La Yamaha contagia Quartararo con la "Sindrome Vinales"

Fabio Quartararo sta emulando la tendenza a perdere posizioni in partenza dell'ex compagno di squadra in Yamaha, Maverick Vinales.

La Yamaha contagia Quartararo con la "Sindrome Vinales"

Fabio Quartararo sembra aver tracciato la rotta verso il suo primo titolo iridato in MotoGP. Il suo ruolino di marcia è quasi perfetto, con cinque vittorie ed altre tre podi nelle 13 gare disputate fin qui. A questi si aggiungono cinque pole position e zero ritiri, che lo pongono 53 punti davanti al diretto inseguitore Pecco Bagnaia a cinque GP dalla conclusione.

Tuttavia, guardando le statistiche della sua stagione, è chiaro che ha anche un punto debole: le partenze. "El Diablo" è quello che ha ottenuto il maggior numero di pole position e in generale è stato il più bravo di tutti in qualifica fin qui. Il suo ottimo lavoro del sabato, però, tende a disperdersi in parte quando alla domenica si spengono i semafori.

Nelle 13 partenze disputate fin qui nel 2021, Quartararo ha perso in media più di due posizioni per gara (2,23). Infatti, non è mai riuscito a mantenere il vantaggio della pole position e solo ad Assen si è confermato nella sua seconda posizione.

Posizioni perse al primo giro da Quartararo nel 2021

2021

QAT

DOH

POR

ESP

FRA

ITA

CAT

GER

OLA

STI

AUT

GB

ARA

TOTALE

Media

Quartararo

3

2

5*

3*

2*

1*

2*

2

0

1

3

1

4

25

2,23

* Partito dalla pole

Ma questa sindrome non è nata con Quartararo in Yamaha. Il suo ex compagno Maverick Vinales ci ha sbattuto la testa con regolarità: lo spagnolo ha perso più 200 posizioni al via nelle sue prime cinque stagioni con la Casa di Iwata e nel corso degli anni le cose non sono mai migliorate.

Nell'unica stagione in cui sono stati compagni di squadra, Vinales ha una media di 2,5 posizioni perse al primo giro nelle 10 gare che ha disputato in sella alla M1, prima della clamorosa rottura prematura del suo contratto con Yamaha, che lo ha poi portato ad approdare in Aprilia.

Posizione perse al primo giro da Vinales nel 2021

2021

QAT

DOH

POR

ESP

FRA

ITA

CAT

GER

OLA

STI

TOTALE

Media

Viñales

3

6

8

2

-1

3

1

0*

3*

0*

25

2,5

*Nel GP di Germani è partito penultimo, in Olanda in pole e in Stiria dalla pitlane

Nel 2021, Vinales ha mantenuto una media di posizioni perse al via praticamente identica a quella dei suoi primi anni in Yamaha, nonostante quest'anno si sia allenato quasi allo sfinimento durante i test pre-campionato in Qatar.

Il fatto che i numeri di Quartararo siano in linea con quelli di Vinales dimostra che il problema non le partenze è più legato alla M1 di quanto non lo sia ai piloti. Tuttavia, il francese è sempre stato in grado di rimediare agli errori in partenza, recuperando in gara le posizioni perse allo spegnimento dei semafori.

Leggi anche:

condivisioni
commenti
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Articolo precedente

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Prossimo Articolo

Morbidelli e Dovizioso pronti ad aprire "un nuovo capitolo"

Morbidelli e Dovizioso pronti ad aprire "un nuovo capitolo"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

MotoGP
25 ott 2021
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021