SBK, Portimao, Gara 2: Bautista finalmente ritrova la vittoria

Il pilota Ducati torna a vincere e riesce a contenere gli attacchi di Rea, secondo ad un decimo. Razgatlioglu sale sul terzo gradino del podio e beffa la concorrenza. Quarto Lowes, mentre Chaz Davies è solo 16esimo.

SBK, Portimao, Gara 2: Bautista finalmente ritrova la vittoria

Gara 2 a Portimao vede la fine dell’egemonia di Jonathan Rea ed il ritorno di Alvaro Bautista sul gradino più alto del podio. Il pilota Ducati, scattato dalla seconda casella, ha rimontato dopo una partenza lenta fino a tagliare il traguardo davanti a tutti. Il leader del mondiale si accontenta della seconda posizione dopo aver , davanti ad uno splendido Toprak Razgatlioglu, terzo.

Alla partenza è Rea ad avere lo spunto migliore, ma non riesce a mettere margine tra sé e gli avversari e nei primi giri troviamo ben sei piloti in lotta per la vittoria. Sembra un dominio Kawasaki nelle fasi iniziali, con Rea che si porta dietro Razgatlioglu, secondo, e Leon Haslam, terzo. I tre sono però braccati dalle Yamaha di Alex Lowes e Michael van der Mark, mentre Alvaro Bautista insegue da vicino, costretto a ricostruire la gara dopo una partenza non ideale.

Lo spagnolo inizia la sua rimonta fino a portarsi alle spalle di Rea, che non riesce a fuggire ed è costretto a difendersi. Nel frattempo Razgatlioglu dà filo da torcere ai due contendenti al titolo, entrando da subito nella lotta per la vittoria e portandosi al comando a metà gara, salvo poi doversi arrendere alla potenza delle due moto ufficiali. Riesce a tenere il passo di Bautista e Rea, che però nel finale si allontanano. Tuttavia il turco del team Puccetti sale sul podio grazie ad una splendida terza posizione, pur pagando 4.5 secondi dal vincitore.

Con i primi tre ormai staccati, lo spettacolo viene regalato dal gruppo in lotta per la quarta posizione, che vede protagonisti Alex Lowes, Leon Haslam ed un arrembante Loris Baz. I tre battagliano tra sorpassi e controsorpassi, ma è poi il britannico della Yamaha ad avere la meglio, riuscendo a tagliare il traguardo davanti agli avversari. Si deve accontentare della quinta posizione il pilota Kawasaki, arretrato dopo un inizio gara esplosivo. Il francese del team Ten Kate riesce ad essere sesto anche davanti all’ufficiale Michael van der Mark, settimo in grande difficoltà.

Ancora Yamaha in ottava posizione, con Marco Melandri che fatica ma chiude fra i primi dieci per la prima volta questo fine settimana. L’italiano precede Tom Sykes, nono e decisamente anonimo in Gara 2, mentre Sandro Cortese chiude la top 10. Chaz Davies è enormemente deluso dalla seconda manche del weekend, non essendo riuscito ad andare oltre la 16esima posizione finale a causa di un problema sulla sua Panigale V4 R. Ultimo Alessandro Delbianco.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco Ritirato Punti
1   19 Spain Alvaro Bautista Ducati 20 34'18.017       25
2   1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 20 34'18.128 0.111 0.111   20
3   54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Kawasaki 20 34'22.593 4.576 4.465   16
4   22 United Kingdom Alex Lowes Yamaha 20 34'26.136 8.119 3.543   13
5   91 United Kingdom Leon Haslam Kawasaki 20 34'26.202 8.185 0.066   11
6   76 France Loris Baz Yamaha 20 34'29.204 11.187 3.002   10
7   60 Netherlands Michael van der Mark Yamaha 20 34'29.234 11.217 0.030   9
8   33 Italy Marco Melandri Yamaha 20 34'34.505 16.488 5.271   8
9   66 United Kingdom Tom Sykes BMW 20 34'35.205 17.188 0.70   7
10   11 Germany Sandro Cortese Yamaha 20 34'36.369 18.352 1.164   6
11   81 Spain Jordi Torres Kawasaki 20 34'38.905 20.888 2.536   5
12   21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 20 34'44.508 26.491 5.603   4
13   28 Germany Markus Reiterberger BMW 20 34'46.078 28.061 1.570   3
14   50 Ireland Eugene Laverty Ducati 20 34'49.010 30.993 2.932   2
15   36 Argentina Leandro Mercado Kawasaki 20 34'51.348 33.331 2.338   1
16   7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 20 34'57.842 39.825 6.494    
17   13 Japan Takumi Takahashi Honda 20 35'06.458 48.441 8.616    
18   20 France Sylvain Barrier Ducati 20 35'11.577 53.560 5.119    
19   23 Japan Ryuichi Kiyonari Honda 20 35'14.426 56.409 2.849    
20   52 Italy Alessandro Del Bianco Honda 20 35'21.677 1'03.660 7.251
condivisioni
commenti
SBK, Portimao, Superpole Race: ancora Rea, ma Bautista è secondo

Articolo precedente

SBK, Portimao, Superpole Race: ancora Rea, ma Bautista è secondo

Prossimo Articolo

Bautista vincitore polemico: “Ducati non fa niente per migliorare”

Bautista vincitore polemico: “Ducati non fa niente per migliorare”
Carica commenti
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
22 o
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021