Formula E, Berlino 4: doppietta Techeetah e da Costa campione

Primo successo stagionale per Jean-Eric Vergne, che precede il compagno, campione con due gare d'anticipo, così come la DS Techeetah tra le squadre.

Formula E, Berlino 4: doppietta Techeetah e da Costa campione

Gli ordini di squadra hanno permesso ad Antonio Felix da Costa di conquistare il titolo di Formula E con il secondo posto nella quarta gara di Berlino, alle spalle del compagno Jean-Eric Vergne.

Un doppio scambio di posizioni ha permesso al team di gestire la minaccia delle Nissan e.dams, permettendo alla DS Techeetah di mettere in ghiaccio anche il titolo costruttori. E il secondo di questi ha consegnato a Vergne la prima affermazione stagionale, con un margine di poco meno di mezzo secondo sul compagno da Costa.

Al via non ci sono stati particolari problemi, ma la gara è stata neutralizzata abbastanza presto con la Safety Car a causa dell'incidente del vincitore di ieri, Maximilian Gunther della BMW, che ha tamponato Oliver Turvey, beccandosi anche una penalità per la gara di mercoledì. Un ko che di fatto ha reso tutto più semplice per da Costa, visto che il tedesco era anche il suo diretto rivale in campionato.

Alla ripartenza, Vergne ha subito incrementato il suo vantaggio nei confronti di da Costa, ma i due poi hanno giocato con le strategie con lo scopo di tenere a bada i tentativi di attacco delle Nissan e.dams di Oliver Rowland e Sebastien Buemi, che hanno provato ad attivare abbastanza presto l'attack mode per mischiare le carte.

E' stata migliore però la reazione della squadra campione con due gare d'anticipo, che ha invertito le posizioni dei suoi due piloti prima al 14esimo giro, facendo sfilare da Costa, e poi al 30esimo per rimettere davanti Vergne, che ora è secondo anche nella classifica piloti, a riprova del dominio assoluto dei colori DS Techeetah.

Alle spalle del tandem di testa, nel finale c'è stato uno scambio di posizioni anche in casa Nissan e.dams, con Rowland che è stato costretto a gestire la batteria, cedendo così il gradino più basso del podio al compagno Buemi. Ma al britannico è andata anche peggio, perché proprio all'ultimo giro ha dovuto cedere anche la quarta piazza alla Mercedes di Nyck de Vries.

Nonostante sia risalito fino al sesto posto finale, Lucas di Grassi è arretrato al terzo posto in campionato. Dietro di lui si è piazzato Mitch Evans con la Jaguar, seguito dalla Porsche di un Andre Lotterer capace di rimontare dalla nona fila dello schieramento. Dopo il sesto tempo in qualifica, Felipe Massa invece si è dovuto accontentare del decimo posto con la Venturi, alle spalle anche della Mahindra di Alex Lynn.

Deludente invece la prestazione di Sam Bird e Stoffel Vandoorne, rimasti entrambi fuori dalla zona punti dopo aver preso il via dalle retrovie. Il via invece non lo ha neppure preso Robin Frijns, tradito dalla sua Virgin ancora prima dello spegnimento dei semafori.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 France Jean-Éric Vergne China Techeetah 37 46'24.803     112.6 29
2 Portugal António Félix Da Costa China Techeetah 37 46'25.300 0.497 0.497 112.6 19
3 Switzerland Sébastien Buemi France DAMS 37 46'26.195 1.392 0.895 112.6 15
4 Netherlands Nyck De Vries Germany Mercedes 37 46'28.594 3.791 2.399 112.5 12
5 United Kingdom Oliver Rowland France DAMS 37 46'29.821 5.018 1.227 112.4 10
6 Brazil Lucas Di Grassi Germany Audi Sport Team ABT 37 46'34.608 9.805 4.787 112.2 8
7 New Zealand Mitch Evans United Kingdom Jaguar Racing 37 46'39.617 14.814 5.009 112.0 6
8 Germany André Lotterer Germany Porsche Team 37 46'40.558 15.755 0.941 112.0 4
9 United Kingdom Alex Lynn India Mahindra Racing 37 46'45.804 21.001 5.246 111.8 2
10 Brazil Felipe Massa Monaco Venturi 37 46'47.612 22.809 1.808 111.7 1
11 United Kingdom Sam Bird United Kingdom Virgin Racing 37 46'47.714 22.911 0.102 111.7  
12 Belgium Stoffel Vandoorne Germany Mercedes 37 46'48.191 23.388 0.477 111.7  
13 United Kingdom Alexander Sims United States Andretti Autosport 37 46'48.378 23.575 0.187 111.7  
14 Switzerland Edoardo Mortara Monaco Venturi 37 46'48.692 23.889 0.314 111.7  
15 Belgium Jérôme D'Ambrosio India Mahindra Racing 37 46'48.717 23.914 0.025 111.7  
16 Germany René Rast Germany Audi Sport Team ABT 37 46'49.184 24.381 0.467 111.7  
17 United Kingdom James Calado United Kingdom Jaguar Racing 37 46'51.403 26.600 2.219 111.6  
18 Germany Daniel Abt United Kingdom NIO Formula E Team 37 46'53.924 29.121 2.521 111.5  
19 Switzerland Neel Jani Germany Porsche Team 37 46'54.330 29.527 0.406 111.5  
20 Switzerland Nico Müller United States Dragon Racing 37 46'59.234 34.431 4.904 111.3  
21 Brazil Sergio Sette Camara United States Dragon Racing 37 47'01.118 36.315 1.884 111.2  
22 United Kingdom Oliver Turvey United Kingdom NIO Formula E Team 37 47'26.276 1'01.473 25.158 110.2  
23 Germany Maximilian Gunther United States Andretti Autosport 0 0.000        
24 Netherlands Robin Frijns United Kingdom Virgin Racing 0 0.000        
condivisioni
commenti
Formula E, Berlino 4: Vergne in pole davanti a da Costa

Articolo precedente

Formula E, Berlino 4: Vergne in pole davanti a da Costa

Prossimo Articolo

Jaguar: Blomqvist al posto di Calado negli ultimi E-Prix

Jaguar: Blomqvist al posto di Calado negli ultimi E-Prix
Carica commenti
Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo Prime

Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo

Andare costantemente a punti potrebbe non essere la scelta vincente per puntare al titolo in Formula E, complice anche un format di qualifica penalizzante per i piloti di vertice e creato per scompigliare le carte.

Formula E
23 lug 2021
Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento Prime

Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento

L'E-Prix nel Principato ha messo a nudo le inferiorità tecnico-velocistiche delle monoposto elettriche, che però hanno regalato una corsa molto bella sfruttando al meglio le proprie caratteristiche su un tracciato che non è stato pensato apposta per loro.

Formula E
11 mag 2021
Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro Prime

Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro

Lontana dai centri cittadini la Formula E ha evidenziato tutte le sue lacune. L'esperimento di Valencia servirà da lezione per gli organizzatori della categoria che hanno ottenuto un richiamo mediatico enorme, ma per i motivi sbagliati...

Formula E
27 apr 2021
Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma Prime

Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma

Nel weekend dell'E-Prix di Roma il pilota della DS Techeetah ed il belga della Mercedes sono riusciti a conquistare due vittorie dopo due incidente che avrebbero potuto gettare tutto al vento. Scopriamo come è stato possibile.

Formula E
13 apr 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E Prime

Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E

La Casa giapponese ha confermato il proprio impegno nella categoria elettrica anche per i prossimi anni e questo è un chiaro segno che denota come la Formula E non sia solo una ottima piattaforma di marketing.

Formula E
1 apr 2021
Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili! Prime

Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili!

Con la nuova stagione di Formula E che ha preso il via in Arabia Saudita, il campionato è sembrato cercare di recuperare il tempo perduto con un eccesso di azione e polemiche dentro e fuori la pista. Mentre alcuni punti di discussione potrebbero avere gravi ripercussioni, è stata un'apertura di 2021 esplosiva per molte ragioni.

Formula E
4 mar 2021
Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi Prime

Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi

Stelle di altri mondi è la rubrica in cui Roberto Chinchero, prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta la carriera nel motorsport di piloti che la F1 non hanno potuto fare altro che sognarla nonostante il grande talento o che nel Circus iridato sono state talentuose meteore. Buon ascolto!

Formula E
18 feb 2021