Mick Schumacher svela: "E' da inizio stagione che guido storto"

Mick Schumacher ha rivelato di guidare in una posizione non corretta da inizio anno, ma non per colpa del sedile. Questo, infatti, è perfettamente dritto. Dovrà essere lui a dover modificare la sua postura in macchina. Haas, poi, modificherà il sedile per aiutarlo.

Mick Schumacher svela: "E' da inizio stagione che guido storto"

Tra Sebastian Vettel e Mick Schumacher c'è feeling e lo si è visto sin da quando il figlio di Michael è approdato in Formula 1. Il 4 volte iridato ex Red Bull e Ferrari ha preso sotto la propria ala protettrice il vincitore della FIA Formula 2 2020 e lo sta aiutando in quella che è la sua prima stagione nel Circus iridato.

Una stagione non semplice, perché Mick sta guidando per un team - la Haas - che in questa stagione non porterà alcuno sviluppo per concentrare tutte le risorse economiche sulla monoposto della prossima stagione.

Una delle poche cose che il giovane Schumacher può fare è mettersi alle spalle il compagno di squadra con regolarità. Cosa che, per altro, nelle prime gare è avvenuto frequentemente. Però ogni cosa, ogni aspetto può essere migliorato. E la puntigliosità di Vettel può essere un aiuto.

Alla fine del GP di Francia Vettel è stato invitato da Mick a guardare l'abitacolo della Haas. L'oggetto della discussione era il sedile. Oggi, nella conferenza stampa piloti del giovedì che apre il fine settimana del Gran Premio di Stiria, in Austria, Schumacher e Vettel hanno rivelato l'argomento dei loro discorsi.

"Abbiamo deciso di comune accordo di non condividere dettagli!", ha dichiarato Mick. Poi, però, Sebastian è intervenuto: "Va bene". A quel punto, Schumacher nel dettaglio c'è entrato davvero e ha spiegato di cosa i due abbiano parlato dopo il Gran Premio di Francia.

"Fondamentalmente sono stato seduto in una posizione storta dall'inizio della stagione. Il sedile è centrale ma io non sono dritto. In realtà ne abbiamo parlato prima e quindi abbiamo colto l'occasione per guardare".

"Gli ho fatto vedere il sedile. Abbiamo parlato solo di quello. Penso che lui abbia suggerito a mia madre di rompermi il sedile, così ne avrei avuto uno nuovo velocemente. Ma non è successo, per cui ho ancora lo stesso sedile".

Vettel, poi, è intervenuto per spiegare il motivo per cui sia intervenuto e abbia cercato di aiutare Mick dopo il Paul Ricard: "Sarebbe stato difficile fare un sedile nuovo, quindi non seguite sempre i miei consigli!", ha scherzato riguardo le parole legate all'intervento fittizio della madre di Schumacher.

"La chiave della questione è molto semplice. Ho passato tanti anni a correre e abbiamo parlato del sedile durante l'ultima settimana. Ci sono sempre piccole cose che si possono migliorare o guardare, quindi ho voluto dare un'occhiata e l'abbiamo fatto".

Schumacher ha poi concluso parlando di ciò che sarà chiamato a fare nelle prossime settimane, così da migliorare la sua posizione di guida: "Sono io che sono storto nel sedile. Dunque sono io che devo cercare di trovare la giusta posizione. Penso che ovviamente, beh, di non essere simmetrico, è qualcosa su cui devo lavorare, ma è difficile da raggiungere in poco tempo. Devo però dire che ci sono piani del team per cambiare il sedile prossimamente".

condivisioni
commenti
Alpine: Alonso ha un terzo elemento anteriore diverso da Ocon
Articolo precedente

Alpine: Alonso ha un terzo elemento anteriore diverso da Ocon

Prossimo Articolo

Sainz: "Positiva la reazione Ferrari ai problemi della Francia"

Sainz: "Positiva la reazione Ferrari ai problemi della Francia"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021