A Marrakech c’è una F.E per un... 16enne pilota marocchino

Michael Benyahia, stella nascente del Paese nordafricano, terzo nel Campionato Francese di F.4, effettuerà il 10 novembre un road show lungo l’Avenue Hassan II per lanciare l'imminente ePrix africano...

A Marrakech c’è una F.E per un... 16enne pilota marocchino
ePrix di Marrakech, layout del circuito
Logo del circuito di Marrakech
L'atmosfera di Marrakech
La corsia dei box di Marrakech
Circuit Moulay El Hassan, Marrakech
Carica lettore audio

Michael Benyahia, stella nascente dell’automobilismo marocchino, avrà un primo assaggio della monoposto in uso nel Campionato FIA di Formula E quando effettuerà una dimostrazione nelle strade di Marrakech il prossimo 10 novembre

Oggi sedicenne, la grande promessa dell’automobilismo nordafricano ha iniziato la propria carriera nel Karting all’età di 10 anni ed è entrato nella storia come il più giovane driver promosso dall’Academy FFSA per correre nel Campionato Francese di F.4, dove è attualmente terzo nella classifica generale.

Il road show si svolgerà lungo l'Avenue Hassan II, dove i tifosi marocchini potranno non soltanto osservare Benyahia fare la storia al volante di una Spark-Renault SRT_01E a soli... 16 anni, ma anche prepararsi all’attesissimo ePrix di sabato 12 novembre. 

 

Michael ha detto: "Sono molto entusiasta di salire in macchina, dal momento che io sarò probabilmente il più giovane di sempre a guidarla. Mi sento davvero fortunato a poter provare un'auto di Formula E, perché correre in questa serie sarebbe un sogno e lavorerò sodo perché ciò possa accadere nella realtà più al presto”.

E ancora: "La Formula E è una delle categorie automobilistiche più promettenti in chiave futura. Il fatto che venga a gareggiare nel cuore di Marrakech farà sì che a tutti noi venga regalato un grande spettacolo e sono orgoglioso che ciò avvenga proprio nel mio Paese. È per questo che spero di vedere tutti gli appassionati marocchini sul posto sia giovedì che sabato”.

"Per questa ragione, indosserò i colori del Marocco sul mio casco, mentre ho collocato un’immagine della ‘Jāmaa el-Fnā ’ (attorno alla quale si sviluppa la Medina, ndr), il simbolo di Marrakech, sul retro del medesimo. Mi piace l’idea che i miei fan mi riconoscano facilmente e non vedo l'ora di incontrarli", ha concluso Michael Benyahia.

condivisioni
commenti

Michelin & F.E: un mix “verde” di prestazioni e affidabilità

Così il "caso" del regen... incendia il paddock della F.E!