SBK, Rea: “Toprak mio erede. In MotoGP sono stato messo da parte”

Jonathan Rea ha parlato delle rivalità in pista con i propri avversari e considera Toprak Razgatlioglu il prossimo a vincere il titolo mondiale. Ricorda poi l’accordo con Honda sfumato in MotoGP, oltre all’offerta Aprilia che rifiutò.

SBK, Rea: “Toprak mio erede. In MotoGP sono stato messo da parte”

Il Mondiale Superbike ha finalmente una data per la ripartenza, il 2 agosto i motori si riaccendono sulla pista di Jerez de la Frontera, dove piloti e squadre ricominciano da dove erano rimasti, dopo il primo round di Phillip Island a febbraio. Con le gare si accende di nuovo la lotta al titolo, che Jonathan Rea dovrà difendere dagli avversari, che si sono mostrati agguerritissimi in Australia.

Il Campione del mondo in carica dovrà lottare duramente con nuovi e vecchi rivali, con cui ha condiviso il box o altre battaglie in passato. Tra questi Tom Sykes, di cui ricorda i momenti trascorsi in Kawasaki durante un’intervista per il podcast britannico Gas It Out: “Vado d’accordo con le persone come nella vita normale, con qualcuno vado d’accordo di più rispetto ad altri. La rivalità con Tom Sykes è sempre stata una questione interna al team. Quello era un caso di gestione dei rispettivi ego sullo sviluppo della moto, sembrava che Tom la volesse in un certo modo ed io in un altro. Direi che più che una rivalità tra me e Tom c’è stata una rivalità tra i nostri capotecnici”.

Leggi anche:

Oltre a Sykes, tra gli avversari più duri Rea ricorda anche il pilota Ducati: “Chaz Davies è stato probabilmente il mio rivale più grande, a parte Bautista lo scorso anno. Quando si compete duramente ogni settimana, non è sempre facile. Come non lo è quando i media parlano ed ingigantiscono le cose. Il mio agente ha parlato con Ducati forse ogni anno, quindi so quanto è buono il pacchetto di Chaz”.

“Prende la maggior parte del budget – afferma Rea, che commenta l’approdo di Bautista in Honda – quindi penso che Alvaro si sia sentito sottovalutato, prendendo ciò che restava. Ovviamente Honda non si è lasciata sfuggire l’occasione e ha fatto una grande proposta. Inoltre, quando c’è la firma HRC su qualcosa e ti dicono che fanno sul serio, devi fare attenzione e pensare che faranno tutto alla grande. Forse non succederà nel 2020, ma credo che proveranno a vincere. Non penso che sia una cattiva decisione”.

Leggi anche:

Guardando al futuro però, vede in Toprak Razgatlioglu il suo ‘erede’ in quanto a titoli mondiali: “Il giovane Toprak è cresciuto all’interno della famiglia Kawasaki ed ora è in Yamaha. Ho un debole per lui, perché è sempre stato un grande talento già ai tempi della Superstock, si trovava alla grande con la moto. L’ho sempre aiutato nel suo primo anno in Superbike, ora quasi mi dispiace di averlo fatto! È veramente un grande affare. Io sento di poter vincere altri titoli mondiali, ma credo che lui sarà il prossimo”.

Rea però resta il dominatore indiscusso del Mondiale Superbike, categoria in cui milita ormai da tempo e dove ha frantumato ogni record. Ogni anno però è stato sempre al centro del mercato piloti anche per quanto riguarda la MotoGP. A questo proposito afferma: “Dubito che Kawasaki torni in MotoGP. Sarebbe un sogno, ma non ne ho mai parlato e non ho questa sensazione. Che opzioni ho avuto? Non molte, ad essere onesto. Sento le stesse cose, ‘sei qui e dovresti farlo’. In un mondo ideale, mi piacerebbe molto andarci e prendere quello che voglio. In passato non ci sono state troppe opzioni, nulla di concreto almeno”.

L’unica opzione reale era stata quella del team Repsol Honda, le cui trattative si sono poi bloccate a causa dell’arrivo di Jorge Lorenzo, piombato in HRC inaspettatamente: “Credo che l’anno in cui Dani Pedrosa annunciò il ritiro, mi pare fosse nel weekend di Le Mans, Chuck (il manager di Rea, ndr) aveva provato a portarmi sulla Honda Repsol, forse ero in scadenza di contratto con Kawasaki. Sarebbe stato bello andarci, ma l’accordo è finito nel dimenticatoio, io sono stato messo da parte. Ho capito che Jorge Lorenzo sarebbe arrivato in Honda. Oltre a questo, Aprilia era venuta da me una volta, ma quella era un’offerta a cui non ero veramente interessato”.

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Lowes, Kawasaki Racing Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Alex Lowes, Kawasaki Racing Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Lowes, Kawasaki Racing Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Alex Lowes, Kawasaki Racing Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Toprak Razgatlioglu, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
Toprak Razgatlioglu, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pole position di Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team, secondo posto Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, terzo posto Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Pole position di Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team, secondo posto Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, terzo posto Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
16/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
17/18

Foto di: Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Superbike 2020: cancellato l'appuntamento di Oschersleben

Articolo precedente

Superbike 2020: cancellato l'appuntamento di Oschersleben

Prossimo Articolo

SBK, Barni introduce un nuovo serbatoio per la Ducati

SBK, Barni introduce un nuovo serbatoio per la Ducati
Carica commenti
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021