Che paura per il volo di Mark Webber!

L'australiano non intende attribuire colpe per lo spaventoso looping durante il 9. giro

Mark Webber è rimasto sotto schock, anche se l'esperienza di volare l'aveva già vissuta con la Mercedes alla 24 Ore di Le Mans quando era addirittura finito oltre le reti di recinzione della pista. Al 9. giro del Gp d'Europa ha potuto verificare quanto sia solide e ben costruite le monoposto moderne, perché è uscito del tutto incolume da un incidente da brivido. L'australiano, autore di una pessima partenza (alla fine del primo giro era nono, mentre si era schierato in prima fila!), stava cercando di risalire la china nella speranza di rientrare nella zona punti quando è arrivato dietro alla Lotus di Kovalainen subito dopo il pit stop effettuato per il cambio gomme... Webber ha cercato la scia della Lotus e ha seguito la monoposto giallo-verde per ottenere il massimo dell'effetto risucchio. Mark non ha calcolato che la T127 non è certo una monoposto competitiva come la sua Red Bull Rb6 e quando Kovalainen ha iniziato la sua staccata è finito sulla sua ruota posteriore destra per iniziare un looping completo ad alta velocità che è stato certificato delle impressionanti immagini televisive della camera car. La Red Bull è ripiombata sull'asfalto a ruote per aria, mentre pezzi di carbonio si disintegravano ovunque. Poi il bolide senza controllo si è schiantato contro le barriere alla fine della lunga via di fuga in asfalto. Mark si è ritrovato seduto nell'abitacolo un po' intontito, ma del tutto incolume. Non ha voluto commentare l'accaduto a caldo. Ha voluto sbollire l'emozione e forse anche la paura e poi ha guardato le immagini alla televisione, prima di esprimere il suo parare senza voler attribuire alcuna colpa... "Beh, ci vogliono sempre due persone per ballare il tango, non è vero? E siccome c'erano due di noi in questo incidente..." ha detto Webber alla BBC, la tv inglese. "Stavo cercando la miglior scia per cercare di recuperare e stavo guidando in modo aggressivo. La cosa che più mi ha colpito è quanto Heikki abbia frenato presto, questa è stata la cosa che mi ha sorpreso. Non importa dove fossi o quanto gli ero vicino per la scia perché avevo ancora tutto sotto controllo". Webber non aveva capito le intenzioni di Kovalainen... "E' stato un brutto incidente. Credevo che mi avrebbe lasciato passare perché ero più veloce, ma poi ha cercato di difendere la posizione e ha iniziato a chiudere la porta. Non capivo dove volesse andare...”. Mark sorride ed è contento di poter raccontare questo brivido, anche se l'incidente rischia di condizionare pesantemente la sua stagione: mentre lui ha raccolto uno zero in classifica, il compagno di squadra ha fatto il pieno di punti, vincendo. Al momento non sembra volerci pensare. E fa bene...
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Gran Premio d'Europa
Circuito Valencia Grand Prix Circuit
Piloti Mark Webber
Articolo di tipo Ultime notizie