Masi difende la bandiera bianco/nera data a Leclerc

Il direttore di gara Michael Masi ha difeso l'uso della bandiera bianco/nera in Formula 1, sostenendo non ha aperto ad un escalation verso una guida più pericolosa.

Masi difende la bandiera bianco/nera data a Leclerc

In base ad un nuovo approccio iniziato dal Gran Premio del Belgio, i piloti riceveranno un "warning" con la bandiera bianco/nera in caso di comportamenti ritenuti antisportivi o al limite, che deve mandare un messaggio chiaro: da quel momento non possono più sgarrare, pena la squalifica.

L'uso di quello che è stato definito una sorta di cartellino giallo della Formula 1 ha però sollevato delle preoccupazioni sul fatto che i piloti si possano sentire autorizzati ad andare un po' oltre il limite, sapendo che prima di una penalità riceveranno solo un richiamo.

Tra quelli che sembrano pensarla così, c'è il team principal della Mercedes Toto Wolff, che ha suggerito che a Monza l'incidente tra Lewis Hamilton e Charles Leclerc è stato evitato solo grazie alla prudenza del suo pilota.

 

Questa è stata proprio una delle due circostanze in cui è stata sventolata la bandiera bianco/nera verso il ferrarista, dopo che invece era stata utilizzata nei confronti di Pierre Gasly in Belgio.

Ma Masi, che è stato determinante nel processo che ha portato a riutilizzare la bandiera bianco/nera, non è d'accordo con questo punto di vista, perché ha spiegato che i commissari hanno comunque la possibilità di intervenire con delle sanzioni se ritengono che l'avvertimento non sia sufficiente.

"Non credo che agiranno in maniera più pericolosa" ha detto Masi quando gli è stato chiesto da Motorsport.com se pensa che i piloti si siano presi più libertà.

"In questo modo saranno di essere al confine, ma sanno anche che possono oltrepassarlo in maniera relativamente semplice".

"Per il modo in cui è stata utilizzata per ora, penso che stia servendo al suo scopo. Ma ogni episodio va osservato singolarmente. Non penso che si possa mai generalizzare in queste situazioni".

Masi ha aggiunto poi che il nuovo sistema non impedisce appunto ai commissari di intervenire per punire un'azione che ritengono sia sbagliata.

"Alla fine la decisione di penalizzare spetta ai commissari" ha spiegato. "La bandiera bianco/nera la posso dare io, ma se i commissari pensano che ci sia la possibilità di dare qualche penalità, sono lì per questo".

"Penso che la manovra di Charles sia stata dura e per questo gli è stata data la bandiera bianco/nera. E' abbastanza semplice, era la copia carbone di quello che ha fatto Pierre la settimana scorsa a Spa, quindi credo che abbiamo raggiunto il nostro scopo".

Leggi anche:

Masi poi ha proseguito spiegando che l'idea di reintrodurre l'uso della bandiera bianco-nera è frutto di una richiesta di team e piloti per favorire la battaglia in pista.

Inoltre, non è d'accordo sul fatto che ci sia stata un'incongruenza con una penalità data lo scorso anno a Max Verstappen per essersi spostato in frenata nei confronti di Valtteri Bottas.

"Ci sono due parti della vicenda. Una è il contatto dell'anno scorso con Max. La seconda è che i piloti in Bahrain ci hanno chiesto di lasciargli più libertà di correre, dopo di che sono seguite delle discussioni con i team principal, i piloti ed i direttori sportivi".

"Poi se guardiamo al contesto di Spa, dove abbiamo spiegato ai piloti che avremmo ricominciato ad usare la bandiera bianco/nera, che è stata sventolata a Pierre Gasly per una manovra molto simile Non c'è stato un contatto, per usare un'analogia, diciamo che è stato un fallo tattico. Quindi abbiamo dato a Charles il 'warning'".

Tuttavia, Wolff ha ribadito di non essere d'accordo con questo tipo d'approccio, suggerendo che potrebbe portare i più giovani ad assumersi qualche rischio di troppo.

"Abbiamo visto negli ultimi anni che i giovani che sono entrati in Formula 1 sono un po' più aggressivi. E queste situazioni possono finire nel muro se uno non si arrende".

"A Monza il pilota che è in lotta per il campionato ha salvato Charles e se stesso. Lewis sapeva perfettamente cosa stava facendo ed ha evitato un incidente, ma avrebbe potuto decidere di non farsi da parte ed eliminare entrambe le vetture".

"Per me sarà un tema ricorrente, fino a quando non succedere qualcosa di brutto per una manovra così aggressiva, ma per fortuna non ci siamo ancora arrivati. Sarebbe stato interessante però vedere una cosa: cosa avrebbero deciso se a Lewis si fosse danneggiata l'ala o se entrambe le vetture fossero finite nel muro?".

Charles Leclerc, Ferrari SF90 e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Charles Leclerc, Ferrari SF90 e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
1/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90 precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Charles Leclerc, Ferrari SF90 precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
2/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90 precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Charles Leclerc, Ferrari SF90 precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
3/16

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90 taglia la chicane mentre Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 lo insegue
Charles Leclerc, Ferrari SF90 taglia la chicane mentre Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 lo insegue
4/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
5/16

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
6/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
7/16

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, e il resto delle auto all'inizio della gara
Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, e il resto delle auto all'inizio della gara
8/16

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

La lotta tra Charles Leclerc, Ferrari SF90 e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
La lotta tra Charles Leclerc, Ferrari SF90 e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
9/16

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 e Charles Leclerc, Ferrari SF90
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 e Charles Leclerc, Ferrari SF90
10/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
11/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90 e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Charles Leclerc, Ferrari SF90 e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
12/16

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90 e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Charles Leclerc, Ferrari SF90 e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
13/16

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, festeggia al Parc Ferme
Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, festeggia al Parc Ferme
14/16

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, festeggia al Parc Ferme
Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, festeggia al Parc Ferme
15/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, solleva il trofeo
Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, solleva il trofeo
16/16

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Sainz si scusa con Albon, ma: "Non potevo fare diversamente"
Articolo precedente

Sainz si scusa con Albon, ma: "Non potevo fare diversamente"

Prossimo Articolo

Camilleri: "Il diritto di veto? Noi siamo la Ferrari!"

Camilleri: "Il diritto di veto? Noi siamo la Ferrari!"
Carica commenti
F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali Prime

F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali

La Mercedes è protagonista di questa nuova puntata de Il Primo degli Ultimi. Al team di Brackley viene imputata la mancanza di coraggio e di voglia di osare, figlia di chi è abituato ad anni di dominio incontrastato e ora che vede un mondiale scivolargli tra le dita, non vuole andare oltre ciò che dicono i dati per paura di rischiare troppo

Formula 1
26 ott 2021
Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse" Prime

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse"

Il Gran Premio degli Stati Uniti ha regalato tante sorprese e delusioni. In questo nuovo video di Motorsport.com, ecco i voti ai piloti stilati e commentati da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Formula 1
26 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis"

Max Verstappen ha saputo gestire meglio un posteriore instabile per tutti, in occasione del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1. L'olandese allunga in classifica su Hamilton, che lascia Austin con una vera e propria mazzata a livello morale

Formula 1
25 ott 2021
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Formula 1
24 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021