I dottori rivelano che Lauda era a pochi giorni dalla morte prima del trapianto

I medici che hanno eseguito il trapianto polmonare di Niki Lauda dicono che le sue aspettative di vita senza l'intervento sarebbero state di giorni o settimane.

I dottori rivelano che Lauda era a pochi giorni dalla morte prima del trapianto

Il tre volte campione del mondo di Formula 1 Lauda dovrebbe riprendersi completamente dopo l'intervento a cui è stato sottoposto al Policlinico di Vienna la scorsa settimana.

Un totale di sette specialisti hanno fornito oggi maggiori dettagli sulle circostanze che hanno portato alla sua operazione d'emergenza.

Marco Idzko, capo della divisione di pneumologia dell'ospedale, ha spiegato: "Il signor Lauda soffriva di una cosiddetta alveolite emorragica. Questa è un'infiammazione degli alveoli (le sacche d'aria all'interno dei polmoni), che è stata accompagnata da un'emorragia nel tessuto polmonare e nel tratto respiratorio".

Dopo essersi ammalato, Lauda ha ricevuto una terapia immunosoppressiva, che ha portato ad "un significativo miglioramento della situazione respiratoria.

Tuttavia, si è verificata una malattia polmonare acuta nel 69enne e questo significa che le cellule immunitarie nel sangue sono migrate nei suoi polmoni ed hanno attaccato il tessuto proprio lì.

"Questo alla fine porta alla distruzione ed alla perdita del tessuto polmonare funzionale e il paziente non è più in grado di assorbire abbastanza ossigeno attraverso i suoi polmoni" ha aggiunto Idzko, che ha detto che questo scenario comporta un alto tasso di mortalità.

Essendo limitate le opzioni di terapie farmacologiche alternative, Lauda è stato dotato di ventilazione meccanica nell'unità di terapia intensiva.

"Sfortunatamente, dopo 10 giorni di terapia intensiva, a causa di un rapporto di ossigenazione critico, la terapia è aumentata" afferma il cardiologo Gottfried Heinz. "Abbiamo dovuto eseguire una sostituzione meccanica del polmone, un ECMO, ovvero un'ossigenazione della membrana extracorporea".

A questo punto, Lauda aveva un'aspettativa di vita di soli pochi giorni. Questo quindi lo ha portato sulla lista dei trapianti e gli è stata assegnata una posizione elevata vista la gravità della situazione.

"Potevamo presumere che gli sarebbe stato assegnato un organo adatto nello spazio di pochi giorni" ha detto il chirurgo toracico Konrad Hotzenecker, che ha eseguito il trapianto giovedì scorso insieme a Walter Klepetko e alla sua squadra. "Il tempo medio d'attesa in questi casi è di cinque giorni".

Inizia il processo di recupero

Lauda è stato dotato di un nuovo polmone proveniente da un donatore e secondo i suoi medici per ora procede tutto per il meglio.

"Il polmone ha un'eccellente funzione primaria, quindi siamo stati in grado di rimuovere il supporto circolatorio in sala operatoria" ha spiegato Hotzenecker. "Il polmone ha ripreso bene la sua funzione".

Il direttore del reparto di chirurgia Christian Hengstenberg ha aggiunto: "Possiamo affermare che il paziente è sopravvissuto in maniera eccellente e che poteva essere estubato dopo appena 24 ore".

"Questo è estremamente importante per noi e per l'intero processo di guarigione. Possiamo vedere che è completamente cosciente e che tutto sta funzionando correttamente. Lo sviluppo è molto gratificante".

I medici hanno riferito che i pazienti possono lasciare l'ospedale dopo due o tre settimane dopo un'operazione di questo tipo, anche se nel caso di Lauda ci potrebbe volere di più, visti i precedenti nel reparto di terapia intensiva.

Infatti, sta seguito un intenso programma di fisioterapia e respiratorio, oltre a dover prendere numerosi farmaci.

I medici hanno dato a Lauda una buona prognosi di recupero comunque: "I nostri tassi di sopravvivenza sono oltre il 90% e circa il 75% dopo cinque anni" ha detto il chirurgo toracico Peter Jaksch, che ha sottolineato che i pazienti di solito hanno una buona qualità della vita dopo l'intervento.

Klepetko ha detto che questo non dovrebbe ridurre le capacità di Lauda di tornare al lavoro.

"Le attività future non dovrebbero differire in modo significativo rispetto a quelle precedenti se tutti andrà per il meglio" ha detto.

"La situazione è tale che ci aspettiamo davvero che possa tornare ad una vita normale. Solo il tempo però ci dirà se raggiungeremo il nostro obiettivo".

condivisioni
commenti
Ecco chi sono i nuovi proprietari della Force India

Articolo precedente

Ecco chi sono i nuovi proprietari della Force India

Prossimo Articolo

I team perdono 23 milioni di dollari di entrate a causa del calo dei ricavi della F1

I team perdono 23 milioni di dollari di entrate a causa del calo dei ricavi della F1
Carica commenti
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021