Extreme E | Ecco come un team prepara un durissimo X-Prix

Le gare di Extreme E si svolgono in siti unici, dal deserto dell'Arabia Saudita alle rive ghiacciate della Groenlandia. Preparare un evento è una sfida impegnativa per tutti i partecipanti alla serie per fuori strada elettrici.

Extreme E | Ecco come un team prepara un durissimo X-Prix

A differenza della maggior parte delle corse o dei rally tradizionali, le squadre non hanno alcuna conoscenza dei luoghi, né accesso ai dati del passato. Alcune località scelte, come la Groenlandia, non hanno mai ospitato sport motoristici prima d'ora. E senza test da svolgere in stagione, i concorrenti non possono nemmeno provare a replicare le condizioni che dovranno affrontare.

"In questa prima stagione è piuttosto difficile fare una preparazione perfetta perché stiamo tutti imparando", dice Xavi Serra, responsabile dello sviluppo tecnico alla Abt Cupra Racing. Il team di Serra è attualmente quinto nella classifica Extreme E dopo che la sua coppia di piloti - Jutta Kleinschmidt e Mattias Ekstrom - è arrivata seconda all'Island X-Prix il mese scorso.

"Tuttavia, passiamo attraverso una valutazione pre-evento a partire dal format di gara stesso e le sue modifiche sportive rispetto alle gare precedenti, gli orari per assegnare le sessioni di prove da venerdì a domenica, le previsioni del tempo, gli aggiornamenti tecnici e una sorta di congettura del terreno".

Tutte le squadre sono equipaggiate con lo stesso fuoristrada elettrico Odyssey 21 come veicolo di base, mentre la flessibilità nei regolamenti sulla carrozzeria permette alcune differenziazioni, come la strategia di Cupra di presentare in anteprima il suo prossimo SUV elettrico Tavascan.

Jutta Kleinschmidt, Mattias Ekstrom, ABT CUPRA XE

Jutta Kleinschmidt, Mattias Ekstrom, ABT CUPRA XE

Photo by: Charly Lopez / Motorsport Images

Poiché le macchine da corsa sono trasportate in tutto il mondo via mare sulla St. Helena, e in linea con l'obiettivo della serie di non avere impatto ambientale, i test pre-evento sono impossibili da fare.

Le squadre ricevono solo informazioni limitate sul percorso di ogni X-Prix prima del fine settimana, il che rende ancora più importante la loro breve opportunità di esplorare il percorso all'arrivo.

"Dal momento che le auto viaggiano sulla St. Helena tra una gara e l'altra, non c'è stata la possibilità di fare test tra le prime quattro uscite", prosegue Serra.

"Più che simulazione pre-evento, quello che facciamo il più possibile è l'analisi dei dati in sede dopo ogni round per consolidare gli apprendimenti ed essere meglio preparati per aumentare gradualmente il nostro livello di prestazioni con il passare della stagione".

"Le informazioni che riceviamo in anticipo sono piuttosto scarse e molto prossime all'evento, quindi la ricognizione è fondamentale e dobbiamo essere ben preparati".

"Gli ingegneri e i piloti devono concentrarsi e ottenere il massimo dal poco tempo a disposizione per valutare la pista durante le ricognizioni".

I primi campioni della Extreme E saranno decisi al Jurassic X-Prix nel Regno Unito il 18-19 dicembre.

Jutta Kleinschmidt, Mattias Ekstrom, ABT CUPRA XE

Jutta Kleinschmidt, Mattias Ekstrom, ABT CUPRA XE

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Extreme E | Veloce sostituisce Sarrazin con Woolridge per Dorset
Articolo precedente

Extreme E | Veloce sostituisce Sarrazin con Woolridge per Dorset

Prossimo Articolo

ABT Cupra continua in Extreme E anche nel 2022

ABT Cupra continua in Extreme E anche nel 2022
Carica commenti