Capirossi: "In 30 anni non ho mai visto un pilota come Marquez"

Il tre volte campione del mondo Loris Capirossi ha detto che in tutta la sua vita non aveva mai visto un pilota "con la velocità ed il potenziale" di Marc Marquez.

Capirossi: "In 30 anni non ho mai visto un pilota come Marquez"

Nel 2019, il Motomondiale ha compiuto 70 anni di storia e, durante tutto questo tempo, molti piloti sono stati in grado di vincere il titolo della classe regina, alcuni in più di un'occasione.

Tuttavia, in questi sette decenni, solo quattro di loro sono stati in grado di segnare un'era, mostrando un vero e proprio dominio che gli è valso cinque o più Mondiali.

Il primo pilota ad avere un regno è stato Giacomo Agostini, otto volte campione della classe regina, sette consecutive tra il 1966 ed il 1972, titoli ai quali ha aggiunto anche quello del 1975.

Vent'anni dopo è stata la volta di Mick Doohan, che ha dominato la classe 500cc per cinque stagioni, laureandosi sempre campione dal 1994 al 1998.

Con l'inizio del nuovo millennio, al posto dell'australiano si è issato Valentino Rossi. Il pesarese ha conquistato cinque titoli consecutivi tra il 2001 ed il 2005. Dopo una breve pausa, ne ha poi aggiunti altri due nel 2008 e nel 2009.

Con l'arrivo in MotoGP di Marc Marquez, infine, abbiamo assistito alla nascita di una nuova era. Lo spagnolo, tra il 2013, anno del suo debutto, ed il 2019, ha conquistato sei Mondiali, lasciandosi sfuggire solo quello del 2019.

La straordinaria longevità sportiva di Rossi ci ha permesso di assistere alla convivenza di due dei migliori piloti di tutti i tempi, qualcosa che non si era mai visto in passato e che ha suscitato parecchio dibattito su chi sia il migliore tra i due.

Rossi ha dominato il primo decennio del 2000 con una grande autorità, la stessa che ora mostra Marquez, che è solo ad un titolo da raggiungere le sette corone nella classe regina del "Dottore".

La última victoria de Loris Capirossi en MotoGP, el GP de Japón de 2007

La última victoria de Loris Capirossi en MotoGP, el GP de Japón de 2007

 

Uno che li ha potuto osservare entrambi da vicino è Loris Capirossi, due volte campione del mondo della 125cc ed una della 250cc, che nella sua carriera ha ottenuto 29 vittorie e 99 podi.

Contemporaneo di Valentino, Capirossi è diventato uno dei responsabili della sicurezza e successivamente della Direzione Gara della MotoGP.

"Sono stato nel mondo delle moto per più di 30 anni e devo ammettere che non ho mai visto, neanche nel passato, un pilota con la velocità ed il potenziale di Marquez" ha detto Capirossi in un'intervista a Paddock-GP.com.

E non solo, Loris crede che Marquez stia riuscendo a fare tutto questo anche senza avere la moto migliore.

"Molte persone pensano che i successi di Marc si basino sul fattore Honda, ma personalmente penso che la RC213V non sia la moto migliore del 2019. Marc ha semplicemente un talento straordinario ed una grande padronanza della moto. Sarà molto difficile batterlo nei prossimi anni" ha detto.

Capirossi ritiene che, in questo momento, Marquez sia imbattibile e che solo un infortunio possa fermare l'estensione del suo regno in MotoGP.

"E' difficile sapere quanto può durare il suo dominio. Come sappiamo, il motociclismo è uno sporto in cui puoi farti male. Solo una brutta caduta può fermarlo nella sua corsa incessante ai record. Inoltre, si è evoluto molto in questo senso. Ora Marca cade raramente in gara, lo fa solo in prova, cercando i limiti per poi stabilire un margine di sicurezza. E' chiaramente maturato, soprattutto nel 2019, e non ha ancora finito di crescere. Sono convinto che possa ancora migliorare" ha concluso.

condivisioni
commenti
Jorge Lorenzo: "Io tester Yamaha? È una delle possibilità"

Articolo precedente

Jorge Lorenzo: "Io tester Yamaha? È una delle possibilità"

Prossimo Articolo

Rivola: "Aprilia supporta Iannone, niente conclusioni affrettate"

Rivola: "Aprilia supporta Iannone, niente conclusioni affrettate"
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021