Renault: in Austria arriva finalmente la tanto attesa nuova specifica della MGU-K

condivisioni
commenti
Renault: in Austria arriva finalmente la tanto attesa nuova specifica della MGU-K
Adam Cooper
Di: Adam Cooper
Tradotto da: Matteo Nugnes
25 giu 2018, 14:16

La Renault finalmente introdurrà la tanto attesa nuova specifica della MGU-K in occasione del GP d'Austria di questo fine settimana, anche se non obbligherà i team clienti, Red Bull e McLaren, ad utilizzarla.

Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team R.S. 18, effettua un pit stop
Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team R.S. 18
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team R.S. 18, Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team R.S. 18
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL33

La nuova MGU-K, la cui introduzione era prevista per l'inizio della stagione 2017 prima di subire numerosi ritardi, è stata finalmente approvata per essere utilizzata in un weekend di gara da tutte e tre le squadre.

Tuttavia, Cyril Abiteboul, ha anticipato che almeno una delle due squadre clienti potrebbe preferire continuare con la vecchia specifica almeno in Austria.

Un'ulteriore complicazione è legata al fatto che con il regolamento 2018 i piloti possono utilizzare solamente due MGU-K prima di incappare nelle penalità.

La McLaren e la Red Bull, dunque, potrebbero essere restie a fare questo cambio fino a quando la componente non avrà dimostrato la sua affidabilità sulle monoposto del factory team.

"E' disponibile per tutte le vetture che la desiderano" ha detto Abiteboul a Motorsport.com. "Ma non credo che tutte le squadre sceglieranno di utilizzare la nuova specifica".

"E' una componente che aspettavamo da tempo, ma è un po' un problema che alcuni team possano non utilizzarla, perché questo significa che continueranno ad utilizzare una MGU-K di una precedente generazione tecnica".

"Ma questa è la nostra filosofia, accettare la scelta delle squadre, che prima preferiscono avere più informazioni".

La nuova versione arriva subito dopo che Carlos Sainz ha accusato un problema con la vecchia MGU-K proprio nei giri finali del GP di Francia.

"E' una parte che sappiamo essere fragile, quindi abbiamo deciso deliberatamente di prolungarne l'utilizzo, proprio perché sapevamo che era in arrivo una nuova specifica, con prestazioni migliori, un packaging migliore e più affidabile".

"Arriverà nel prossimo weekend, ma con due giri di ritardo rispetto a quanto sarebbe servito a quella particolare MGU-K" ha detto, scherzando su quanto accaduto a Sainz, che comunque ha potuto concludere la gara a punti.

"Detto questo, non è poi tanto male, perché stiamo davvero dimostrando che stiamo spingendo al limite e che accettiamo anche di prenderci qualche rischio".

Prossimo Articolo
Williams e McLaren "nobili decadute": ma se non avessero ancora toccato il fondo?

Articolo precedente

Williams e McLaren "nobili decadute": ma se non avessero ancora toccato il fondo?

Prossimo Articolo

La FIA potrebbe considerare di eliminare la chicane sul rettilineo del Mistral dal 2019

La FIA potrebbe considerare di eliminare la chicane sul rettilineo del Mistral dal 2019
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Austria
Location Red Bull Ring
Team Renault F1 Team
Autore Adam Cooper