Quartararo: “Caduta inspiegabile, sono totalmente perso”

Fabio Quartararo non ha iniziato il weekend di Valencia nel migliore dei modi e una caduta ha rovinato ulteriormente una giornata già non brillante. Il campione del mondo in carica non riesce a comprendere il motivo della scivolata e si sente frustrato, come lo scorso anno su questa pista.

Quartararo: “Caduta inspiegabile, sono totalmente perso”
Carica lettore audio

Il Gran Premio di Valencia doveva rappresentare il riscatto dopo la caduta di Portimao, invece è iniziato tutt’altro che bene per Fabio Quartararo. Il campione del mondo in carica è molto lontano nella classifica dei tempi e chiude il venerdì di libere con l’11esimo crono nella combinata. Solo 15esimo nelle FP1, è incappato in una caduta durante la seconda sessione di prove libere, restando attardato rispetto ai rivali.

Quartararo è stato tradito dalla sua Yamaha e accusa diversi problemi, a cui però non riesce a venirne a capo. Secondo El Diablo è un fatto inspiegabile, che lo rende frustrato e non gli permette di affrontare la situazione nel migliore dei modi, anzi: “Ero perso, totalmente perso. Sono caduto e non capisco perché. Questa è la peggior cosa, cadere senza sapere perché. Abbiamo fatto tutto bene ma l’anteriore si è chiuso all’improvviso e non capisco il motivo. Non ho potuto guidare come durante tutto il resto dell’anno. Serve qualcosa, perché è dura fare dei tempi ed essere costanti in queste condizioni. Siamo anche molto lenti, bisogna trovare una soluzione”.

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

“Non sappiamo cosa sia successo – prosegue il campione del mondo in carica – non sappiamo dove siamo né quali sono le sensazioni con l’anteriore. La moto gira piuttosto bene, ma è veramente aggressiva all’anteriore e non dà feeling. Siamo un po’ persi, sono un po’ perso. Il team controllerà se c’è qualcosa di strano, alla prima curva ero molto prudente e perdevo tanto tempo. Ci sono tante curve in cui la moto si comporta in modo strano. Le sensazioni erano negative, non avevo feeling semplicemente. È la cosa che non riesco proprio a capire, io guido come sempre. Abbiamo fatto 17 gare, dal Qatar a Portimao le sensazioni erano le stesse e qui sono totalmente perso. Quindi è una cosa davvero strana e non vedo l’ora di fare il briefing con il team, perché c’è qualcosa che non capisco”.

Dunque, le sensazioni sembrano essere tornate quelle di Valencia 2020, quando non era riuscito ad andare come avrebbe voluto. Il pilota Yamaha inoltre è stato preso alla sprovvista dalla pioggia, con la squadra che si è trovata impreparata a causa delle previsioni meteo sbagliate: “Il nostro meteo diceva che non sarebbe piovuto, ma è piovuto e non abbiamo fatto in tempo a sistemare il setting. Sono partito con un setting che non era al top, ma sinceramente perdevamo solo nell’ultimo settore stamattina, fino al terzo settore ero a otto decimi. Non è il massimo, ma non è nemmeno più una catastrofe. La spiegazione di questa mattina è soprattutto perché non abbiamo avuto il tempo di cambiare il setting”.

Come ha finito Portimao, così inizia Valencia. Si potrebbe pensare che la conquista del titolo possa aver fatto abbassare la guardia al campione del mondo, che però esclude l’ipotesi di un rilassamento post-titolo: “A Portimao era una cosa diversa. Penso che ci fossimo giocati il titolo lì, non sarebbe successo quello che è accaduto. Sarei stato più intelligente e avrei finito in quinta o sesta posizione. non c’è alcuna correlazione con il titolo, a Portimao ero primo nelle FP1 e nelle FP2, ero secondo a un millesimo nelle FP3, quindi ero davanti all’inizio, ma ci sono state alcune complicazioni. Non c'è davvero un 'non vedo l'ora che arrivino le vacanze'. È solo frustrante essere in un Gran Premio e non capire cosa sta succedendo, soprattutto perché è l'ultimo. Non c'è feeling, e questa è la cosa che mi infastidisce di più. Non capisco perché succede qui. L'anno scorso è stata la stessa cosa, è stato un disastro”.

condivisioni
commenti
Rossi: "Podio? Pago una festa per tutti, ma non succederà"
Articolo precedente

Rossi: "Podio? Pago una festa per tutti, ma non succederà"

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Ho fatto dei passi avanti immensi quest'anno"

Bagnaia: "Ho fatto dei passi avanti immensi quest'anno"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021