SBK, Portimao, Superpole Race: ancora Rea, ma Bautista è secondo

Il pilota Kawasaki domina nuovamente a Portimao, conquistando la nona vittoria consecutiva sulla pista portoghese. Sul podio con lui Alvaro Bautista, secondo dopo una rimonta, ed Alex Lowes, terzo. Solo decimo Chaz Davies.

SBK, Portimao, Superpole Race: ancora Rea, ma Bautista è secondo

La Superpole Race apre come di consueto le gare della domenica e, come ormai d’abitudine, è Jonathan Rea a dominare tra i saliscendi di Portimao. Il Campione in carica, scattato dalla pole, riesce a mettere margine tra sé e gli avversari da subito, arrivando al traguardo con 2 secondi di vantaggio su Alvaro Bautista, autore di una nuova rimonta e secondo al traguardo. Alex Lowes si deve così accontentare della terza posizione dopo aver subìto il sorpasso all’ultimo giro.

Sembra che nessuno riesca a fermare Rea, mentre alle sue spalle si consumano duelli durissimi per le posizioni del podio. La prima con protagonisti Alex Lowes ed Alvaro Bautista, impegnati a lottare per il secondo gradino del podio. Il pilota Yamaha, che nelle prime fasi di gara andava alla caccia di Rea, è stato raggiunto negli ultimi giri dall’alfiere Ducati, che è riuscito a completare il sorpasso all’ultima tornata, conquistando la seconda posizione e relegando il britannico al terzo posto. Podio comunque importante per Lowes, sia in ottica classifica sia in vista del futuro.

Dietro di loro è stata guerra interna Kawasaki, con Toprak Razgatlioglu e Leon Haslam che si sono dati battaglia senza sconti. È stato il turco ad aver avuto la meglio sul pilota ufficiale, grazie a sorpassi aggressivi che gli hanno permesso di tagliare il traguardo in quarta posizione. Il britannico si è piegato al giovane talento del team Puccetti, chiudendo la Superpole Race con un quinto posto amaro, a ben 4.3 secondi dal vincitore della gara e compagno di squadra.

Michael van der Mark ha rimontato dalla decima alla sesta piazza, non però senza difficoltà in una gara che l’ha visto combattere con le Yamaha del team GRT. L’olandese precede Tom Sykes e Sandro Cortese, che sono crollati dopo i primi giri. I due, che completavano la prima fila e scattavano a fianco di Rea, non sono riusciti a tenere il passo, subendo così sorpassi da parte dei piloti più efficaci. Il pilota BMW è passato sotto alla bandiera a scacchi in settima posizione, mentre il tedesco è ottavo.

Dietro di loro troviamo Loris Baz, un po’ altalenante in questo fine settimana portoghese e solo nono. Il francese però riesce a contenere Chaz Davies fino alla fine e resta davanti al pilota Ducati. Il gallese, come già preannunciato dopo Gara 1, si è trovato più in difficoltà nella Superpole Race e, pur scattando dalla 14esima casella, non è riuscito a recuperare terreno, chiudendo in decima posizione. Hanno faticato anche Michael Ruben Rinaldi, 11esimo, e Marco Melandri, 13esimo e decisamente non a suo agio con la Yamaha. Ultimo degli italiani è Alessandro Delbianco, 19esimo al traguardo.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 10 17'00.806      
2 19 Spain Alvaro Bautista Ducati 10 17'02.909 2.103 2.103  
3 22 United Kingdom Alex Lowes Yamaha 10 17'03.190 2.384 0.281  
4 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Kawasaki 10 17'04.859 4.053 1.669  
5 91 United Kingdom Leon Haslam Kawasaki 10 17'05.124 4.318 0.265  
6 60 Netherlands Michael van der Mark Yamaha 10 17'06.229 5.423 1.105  
7 66 United Kingdom Tom Sykes BMW 10 17'07.093 6.287 0.864  
8 11 Germany Sandro Cortese Yamaha 10 17'08.146 7.340 1.053  
9 76 France Loris Baz Yamaha 10 17'08.268 7.462 0.122  
10 7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 10 17'09.313 8.507 1.045  
11 21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 10 17'13.640 12.834 4.327  
12 81 Spain Jordi Torres Kawasaki 10 17'13.883 13.077 0.243  
13 33 Italy Marco Melandri Yamaha 10 17'14.480 13.674 0.597  
14 28 Germany Markus Reiterberger BMW 10 17'15.231 14.425 0.751  
15 50 Ireland Eugene Laverty Ducati 10 17'17.397 16.591 2.166  
16 36 Argentina Leandro Mercado Kawasaki 10 17'21.219 20.413 3.822  
17 13 Japan Takumi Takahashi Honda 10 17'28.032 27.226 6.813  
18 20 France Sylvain Barrier Ducati 10 17'30.550 29.744 2.518  
19 52 Italy Alessandro Del Bianco Honda 10 17'30.838 30.032 0.288  
20 23 Japan Ryuichi Kiyonari Honda 10 17'31.919 31.113 1.081
condivisioni
commenti
Rea: “Oggi non sono stato forte, non ne avevo più”

Articolo precedente

Rea: “Oggi non sono stato forte, non ne avevo più”

Prossimo Articolo

SBK, Portimao, Gara 2: Bautista finalmente ritrova la vittoria

SBK, Portimao, Gara 2: Bautista finalmente ritrova la vittoria
Carica commenti
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021