Formula E Race at Home Challenge: scopriamo la pista di New York

condivisioni
commenti
Formula E Race at Home Challenge: scopriamo la pista di New York
Di:

Il Brooklyn Street Circuit ospita la prossima tappa di Formula E Race at Home Challenge Esports per il New York E-Prix virtuale che si terrà questo weekend.

Pascal Wehrlein vanta 8 punti di margine su Stoffel Vandoorne nella classifica del campionato che Motorsport Games organizza con la Formula E per raccogliere fondi per UNICEF e lottare contro il coronavirus.

Nyck De Vries spiega come si affrontano le 14 curve del tracciato statunitense, dove sarà protagonista con la sua Mercedes.

Curve 1-2-3

Il circuito di New York presenta diverse insidie per i piloti, con una superficie tortuosa coperta spesso dalle righe della segnaletica stradale e la partenza che avviene sul rettilineo opposto all'ingresso della pit-lane, fra le curve 5-6.

Un giro normale vede quindi la prima svolta a sinistra, molto stretta e che richiama già la doppia a destra 2-3. I piloti devono subito spostarsi sulla loro destra per impostare la prima staccata, gestendo al meglio l'acceleratore per non incorrere nel sottosterzo, come spiega De Vries nella combinazione.

“La prima sezione è molto tecnica e tutta collegata perché alla Curva 1 ti trovi a seguire la 2 e la 3, quindi è molto importante impostare bene la prima per avere una buona linea in quelle successive".

Curve 4-5

Piccola accelerata e poi nuova tornata a destra di 90° che immette sul curvone successivo dopo il quale c'è il rettilineo di partenza/arrivo.

"La 4 è molto veloce e secca, è importante uscirne bene perché poi hai il curvone e il rettilineo opposto dove potenzialmente ci possono essere sorpassi. Nella 5 in realtà non si va a pieno, ma devi lasciare scorrere l'auto gestendo pian piano l'accelerazione".

Curve 6-7

Il rettifilo opposto è largo e all'ombra grazie ai grattacieli che svettano lungo il tracciato. Prima della curva 6 c'è un'ampia zona per la frenata con un cordolo interno molto largo che i piloti possono sfruttare, tenendosi però pronti per la curva 7.

“La 6 è difficile perché svolti a sinistra in modo secco e poi incroci subito con la 7 a destra. In frenata ci si può difendere bene, anche perché all'esterno è impossibile superare".

Curve 8-9-10

La curva 8 in realtà è una lievissima svolta verso destra in un allungo che porta alla frenata della 9, che è ancora a 90°.

“La curva 8 non la si può in realtà chiamare curva, mentre la 9 è molto sconnessa ed impegnativa. E' difficile posizionare bene la macchina, ma puoi comunque inserirla bene".

"Dopo arrivi ad un tornantino a destra molto stretto, anche qui ci si può difendere bene stando all'interno perché lo spazio è ridotto".

Curve 11-12-13-14

La sezione finale è la più veloce, con un'unica frenata reale che è quella della 11, poi il resto lo si può affrontare a gas spalancato.

“La staccata della 11 è simile alla 9, poi c'è una chicane molto veloce che immette sull'allungo che porta al rettilineo. Sia la S che l'ultimo curvone sono fondamentali e da percorrere bene per ultimare nel modo migliore il giro. Una buona uscita dalla chicane può aiutarti nell'accelerazione della 14".

Il quinto round di Race at Home Challenge si svolgerà sabato 30 maggio alle ore 16;30 con diretta su Motorsport.tv e i canali di Formula E come sito Facebook, YouTube, Twitter e Twitch.

Lamborghini debutta nel circuito degli eSports con The Real Race

Articolo precedente

Lamborghini debutta nel circuito degli eSports con The Real Race

Prossimo Articolo

Virtual 24h Le Mans: Ferrari con Leclerc, Giovinazzi e i GTE Pro

Virtual 24h Le Mans: Ferrari con Leclerc, Giovinazzi e i GTE Pro
Carica commenti