Dovizioso: "Qualifica compromessa dalla caduta"

Il nono posto in qualifica non abbatte l'italiano che in gara punta a mantenere un passo costante

Ennesima qualifica incolore per la Ducati di Andrea Dovizioso. Il pilota italiano ha palesato, così come il compagno di team Iannone, notevoli difficoltà nell'adattare la propria Ducati alle temperature estive di Valencia.

Dovizioso è stato, tra l'altro, autore di una innocua caduta ad inizio sessione che, tuttavia, ha compromesso il risultato dell'intera qualifica: "Sono caduto subito, ed è stata una caduta stupida perchè ho perso la moto quando ho ripreso il gas in mano in curva 2 e non sono riuscito a recuperarla. Questo ci ha complicato il lavoro nel pomeriggio perchè non sono riuscito a riaccendere la moto. Ho dovuto cambiare moto e mettere le gomme usate la mattina che avevano molti giri. Non abbiamo la comparazione dei tempi nelle condizioni del pomeriggio, che sono le più importanti in vista della gara".

Dovizioso ha evidenziato la scarsa confidenza con la Desmosedici: "in qualifica non ho un feeling tale da poter spingere forte, e con queste sensazioni che mi da la moto il tempo che ho fatto non è nemmeno così male. Domani sarà importante partire bene perchè nel secondo gruppo ci sono molti piloti che hanno un passo similie, anche se solo in gara si capirà realmente chi ne ha di più. In gara bisognerà avere un buon passo ma soprattutto essere costanti perchè la difficoltà in questa pista è riuscire ad arrivare al termine dei 30 giri nel modo più costante possibile". 

Dovizioso non è ansioso che la stagione attuale termini, ma cerca di pensare sempre positivo: "Per come è partita la stagione, col feeling che avevo, paragonato a quello attuale, c'è una grande differenza. È vero che ad inizio stagione, quando riuscivo a guidare meglio la moto tutto era più facile, anche le cose negative si gestivano meglio rispetto ad adesso. Logicamente stare in queste posizioni non è il massimo per me ma non ho fretta che la stagione finisca".

Andrea, infine, ha analizzato quelli che saranno i cambiamenti tencici del prossimo campionato e quelle che saranno le sfide che dovranno affrontare i piloti: "Nel futuro ci saranno dei grossi cambiamenti. Tecnicamente fa la differenza il feeling che hai con la moto. Se riesci ad avere subito un buon feeling tutto diventa più facile, ma  ci saranno dei grossi cambiamenti, quindi in questo momento non possiamo ragionare come negli anni precedenti quando c'era una certa stabilità regolamentare. Bisgona vedere come lavorerà la moto con la nuova centralina, adattarsi alle nuove gomme. Dobbiamo semplicemente iniziare la stagione nuova martedì cercando di essere pronti a migliorare il più velocemente possibile perchè l'anno prossimo chi riuscirà ad essere davvero competitivo sarà il pilota che si adatterà più in fretta alle gomme ma anche ai cambiamenti della moto in funzione delle gomme".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento Gran Premio di Valencia
Circuito Valencia
Piloti Andrea Dovizioso
Articolo di tipo Ultime notizie