moglie di Crutchlow

Dopo un avvio di stagione da dimenticare, Jack Miller è riuscito ad ottenere la prima vittoria con Ducati a Jerez ed ha svelato come un grande aiuto psicologico sia arrivato dalla moglie del suo grande amico Cal Crutchlow.

MotoGP
4 mag 2021
Pagelle MotoGP: Riscatto Miller, Rossi a fondo Prime

Pagelle MotoGP: Riscatto Miller, Rossi a fondo

Tanti promossi e tanti bocciati al Gran Premio di Spagna di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Beatrice Frangione e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com

MotoGP
4 mag 2021
Ducati: la doppietta di Jerez è una "svolta" epocale Prime

Ducati: la doppietta di Jerez è una "svolta" epocale

Sono almeno tre le svolte a cui abbiamo assistito a Jerez: quella della Desmosedici GP, che finalmente "gira" anche su una pista stretta. Quella della stagione di Jack Miller, che ha risposto con una vittoria ad un avvio di stagione deludente. E la trasformazione di Pecco Bagnaia in un top rider a tutti gli effetti, arrivata con la leadership in campionato.

MotoGP
3 mag 2021