Nel 2019 sarà introdotto un peso minimo per i piloti di F.1

condivisioni
commenti
Nel 2019 sarà introdotto un peso minimo per i piloti di F.1
Adam Cooper
Di: Adam Cooper
Co-autore: Valentin Khorounzhiy
Tradotto da: Marco Di Marco
20 gen 2018, 12:39

La Federazione Internazionale sta per introdurre l'obbligo, per i piloti di Formula 1, di raggiungere un peso minimo di 80 Kg. La scelta sarà presa per tutelare i piloti più alti e, soprattutto, per non far correre rischi alla salute degli stessi.

Nel 2019 il peso minimo di pilota e sedile non dovrà essere inferiore agli 80 Kg, includendo una speciale zavorra che verrà posizionata sotto di questo. Così il peso complessivo monoposto - pilota aumenterà di 6 Kg sino a raggiungere il totale di 740 Kg, mentre la sola vettura dovrà pesare 660 Kg.

L'idea è emersa dopo l'ultimo incontro dello Strategy Group, e a seguito di una discussione con il Technical Working Group. In occasione della prossima assemblea del Technical Working Group verrà elaborata una proposta maggiormente dettagliata per l'approvazione definitiva.

Il peso dei piloti è diventato un argomento spinoso nell'era dei V8, quando le vetture avevano raggiunto il loro limite ed ai conducenti più pesanti era stato chiesto dai team di dimagrire facendo, tuttavia, temere per la loro salute.

Questo problema è diventato meno sensibile con l'introduzione delle nuove power unit ibride V6, ma anche in questo caso i piloti più pesanti sono stati penalizzati per quel che riguarda l'utilizzo delle zavorre.

Le modifiche regolamentari introdotte nel 2017 hanno reso le monoposto più pesanti, con un aumento da 722 kg a 728 kg. L'introduzione dell'Halo nel 2018 farà crescere ulteriormente questo dato e si passerà ad un totale di 734 Kg.

I team, tuttavia, hanno scoperto che l'Halo ed i relativi dispositivi di montaggio, faranno aumentare il peso di 15 Kg e questo annullerà in alcuni casi la possibilità di poter sfruttare la zavorra e potenzialmente potrebbe far andare oltre il limite le vetture dei piloti più alti e pesanti.

Quando i team hanno scoperto i dettagli sull'Halo a molti piloti è stato detto che il loro peso sarebbe potuto diventare nuovamente un argomento di discussione ed ancora una volta sono sorti dubbi sui potenziali problemi di salute.

Il futuro limite di peso di 80 Kg comporterà per un pilota di 70 Kg l'adozione di una zavorra di 10 Kg, mentre un pilota di 75 Kg ne dovrà adottare una di 5 e così via. Stando a quanto appreso, la FIA obbligherà i team a piazzare la zavorra in una zona prestabilita. 

Lo Strategy Group ha convenuto come il peso di 80 Kg sia un limite corretto per un pilota moderno di F.1, ma chi dovesse pesare di più patirebbe un potenziale svantaggio.

A prescindere dai benefici inerenti la salute dei vari piloti, questo peso minimo renderà più semplice la vita dei progettisti nel disegnare e realizzare le monoposto del 2019 per raggiungere il target di 660 Kg.

Questo nuovo limite, inoltre, aiuterà quei team che nel corso dell'inverno non sono riusciti ancora a completare la propria line up.

"E' stato un argomento di discussione per molti anni, non è una novità" ha dichiarato a Motorsport.com il direttore tecnico della Williams Paddy Lowe.

"Se torniamo indietro nel tempo, il peso dei piloti non veniva considerato nel peso complessivo della vettura. Questa novità è stata introdotta verso la metà degli anni 90".

"Il problema del peso, tuttavia, non è ancora stato risolto e molti piloti lo percepiscono come un fattore che in alcuni casi li può condizionare notevolmente".

"Penso soprattutto ai piloti più giovani ed ai problemi di salute che potrebbero subire. Una riduzione considerevole di peso può portare a rischi per la salute degli stessi".

"Personalmente credo sia una decisione positiva per il nostro sport. E' una richiesta che per molti anni non è stata ascoltata in maniera irragionevole".

Prossimo articolo Formula 1
Lancio Ferrari e Mercedes nello stesso giorno? Non è uno sgarbo di Wolff!

Previous article

Lancio Ferrari e Mercedes nello stesso giorno? Non è uno sgarbo di Wolff!

Next article

Strategy Group: sì all'ala posteriore Ferrari, no a quella anteriore di Brawn

Strategy Group: sì all'ala posteriore Ferrari, no a quella anteriore di Brawn
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Adam Cooper
Tipo di articolo Ultime notizie