Formula 1
02 lug
-
05 lug
Gara in
11 Ore
:
04 Minuti
:
53 Secondi
G
GP di Stiria
09 lug
-
12 lug
Prove Libere 1 in
5 giorni
G
GP 70° Anniversario
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
31 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
117 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
131 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
145 giorni

Caso Verstappen: Masi esclude pressioni esterne o decisioni prese per il bene della F1

condivisioni
commenti
Caso Verstappen: Masi esclude pressioni esterne o decisioni prese per il bene della F1
Di:
2 lug 2019, 11:13

Le pressioni esterne e il "bene più grande" della Formula 1 non hanno influenzato la decisione di non punire Max Verstappen nel Gran Premio d'Austria. Questo è il pensiero del direttore di gara Michael Masi.

Dopo la gara di domenica, c'è stata una lunga investigazione per il contatto ruota a ruota con cui Verstappen ha superato Charles Leclerc per prendere il comando.

Il verdetto è stato ritenuto importante per la Formula 1, visto che recentemente c'erano state delle critiche molto pesanti nei confronti dell'operato dei commissari nelle ultime due gare.

Quando gli è stato domandato da Motorsport.com se si possa presumere che si fossa preseguito il "bene più grande" della F1, Masi ha suggerito che il ruolo primario della FIA è quello di stabilire le regole ed interpretarle dove possibile, ma non di chiudere un occhio.

"La F1, la FIA, i team ed i piloti sono tutti partner che vogliono garantire che questo sia un successo e che lo sia il più possibile" ha detto Masi.

"Ma alla fine, da un punto di vista normativo, abbiamo un regolamento ed un insieme di regole da applicare".

"Ci sono vari processi e discussioni da seguire se vogliamo cambiare le regole, quando cambiarle e come cambiarle. Ma questo fa parte del nostro ruolo nell'assicurare che vengano applicate queste regole".

 

Masi ha assunto il ruolo di direttore di gara di F1 dopo la morte inattesa di Charlie Whiting, alla vigilia del Gran Premio d'Australia.

Sebbene le decisioni dei commissari, come quella dei cinque secondi di penalità inflitti a Vettel in Canada, siano state controverse, Masi ha detto che la FIA sta cercando di evitare di impantanare la F1 con punizioni troppo pedanti quando è possibile.

"Stiamo cercando di fare del nostro meglio, quindi le cose più piccole, che forse due o tre anni fa avrebbero guadagnato una penalità, oggi non hanno impatto o comunque ne hanno meno".

"Odio quando le persone tornano indietro negli anni, perché il regolamento si è evoluto, il modo in cui viene interpretato si è evoluto, così come tutti coloro che sono coinvolti nella discussione".

"Quando iniziamo a parlare di precedenti ed incidenti che ci sono stati tre anni fa, quella che potrebbe essere stata interpretata come una violazione, potrebbe essersi evoluta ed essere stata ridotta la sua pena".

Masi ha aggiunto poi che quanto accaduto con Vettel a Montreal e le successive proteste non hanno aumentato la pressione.

"La pressione è sempre lì su tutti noi" ha detto. "Personalmente, non ritengo che ci siano pressioni ulteriori a causa del Canada o di qualsiasi altro incidente".

"Parliamo di signori e signore stimate nei loro campi. Sono tutti esperti amministratori ed è parte del loro ruolo essere degli arbitri alla fine della giornata".

Scorrimento
Lista

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
1/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
2/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
3/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, prima posizione, festeggia sul podio

Max Verstappen, Red Bull Racing, prima posizione, festeggia sul podio
4/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, prima posizione, festeggia la vittoria al Parc Ferme

Max Verstappen, Red Bull Racing, prima posizione, festeggia la vittoria al Parc Ferme
5/14

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
6/14

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
7/14

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Christian Horner e Max Verstappen, Red Bull Racing festeggiano con il team

Christian Horner e Max Verstappen, Red Bull Racing festeggiano con il team
8/14

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Toyoharu Tanabe, F1 Technical Director, Honda, versa Champagne su Max Verstappen, Red Bull Racing, prima posizione, sul podio

Toyoharu Tanabe, F1 Technical Director, Honda, versa Champagne su Max Verstappen, Red Bull Racing, prima posizione, sul podio
9/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Christian Horner e Max Verstappen, Red Bull Racing festeggiano con il team

Christian Horner e Max Verstappen, Red Bull Racing festeggiano con il team
10/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Il vincitore della gara Max Verstappen, Red Bull Racing, festeggia al Parc Ferme

Il vincitore della gara Max Verstappen, Red Bull Racing, festeggia al Parc Ferme
11/14

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Il vincitore della gara Max Verstappen, Red Bull Racing festeggia sul podio con Charles Leclerc, Ferrari

Il vincitore della gara Max Verstappen, Red Bull Racing festeggia sul podio con Charles Leclerc, Ferrari
12/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, seconda posizione, Toyoharu Tanabe, F1 Technical Director, Honda, Max Verstappen, Red Bull Racing, prima posizione, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, terza posizione, sul podio

Charles Leclerc, Ferrari, seconda posizione, Toyoharu Tanabe, F1 Technical Director, Honda, Max Verstappen, Red Bull Racing, prima posizione, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, terza posizione, sul podio
13/14

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Il vincitore della gara Max Verstappen, Red Bull Racing, sul podio

Il vincitore della gara Max Verstappen, Red Bull Racing, sul podio
14/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Horner crede ancora in Gasly: "Deve fare Ctrl+Alt+Canc e resettare"

Articolo precedente

Horner crede ancora in Gasly: "Deve fare Ctrl+Alt+Canc e resettare"

Prossimo Articolo

Haas: la Rich Energy perde la causa sul logo e deve rivelare anche i pagamenti al team

Haas: la Rich Energy perde la causa sul logo e deve rivelare anche i pagamenti al team
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Austria
Autore Scott Mitchell