WEC, Prologo 1: dominio di United Autosports, Hypercar indietro

Le LMP2 svettano nelle due sessioni di prove sulle Ardenne, con il Racing Team Nederland che è il migliore Pro-Am. Risalgono al pomeriggio la Alpine LMP1 e la Toyota Hypercar #8, bel duello Porsche-Ferrari fra le GTE. Primi incidenti seri per alcune vetture.

WEC, Prologo 1: dominio di United Autosports, Hypercar indietro

I piloti del FIA World Endurance Championship hanno cominciato a lavorare in vista del primo weekend stagionale che si terrà fra qualche giorno a Spa-Francorchamps.

Sul tracciato delle Ardenne oggi è andata in scena la prima giornata di prove ufficiali collettive, il cosiddetto Prologo, sotto un bel sole che ha illuminato i 7km del circuito belga.

I team hanno avuto un paio d'ore a disposizione al mattino, che però sono state interrotte per tre volte dall'esposizione della bandiera rossa, dunque si è deciso di allungare di 30' la sessione pomeridiana per recuperare il tempo perso.

Il primo stop è stato causato da Filipe Albuquerque, rimasto bloccato su un cordolo con la sua Oreca 07-Gibson #22 e quindi costretto ad attendere l'aiuto dei commissari per ripartire. Il portacolori della United Autosports si è fatto perdonare ottenendo il primato in 2'04"968 con la LMP2 condivisa con Fabio Scherer e Phil Hanson.

La seconda interruzione si è verificata quando Ben Keating è andato a sbattere violentemente al 'Raidillon'; l'esperto pilota della TF Sport è uscito illeso, cosa che invece non si è potuto dire altrettanto della Aston Martin Vantage #33, che ha richiesto parecchie riparazioni.

Stessa sorte anche per il suo compagno di marchio Satoshi Hoshino, che è finito a muro con la Vantage #777 griffata D’Station Racing qualche istante dopo lo statunitense.

Venendo alla classifica dei tempi del mattino, a farla da padrone sono state soprattutto le LMP2, con ben sette Oreca in altrettante posizioni, tutte davanti alla Toyota GR010 Hybrid #8 di Sébastien Buemi/Kazuki Nakajima/Brendon Hartley, ottavi nel debutto della loro Hypercar, mentre hanno completato solamente un paio di tornate come 'installation lap' i loro colleghi Kamui Kobayashi/Mike Conway/José María López con la #7.

Il secondo tempo assoluto lo hanno stampato Giedo Van Der Garde/Frits Van Eerd/Job Van Uitert sulla Oreca #29 del Racing Team Nederland, migliori dei Pro-Am LMP2, ma a mezzo secondo dalla vetta, con un vantaggio più o meno simile sulla 07 #70 della Realteam Racing nelle mani di Loïc Duval/Norman Nato, con Ben Hanley/Juan Pablo Montoya/Henrik Hedman (#21 DragonSpeed) che chiudono quarti e sul podio virtuale Pro-Am.

Top5 anche per Anthony Davidson/Roberto Gonzalez/António Félix Da Costa sulla Oreca #38 della Jota, con dietro la debuttante #31 del Team WRT affidata a Ferdinand Habsburg/Charles Milesi/Robin Frijns e alla #28 dei loro compagni di squadra Sean Gelael/Stoffel Vandoorne/Tom Blomqvist.

Alle spalle della Toyota #8 - ottava, come detto - abbiamo invece le due Aurus 01-Gibson della G-Drive Racing (#26 Roman Rusinov/Franco Colapinto/Nyck De Vries e #25 Diego Menchaca/Roberto Merhi/Rui Andrade/John Falb) a completare la Top10 assoluta.

Solo 13a la Alpine A480 LMP1 #36 di André Negrao/Matthieu Vaxivière/Nicolas Lapierre con un distacco di 2"6 dalla vetta e in scia alla Oreca tutta 'rosa' della Richard Mille Racing condotta da Tatiana Calderon/Sophia Floersch/Beitske Visser.

In Classe LMGTE Pro è la Porsche 911 #92 di Kévin Estre/Neel Jani a conquistare il primato in 2'14"198 con un paio di decimi di margine sulla Ferrari 488 #51 della AF Corse nelle mani di Alessandro Pier Guidi/James Calado.

Dietro a questi ci sono anche i ragazzi della Cetilar Racing con la 488 #47 di Antonio Fuoco/Giorgio Sernagiotto/Roberto Lacorte, ad ottenere la testa della classifica in LMGTE Am.

Il terzetto del team toscano è inseguito nella graduatoria generale dalla Corvette C8.R #63 di Antonio Garcia/Oliver Gavin e dalla Porsche #91 di Gimmi Bruni/Richard Lietz, terzi e quarti Pro.

Il podio virtuale della LMGTE Am lo completano le Porsche di Dempsey Proton Racing (#77 Christian Ried/Jaxon Evans/Matt Campbell) e Team Project 1 (#56 Egidio Perfetti/Matteo Cairoli/Riccardo Pera), con le Ferrari #83 di François Perrodo/Niklas Nielsen/Alessio Rovera (AF Corse) e la Aston Martin di Keating/Dylan Pereira/Felipe Fraga subito dietro.

Anche nel pomeriggio non sono mancati i brividi, cominciando con Gelael che ha distrutto all'Eau Rouge la sua Oreca dopo appena un quarto d'ora dalla ripresa delle operazioni.

Uscita di pista e rientro sul carro attrezzi anche per la Porsche #46 di Anders Buchardt (Team Project 1) a 'Bruxelles', mentre verso il finale delle prove è toccato a Milesi fermarsi poco dopo la medesima curva.

Nel frattempo il miglior crono lo ha confermato Albuquerque abbassando il limite a 2'04"822, facendo meglio di appena un millesimo rispetto a Van Uitert, sempre primo in Pro-Am.

Frijns ha invece piazzato al terzo posto assoluto la LMP2 della WRT, ma c'è da segnalare che Vaxivière è riuscito ad issarsi in Top5 con la Alpine LMP1, seppur a 0"408 dalla vetta.

Anche le Toyota Hypercar hanno fatto un po' meglio: la #8 ha concluso con il sesto crono assoluto grazie al giro di Nakajima, e la #7 se non altro ha completato cinque tornate con il 17° tempo realizzato da Conway.

In Top10 assoluta si mantengono Realteam Racing (#70), Jota (#38) e G-Drive Racing (#25). Buona risalita per la PR1 Mathiasen Motorsports, la cui Oreca #24 condotta da Patrick Kelly/Gabriel Aubry/Simon Trummer è ottava generale e terza LMP2 Pro-Am.

Ancora primato in LMGTE Pro per la Porsche #92 in 2'14"304, stavolta con dietro la Ferrari #52 di Miguel Molina/Daniel Serra e la 911 'gemella' #91.

L'ottimo Cairoli è primo in LMGTE Am grazie al suo 2'14"740, inseguito dalle Ferrari di AF Corse (#83 di Rovera/Nielsen/Perrodo e #54 Thomas Flohr/Giancarlo Fisichella/Francesco Castellacci) e Cetilar Racing.

In grassetto il pilota che ha ottenuto il miglior tempo cronometrato

FIA WEC - Prologo: Sessione 1

FIA WEC - Prologo: Sessione 2

condivisioni
commenti
Chinchero racconta Alonso (pt.3) - It's a long way to the top
Articolo precedente

Chinchero racconta Alonso (pt.3) - It's a long way to the top

Prossimo Articolo

WEC, Prologo 2: Toyota si rialza, ma le LMP2 sono più veloci

WEC, Prologo 2: Toyota si rialza, ma le LMP2 sono più veloci
Carica commenti
WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh Prime

WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh

Dopo che FIA ed IMSA hanno raggiunto l'accordo per fare correre le Hypercar del FIA World Endurance Championship contro le LMDh in IMSA WeatherTech SportsCar Championship dal 2023, vediamo quali scenari si possono aprire per team, piloti, Case, calendari e format di gara.

WEC
17 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi Prime

Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi

Nel fine settimana della 8 Ore di Portimao del FIA World Endurance Championship, la Toyota ha raggiunto le 100 gare nel Mondiale coi suoi prototipi. Ecco le principali pietre miliari di un percorso che era iniziato quasi 40 anni fa nel Gruppo C.

WEC
8 ago 2021
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021