Strepitoso Oncu: vince al debutto in Moto3 a Valencia e scrive la storia. Di Giannantonio vice-campione

condivisioni
commenti
Strepitoso Oncu: vince al debutto in Moto3 a Valencia e scrive la storia. Di Giannantonio vice-campione
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
18 nov 2018, 11:05

Dopo la caduta del poleman Arbolino, il rookie turco ha gestito alla grande la corsa, diventando il più giovane vincitore della storia del Mondiale. Sul podio Martin e McPhee, ma il quarto posto basta a "Diggia" nel duello con Bezzecchi, caduto due volte.

Can Oncu non avrebbe potuto mostrare un biglietto da visita migliore per presentarsi nel Mondiale Moto3. Al debutto, arrivato da campione della Red Bull Rookies Cup, cosa che gli ha concesso una deroga per correre prima di aver compiuto i 16 anni di età, si è imposto in una gara difficilissima sul bagnato, che ha portato all'errore diversi piloti decisamente più esperti di lui.

Il pilota turco è stato il solo a provare a tenere il ritmo del poleman Tony Arbolino, che è partito a razzo e sembrava lanciatissimo verso una meritata vittoria. Al 13esimo giro però i sogni del pilota della Marinelli Snipers sono andati in fumo con una caduta alla curva 4, che ha spianato la strada ad Oncu.

All'ultimo giro c'è stato ancora un brivido, quando ha rischiato un highside alla curva 6, ma Can è stato bravo a non perdere la calma, visto anche il grande vantaggio che aveva sugli inseguitori, e si è presentato solitario ed in impennata sotto alla bandiera a scacchi, diventando il più giovane vincitore di una gara iridata nella storia.

Alle sue spalle Jorge Martin ha chiuso in bellezza la stagione che lo ha incoronato campione del mondo, affrontando la gara con grande calma e venendo fuori alla distanza, andando a prendersi con la sua Honda del Gresini Racing il secondo posto finale davanti a John McPhee.

Leggi anche:

Con il titolo già assegnato, oggi gli occhi erano puntati sulla lotta per il secondo posto nel Mondiale e a spuntarla alla fine è stato Fabio Di Giannantonio, al quale è bastato il quarto posto finale. Il pilota del Gresini Racing è stato favorito anche dalla giornata storta del rivale Marco Bezzecchi, caduto per ben due volte: una prima quando si trovava in seconda posizione e poi quando stava tentando una rimonta disperata dalle retrovie. Alla fine, quindi il pilota della Prustel GP ha chiuso 19esimo e con 4 punti di ritardo su "Diggia".

Anche se questa volta non ci sono italiani sul podio, ne abbiamo diversi nella top 10: Enea Bastianini ha chiuso la sua avventura con il Leopard Racing con un quinto posto, mentre Niccolò Antonelli ha piazzato la sua Honda della SIC58 Squadra Corse al settimo posto. Buono poi anche il decimo posto di Celestino Vietti, che si è confermato un prospetto interessante per lo Sky Racing Team VR46.

Primi punti nel Mondiale anche per Stefano Nepa, 12esimo con la KTM del Team CIP, e due li porta a casa anche Andrea Migno con il 14esimo posto. Peccato invece per Lorenzo Dalla Porta, rimasto coinvolto in un incidente al primo giro con Tatsuki Suzuki ed Aron Canet, ma 18esimo al traguardo e comunque quinto nella classifica finale del Mondiale. Ritirato anche Dennis Foggia, che quindi ha visto sfumare la possibilità di laurearsi "Rookie of the Year".

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Ritirato Punti
1   61 Can Öncü  KTM 23 43'06.370     128.2   25
2   88 Spain Jorge Martin  Honda 23 43'10.441 4.071 4.071 128.0   20
3   17 United Kingdom John McPhee  KTM 23 43'12.500 6.130 2.059 127.9   16
4   21 Italy Fabio Di Giannantonio  Honda 23 43'19.267 12.897 6.767 127.5   13
5   33 Italy Enea Bastianini  Honda 23 43'21.105 14.735 1.838 127.4   11
6   5 Spain Jaume Masia  KTM 23 43'28.354 21.984 7.249 127.1   10
7   23 Italy Niccolò Antonelli  Honda 23 43'33.011 26.641 4.657 126.9   9
8   41 Thailand Nakarin Atiratphuvapat  Honda 23 43'37.128 30.758 4.117 126.7   8
9   42 Spain Marcos Ramírez  KTM 23 43'39.781 33.411 2.653 126.5   7
10   31 Celestino Vietti  KTM 23 43'45.378 39.008 5.597 126.3   6
11   71 Japan Ayumu Sasaki  Honda 23 43'48.702 42.332 3.324 126.1   5
12   81 Italy Stefano Nepa  KTM 23 43'55.301 48.931 6.599 125.8   4
13   25 Spain Raul Fernandez  KTM 23 44'00.804 54.434 5.503 125.5   3
14   16 Italy Andrea Migno  KTM 23 44'00.955 54.585 0.151 125.5   2
15   84 Czech Republic Jakub Kornfeil  KTM 23 44'02.794 56.424 1.839 125.4   1
16   22 Japan Kazuki Masaki  KTM 23 44'03.592 57.222 0.798 125.4    
17   19 Argentina Gabriel Rodrigo  KTM 23 44'06.911 1'00.541 3.319 125.2    
18   48 Italy Lorenzo Dalla Porta  Honda 23 44'41.463 1'35.093 34.552 123.6    
19   40 South Africa Darryn Binder  KTM 22 43'32.841 1 Lap 1 Lap 121.3    
20   12 Italy Marco Bezzecchi  KTM 22 44'00.405 1 Lap 27.564 120.1    
  dnf 77 Spain Vicente Perez  KTM 21 40'00.677 2 Laps 1 Lap 126.1 Accident  
  dnf 65 Germany Philipp Ottl  KTM 15 29'48.875 8 Laps 6 Laps 120.8 Retirement  
  dnf 14 Italy Tony Arbolino  Honda 11 20'35.928 12 Laps 4 Laps 128.3 Accident  
  dnf 26 Izam Ikmal  Honda 7 13'52.413 16 Laps 4 Laps 121.2 Accident  
  dnf 75 Spain Albert Arenas Ovejero  KTM 6 11'26.476 17 Laps 1 Lap 126.0 Accident  
  dnf 27 Japan Kaito Toba  Honda 4 7'51.241 19 Laps 2 Laps 122.3 Accident  
  dnf 10 Italy Dennis Foggia  KTM 1 2'05.322 22 Laps 3 Laps 115.0 Accident  
  dnf 44 Spain Aron Canet  Honda           Accident  
  dnf 72 Spain Alonso Lopez  Honda           Accident  
  dnf 24 Japan Tatsuki Suzuki  Honda           Accident
Prossimo Articolo
Cambia il format delle qualifiche di Moto2 e Moto3: dal 2019 faranno Q1 e Q2 come la MotoGP

Articolo precedente

Cambia il format delle qualifiche di Moto2 e Moto3: dal 2019 faranno Q1 e Q2 come la MotoGP

Prossimo Articolo

Mondiale Moto3 2018: Martin, Di Giannantonio e Bezzecchi la top 3 finale

Mondiale Moto3 2018: Martin, Di Giannantonio e Bezzecchi la top 3 finale
Carica commenti