Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
19 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
23 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
62 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
75 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
79 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
96 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
110 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
138 giorni
05 set
Gara in
145 giorni
12 set
Gara in
152 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
166 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
170 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
180 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
195 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
202 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
243 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

F1 2021: meno carico con tagli a brake duct e diffusore

Oltre alla riduzione del pavimento del fondo e al divieto di slot dall'inizio delle pance verso la ruota psoteriore che erano state approvate in maggio, la FIA ha deciso anche il taglio delle alette alle prese dei freni posteriori e delle paratie verticali sotto alla zona centrale dell'estrattore. Si vuole ridurre la downforce del 10%, ma i team sono sicuti di recuperare la deportanza perduta. E allora la Pirelli studia gomme 2021 con la costruzione più rigida.

F1 2021: meno carico con tagli a brake duct e diffusore

La F1 nel 2021 taglia il carico aerodinamico con un obiettivo molto chiaro: evitare che lo sviluppo delle monoposto possa generare una tale downforce da mettere in crisi le gomme Pirelli che saranno attese l’anno prossimo alla terza stagione di utilizzo. Ricordiamo, infatti, che gli pneumatici che saranno forniti dalla Casa milanese saranno ancora quelli del 2019.

Va detto che l’escalation della spinta verticale che le monoposto 2020 riescono a produrre è impressionante: possiamo dire senza tema di smentita che il carico aerodinamico è cresciuto del 100% negli ultimi dieci anni, raggiungendo valori che non si sono mai toccati nella storia della F1.

La FIA, dunque, dopo una discussione con le squadre, ha deciso una serie di interventi per abbassare del 10% i valori di downforce rispetto alle F1 che hanno iniziato la stagione, in modo da garantire alle gomme un altro anno di vita, tenuto conto che il peso delle monoposto sarà portato a 749 kg e ci sarà un aggravio nel lavoro delle coperture.

F1 2021: ecco come dovrà essere tagliato il pavimento del fondo per ridurre il carico aerodinamico

F1 2021: ecco come dovrà essere tagliato il pavimento del fondo per ridurre il carico aerodinamico

Photo by: Giorgio Piola

Alla riduzione che era già stata approvata in maggio con il taglio del pavimento del fondo davanti alle ruote posteriori in associazione al divieto di introdurre slot a partire da 1.800 mm dall’asse anteriore, la Federazione Internazionale ha definito altri interventi che riguardano le brake duct posteriori e il diffusore.

Regole 2021: le alette delle brake duct posteriori saranno più strette di 40 mm nella parte bassa

Regole 2021: le alette delle brake duct posteriori saranno più strette di 40 mm nella parte bassa

Photo by: Giorgio Piola

Le alette che rendono complicatissimo il disegno delle prese dei freni posteriori dovranno essere più strette di 40 mm se montate sotto all’al centro ruota. L’intervento tocca una delle parti più sensibili e poco visibili delle moderne F1.

Regole 2021: anche le due paratie centrali del diffusore si alzeranno di 50 mm e saranno lunghe come le altre

Regole 2021: anche le due paratie centrali del diffusore si alzeranno di 50 mm e saranno lunghe come le altre

Photo by: Giorgio Piola

Sarà significativo l’effetto che si otterrà sulle due derive verticali sotto la parte centrale del diffusore: i due elementi oggi scendono fino al piano di riferimento, mentre nel 2021 dovranno essere più corte di 50 mm, segno che proprio il canale centrale sarà meno efficiente visto che si allineeranno alla lunghezza di tutte le altre.

I tecnici che fanno capo a Nikolas Tombazis hanno deciso anche un’estensione del divieto di slot sul pavimento del fondo: se il taglio inizia dal punto C/C (1.800 mm dall’asse anteriore),

gli slot dovranno essere chiusi prima, pare in prossimità dell’inizio delle pance, onde evitare che i progettisti e gli aerodinamici cerchino di anticipare la nascita della “minigonna pneumatica” che è stata alimentata dai binari e dalla moltiplicazione di tagli in diagonale.

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35 con il fondo tagliato secondo le regole 2021

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35 con il fondo tagliato secondo le regole 2021

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

La McLaren a Spa-Francorchamps ha effettuato un esperimento nelle prove libere del GP del Belgio: sulla MCL35 di Carlos Sainz si è visto un fondo tagliato secondo le norme 2021 e la perdita di downforce era minore di quella programmata. I tecnici delle squadre sono sicuri di recuperare il carico aerodinamico perduto già in tempo per l’avvio della nuova stagione, svilendo i tentativi dei commissari FIA.

La stessa Pirelli non vuole stare con le mani in mano, con il rischio di diventare il capro espiatorio di tutta la questione. Il fornitore unico, infatti, in occasione del GP del Portogallo a Portimao porterà degli pneumatici prototipo che saranno provati da tutti i team obbligatoriamente nella seconda sessione di prove libere per mezz’ora.

Le gomme Pirelli 2021 potrebbero avere una costruzione più rigida

Le gomme Pirelli 2021 potrebbero avere una costruzione più rigida

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Si tratterà di gomme con una costruzione diversa, più resistente, onde evitare l’incremento delle pressioni di gonfiaggio che non piacciono ai piloti e il rischio di vedere blistering o graining per la maggiore usura.

Alla fine è facile prevedere che scatteranno i due provvedimenti insieme: oltre ai tagli aerodinamici, vedremo debuttare anche delle gomme 2021.

Christian Horner ritiene che le modifiche dovevano essere più coraggiose in quanto i team sapranno recuperare la deportanza persa, sebbene sia perfettamente consapevole che ulteriori modifiche causerebbero un inevitabile incremento dei costi

"Penso che sia una questione complessa - ha risposto Horner e Motorsport.com -. Penso che le squadre recupereranno tutto il carico aerodinamico che si taglierà. Forse si doveva fare di più perché la velocitò dello sviluppo in F1 è tale che, se ci sono preoccupazioni per gli sforzi sulle gomme, allora si sarebbe dovuto fare di più”.

"Ma ovviamente ogni volta che si tocca qualcosa, si finisce per fare aumentare i costi per cui è difficile trovare un giusto equilibrio”.

condivisioni
commenti
Renault: Alonso ha fatto ritorno a Enstone

Articolo precedente

Renault: Alonso ha fatto ritorno a Enstone

Prossimo Articolo

Racing Point: motore Mercedes ko dopo il crash di Stroll

Racing Point: motore Mercedes ko dopo il crash di Stroll
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes
F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola Prime

F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola

Anche nel 2021, Imola è inclusa nelle tappe di un Mondiale di Formula 1. Un tracciato ricco di storia. Una storia, che merita di essere raccontata e ricordata...

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld Prime

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld

L'ascesa di Kimi Raikkonen come stella della Formula 1 fin dagli albori rimane una delle leggendarie storie del 2001, ma le sue imprese hanno avuto un impatto indesiderato sulle prospettive del suo compagno di squadra in Sauber. Vent'anni dopo il suo primo podio in F1 al GP del Brasile, ecco come Iceman ha influito sulla carriera di Nick Heidfeld.

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar? Prime

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar?

Siamo abituati a considerare la Formula 1 come la categoria regina dell'automobilismo, quella capace di raggiungere le velocità più elevate in assoluto. Ma sarà davvero così? Andiamo a scoprirlo in questa classifica...

Formula 1
11 apr 2021
Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo Prime

Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo

La Mercedes è andata via dal Bahrain con la consapevolezza di non avere tra le mani la monoposto di riferimento in griglia, e i limiti allo sviluppo potrebbero trasformare questa stagione in un incubo.

Formula 1
10 apr 2021
Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali Prime

Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali

Il 9 aprile del 1971 nasce Jacques Villeneuve, Campione del Mondo di Formula 1 1997. Andiamo a rivivere i suoi primi due anni nella massima serie, quelli che lo hanno accompagnato ad entrare nell'elenco delle leggende del Motorsport...

Formula 1
9 apr 2021
Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12 Prime

Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12

Andiamo a scoprire ed analizzare come le modifiche regolamentari al fondo ed al pavimento delle monoposto abbiano influito negativamente sulle performance della Mercedes W12, nonostante la vettura abbia vinto con Lewis Hamilton la gara di apertura in Bahrain

Formula 1
8 apr 2021
Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo? Prime

Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo?

La squadra campione del mondo ha vinto con Hamilton il primo GP 2021, ma è indubbio che la W12 non ha dato l'impressione di essere stata la monoposto più competitiva in Bahrain. Anche l'Aston Martin è parsa sotto tono dopo il cambio delle norme aerodinamiche: i tecnici hanno parlato di particolari difficoltà con l'assetto Rake, mentre la sensazione è che i problemi stiano altrove.

Formula 1
7 apr 2021
Ceccarelli: “Quando i piloti di F1 non curavano la preparazione” Prime

Ceccarelli: “Quando i piloti di F1 non curavano la preparazione”

Torna la rubrica del mercoledì mattina di Motorsport.com. In compagnia del Direttore Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo a conoscere i segreti dietro la preparazione atletica richiesta a ciascun pilota di Formula 1

Formula 1
7 apr 2021