Isola: "Non sono preoccupato per le gomme 2021"

Il responsabile quattro ruote di Pirelli Motorsport replica alle accuse di Lewis Hamilton che ha criticato le gomme 2021 provate nelle prove libere del GP del Bahrain. "I piloti da due anni guidano con gli stessi pneumatici per cui non mi sorprende che sentano delle differenze con i nuovi prodotti. Ci vorrà un po' di tempo per ottimizzare le vetture alle nuove specifiche, ma sono sicuro che i tecnici con i dati raccolti in pista sapranno fare un buon lavoro".

Isola: "Non sono preoccupato per le gomme 2021"

La sparata di Lewis Hamilton non è stata leggera nei confronti delle gomme Pirelli 2021. Il sette volte campione del mondo senza troppi giri di parole ha detto che i tecnici della Casa milanese potevano fare un lavoro migliore, paventando che sarebbe meglio restare anche l’anno prossimo con gli pneumatici 2020…

"Sto facendo del mio meglio per non dire nulla! Purtroppo negli ultimi due anni abbiamo avuto le stesse gomme. Alla fine del 2019 hanno portato delle gomme nuove, come fanno normalmente, ma erano andate un pochino peggio ed è stato deciso di confermare le stesse dello scorso anno - ha detto Hamilton - Hanno avuto due anni per sviluppare una gomma migliore e sono arrivati con una che pesa tre chili in più ed è circa un secondo più lenta al giro”.

"Non mi sono sentito per niente bene ed è una preoccupazione. Voglio dire, se questo è tutto quello che hanno ed è il meglio che possono fare, allora è chiaro che è meglio restare con gli pneumatici attuali".

Dopo le parole dure di Hamilton abbiamo voluto sentire il parere di Mario Isola, responsabile quattro ruote di Pirelli Motorsport. Il manager lombardo è a casa con il virus, ma non si è tirato indietro a fare il punto della situazione in maniera molto serena…

“Ho sentito le dichiarazioni di Lewis, ma devo dire che la cosa non mi preoccupa molto. Quando si introduce un pneumatico nuovo ci vuole il tempo per adeguare la monoposto alle caratteristiche del pneumatico. E devo ammettere che non è facile trovare il giusto equilibrio mentre si è impegnati in un weekend di gara”.

Non preoccupa, quindi, il fatto che Lewis auspichi di restare anche l’anno prossimo alle gomme 2020?
“Questi pneumatici sono stati omologati dalla FIA il 1 novembre – prosegue Isola – e le squadre avranno modo di provarle ancora ad Abu Dhabi. Sapevamo che la nuova costruzione e il diverso disegno dell’anteriore avrebbero favorito un po’ di sottosterzo, ma bisogna avere il tempo necessario per lavorarci. Certo l’ideale sarebbe stato poter permettere alle squadre di lavorare con calma sul set-up, ma con l’emergenza Covid non è stato possibile effettuare dei test”.

La Mercedes oggi gode di una netta superiorità tecnica, cambiare le gomme significa in parte modificare un parametro che può influire sulle prestazioni: era lecito aspettarsi una certa ritrosia verso il nuovo prodotto dal campione del mondo?
“Era importante che le squadre potessero lavorare per raccogliere dei dati sulle gomme. Non abbiamo stravolto i prodotti perché nel posteriore abbiamo cambiato solo la costruzione per non modificare l’impatto aerodinamico del pneumatico, mentre nell’anteriore c’è anche un profilo dal disegno leggermente diverso”.

Il fianco è un po’ più panciuto…
“Di poco, e sono convinto che lavorando si potrà recuperare anche un po’ di prestazione. Noi ci siamo focalizzati per ridurre le pressioni di gonfiaggio: 1,5 PSI sull’anteriore e 0,5 PSI sul posteriore. Abbiamo puntato a gomme più solide e resistenti senza stravolgere gli altri contenuti perché le mescole sono rimaste le stesse. Ci vorrà solo un po’ di tempo per ritrovare il bilanciamento, ma non sono preoccupato”.

Il test nelle libere non doveva essere vincolato alla prima mezz’ora della seconda sessione di prove libere?
“Siamo intervenuti per cambiare il regolamento prima del GP del Bahrain proprio per andare incontro alle esigenze delle squadre che hanno avuto a disposizione due treni per pilota da usare liberamente nelle due sessioni. Non abbiamo dettato i run plane, lasciando la piena libertà ai team. Certo ci siamo trovati con poco grip, tant’è che non c’è stata molta evoluzione della pista fra le FP1 e le FP2. Prima di esprimere dei giudizi voglio vedere i dati e scambiare qualche opinione con i tecnici delle squadre dopo che avranno analizzato le informazioni raccolte oggi. Sono fiducioso che si possa migliorare la situazione, anche perché i piloti si sono ormai abituati a gomme che sono le stesse da due anni”.

Insomma non c’è alcuna possibilità che anche le gomme 2021 possano essere rimandate al mittente come era successo l’anno scorso…
“Avevamo rinunciato per la semplice ragione che gli pneumatici proposti alla fine dello scorso anno avrebbero richiesto diversi parametri aerodinamici con un’impennata dei costi che abbiamo voluto evitare. Ora la situazione è diversa: già nei test di Abu Dhabi la situazione sarà migliore perché le squadre potranno ottimizzare le vetture sfruttando le informazioni che hanno raccolto in Bahrain”.

condivisioni
commenti
Horner: "Il crash di Albon? Situazione frustrante"
Articolo precedente

Horner: "Il crash di Albon? Situazione frustrante"

Prossimo Articolo

Ghini: "F1 con motori ibridi diversi, ma non sarà elettrica"

Ghini: "F1 con motori ibridi diversi, ma non sarà elettrica"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021