Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Intervista
Le Mans 24h di Le Mans

24h Le Mans | Safety Car, la nuova regola non piace: "Americanata!"

La nuova regola della Safety Car introdotta per la 24h di Le Mans 2023 non piace a nessuno e in Toyota l'hanno bocciata definendola una "americanata".

Safety car davanti a Peugeot e Toyota

Invece di neutralizzare la gara con l'uso di tre safety car, come è avvenuto negli ultimi anni nell'evento di punta del FIA World Endurance Championship, quest'anno è stata introdotta una nuova procedura che vedrà l'intero gruppo di vetture dietro un'unica safety car prima di ogni ripartenza.

Inoltre, a qualsiasi vettura che si trovi dietro il leader della classe in scia all'auto di sicurezza sarà consentito di superarla, completare un giro e rientrare in fondo al gruppo, in modo simile al sistema utilizzato nell'IMSA SportsCar Championship.

Le auto eseguiranno anche una procedura chiamata "drop-back" che vedrà i corridori LMP2 e GTE Am separati dalle Hypercar che competono per la classifica generale.

Il direttore tecnico di Toyota Gazoo Racing Europe, Pascal Vasselon, ha già espresso il suo disappunto per il nuovo sistema, affermando che rischia di svalutare la vittoria rendendo la gara "un po' una lotteria".

Parlando con alcuni media, tra cui Motorsport.com, dopo che il sistema è stato testato durante la giornata di prove ufficiali di Le Mans di domenica, Vasselon ha sottolineato la sua posizione e ha bocciato quella che ritiene essere "l'americanizzazione" della classica francese di durata.

"La nuova regola della safety car non ci sembra corrispondere allo spirito di Le Mans - ha detto Vasselon - Se guardiamo a ciò che ha reso Le Mans così grande, è esattamente l'opposto di questa sorta di artificio in cui, se non si è bravi nei pit-stop o se si commette un errore di strategia, non conterà perché la safety car rimetterà tutto a posto".

"È piuttosto grave in termini di stato d'animo: è un grande passo verso l'americanizzazione di Le Mans e la nostra opinione è che Le Mans non dovrebbe diventare americana. Se così fosse, non sarebbe più Le Mans".

Safety car Exercise

Safety car Exercise

Photo by: Paul Foster

Vasselon prevede che le nuove regole ridurranno l'incentivo per i team a spingere per tutta la durata della gara, creando una situazione simile a quella della 24h di Daytona dell'IMSA: l'attenzione si sposterà dalla costruzione di un vantaggio alla semplice permanenza nel giro di testa, pronti per la resa dei conti nelle fasi finali.

"A Daytona, lo spettacolo è nelle ultime due ore, mentre per il resto le auto riescono a rimanere nel giro di testa e non si corre per 22 ore. Faremo un passo in questa direzione.

"Negli ultimi anni, Le Mans è stata una 24 ore sprint, proprio perché era possibile, con le tre safety car, avere una certa neutralità sulla gara. Le auto che volevano vincere non avevano tregua, ma ora ci siamo allontanati da questa situazione.

"L'impatto è sulla gestione del rischio. In un certo senso, aiuterà l'affidabilità, ma soprattutto ridurrà il rischio di incidenti".

Alla domanda se ritiene che gli altri team della Classe Hypercar abbiano un'opinione simile sulle modifiche, Vasselon ha risposto: "So che ci sono altri team che hanno la nostra stessa posizione. Penso che ce ne siano alcuni che non si lasciano scoraggiare dalle corse all'americana.

"La nostra opinione si esprime in termini di spirito storico di Le Mans. Dopodiché, va bene voler cambiare le cose, il mondo si evolve, ma per noi questa non è una delle cose che dovrebbero evolversi".

"Per quanto riguarda i principi fondamentali di ciò che ci fa vincere o perdere a Le Mans, non pensiamo che debbano cambiare perché sono valori senza tempo".

Vasselon ha anche ribadito la sua convinzione che il precedente sistema di tre safety car equamente distanziati lungo i 13,626km del Circuit de la Sarthe offra il miglior compromesso tra non interferire indebitamente con la gara e la sicurezza.

"Si potrebbe prendere in considerazione la possibilità di aumentare il numero di safety car a sei per ridurre l'impatto delle auto divise, anche se un minor numero di intervalli del traffico potrebbe rendere più difficile per i commissari di gara intervenire negli incidenti in alcuni casi".

Informazioni aggiuntive di Basile Davoine

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Video | 24h di Le Mans e Ferrari: la gara delle gare
Prossimo Articolo 24h di Le Mans | Sensori illegali sulle LMP2, pioggia di penalità

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia