Dakar: Benavides più tosto di una caduta, Brabec scoraggiato

Morali opposti in casa Honda: Benavides vince la tappa e si porta in testa alla generale, nonostante una caduta in cui si infortuna al naso e ad una caviglia. Cornejo brilla e risale terzo, mentre Barreda e Brabec commettono errori di navigazione e arrancano, con il californiano che maledice la scelta di aver perso volontariamente qualche minuto ieri per avere una posizione di partenza migliore oggi.

Dakar: Benavides più tosto di una caduta, Brabec scoraggiato

"Dicono che senza sofferenza non c'è vittoria. Quindi spero di averne pagato il prezzo oggi". E' stato molto diretto Kevin Benavides, nuovo leader della classifica generale della classifica moto della Dakar 2021, per commentare il suo successo di tappa, arrivato nonostante una caduta nella quale si è ferito anche al naso.

"Era una tappa molto difficile, molto tecnica e con molta navigazione. All'inizio ho commesso un errore, perdendo diversi minuti. Poi ho iniziato a recuperare", ha spiegato l'argentino, che ora comanda con un margine di 2'31" nei confronti dell'Husqvarna di Xavier de Soultrait.

Poi però c'è stato l'incidente: "Ho saltato su una duna, pensando che non ci fosse niente dall'altra parte, ma ne ho trovata subito un'altra davanti a me. Sono caduto e l'impatto è stato molto duro. Mi sono preparato mentre ero in aria, ma ho colpito il GPS con il casco ed ho rotto lo schermo. Si è rotto anche il casco e quindi ho preso una brutta botta anche al naso".

Leggi anche:

"Non credo che il naso si sia rotto, ma ho una ferita. Mi sono anche slogato le caviglie, ed è quello che mi fa male. Quando mi sono rialzato, mancavano 180 km al rifornimento ed ho sanguinato fino a lì. Poi sono stato assistito dai medici mentre facevo rifornimento ed ho continuato comunque la tappa. E' stato doloroso, ma alla fine è andata bene", ha aggiunto.

Domani quindi lo attende una tappa complicata, sia per la sua posizione di partenza, che dal punto di vista del dolore: "Dovrò difendermi e cercare di fare del mio meglio. Ogni giorno c'è un elastico tra stare davanti e dietro, ma è la strategia che abbiamo scelto, quindi cercherò di continuare al meglio. Una caviglia fa più male dell'altra, ma vedremo. Continuerò comunque. Ora lavoreremo con il fisioterapista per andare avanti".

#4 Monster Energy Honda Team: Jose Ignacio Cornejo Florimo

#4 Monster Energy Honda Team: Jose Ignacio Cornejo Florimo

Photo by: Honda Racing

La rivelazione della giornata è stato però un altro pilota della Casa giapponese, il cileno José Cornejo, che ha chiuso a solo un minuto da Benavides, portandosi così al terzo posto anche nella generale, a 3'42 dal compagno di squadra.

"All'inizio c'era una zona complicata dove si sono persi tutti, ma io ho subito trovato la strada giusta ed ho guadagnato molto tempo all'inizio della tappa. Ho raggiunto i sei che partivano davanti a me al km 40 e poi dal km 70 ho aperto la pista, ma l'ho fatto molto bene e con un buon ritmo", ha detto Cornejo.

"Sono riuscito a finire secondo nella tappa. Non era quello che avevamo pianificato a livello di strategia, ma molti piloti hanno commesso degli errori ed ho dovuto approfittare di questa opportunità. Stiamo lottando per la leadership e spero di continuare a disputare delle tappe così solide".

E' stata invece una giornata piuttosto complicata per gli altri due alfieri della HRC ed in particolare Ricky Brabec non ha nascosto di essersi ricreduto sulla strategia attuata ieri, rallentando nel finale per avere una buona posizione di partenza oggi.

"Ieri abbiamo avuto l'idea di partire indietro, ma non credo che sia stata buona. Anzi, è stata orribile. Oggi ho perso la strada ed anche la fiducia in me stesso, ho dubitato di tutto. Forse sarebbe stato più facile seguire le tracce degli altri, ma purtroppo siamo entrati in una zona rocciosa in cui non si vedevano, quindi è stato molto difficile", ha raccontato il vincitore della passata edizione della Dakar.

"Sono arrivato in un punto dove c'erano sei piloti che giravano in cerchio. A quel punto mi si è aperto un Waypoint, ma non sono riuscito a trovare quello successivo, che era 100 metri dopo. E' stata davvero una catastrofe. Continuavo a pensare: 'Cavolo, oggi ho rovinato la mia Dakar!'. Forse il sogno è finito, ma ci sono ancora molte tappe, quindi potrebbe ancora succedere qualcosa a nostro favore", ha aggiunto.

#1 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec

#1 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec

Photo by: Honda Racing

Non è andata tanto meglio a Joan Barreda, anche se nel suo caso era più prevedibile, visto che doveva aprire la pista dopo la vittoria di tappa di ieri. Lo spagnolo è infatti precipitato dal secondo al nono posto nella generale, anche se il distacco di 14 minuti lo tiene ancora in corsa per la vittoria.

"Bang Bang" però si è lamentato di una navigazione molto differente rispetto a quella del passato: "E' un tipo di navigazione che fino ad ora, pur con tutti i miei anni di esperienza, non avevo mai vissuto. E' richiesta in continuo, per tanti chilometri e con poche informazioni. Ci stiamo adattando, ma se vuoi spingere non è facile tenere un ritmo elevato con questo tipo di navigazione".

#88 Monster Energy Honda Team: Bort Joan Barreda

#88 Monster Energy Honda Team: Bort Joan Barreda

Photo by: Honda Racing

condivisioni
commenti
Dakar 2021: Boulanger, il "diamante" di Peterhansel
Articolo precedente

Dakar 2021: Boulanger, il "diamante" di Peterhansel

Prossimo Articolo

Dakar: sollievo Santosh, escluse lesioni gravi

Dakar: sollievo Santosh, escluse lesioni gravi
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021