Bottas: "Niente giochi alla Rosberg per battere Hamilton"

Valtteri Bottas dice di non avere alcun interesse a fare giochi mentali con il compagno di squadra Lewis Hamilton, come ha fatto il suo predecessore Nico Rosberg.

Bottas: "Niente giochi alla Rosberg per battere Hamilton"

Durante le loro quattro stagioni insieme alla Mercedes, Rosberg e Hamilton hanno avuto un rapporto conflittuale fuori dalla pista e a volte si sono scontrati anche al suo interno.

Ma mentre alcuni hanno suggerito che Bottas potrebbe trarre beneficio dall'adozione di un simile atteggiamento duro nel tentativo di sorprendere Hamilton, il finlandese pensa che percorrere quella strada si ritorcerebbe contro di lui.

Pensa che, oltre a causare inutili problemi alla squadra e sforzi extra per lui, Hamilton stesso risponderebbe semplicemente essendo motivato a guidare ancora più velocemente.

"Penso che la forza che abbiamo nel team sia sicuramente quella di poter lavorare in squadra" ha detto Bottas, in un'intervista esclusiva con Motorsport.com.

"Possiamo sicuramente correre duro, ma è meglio evitare. E sappiamo che se riusciremo a lavorare insieme, alla fine la squadra ne trarrà vantaggio".

"Quindi non ci sarà alcun nascondiglio di soluzioni, dati o altro. E lo spirito di squadra è sottovalutato. Penso che sia davvero importante mantenere alta la motivazione e non avere conflitti".

Leggi anche:

"Naturalmente, lungo la strada, ci sono state molte persone che mi suggeriscono di cambiare atteggiamento per diventare un Nico Rosberg. Ma io non sono un Nico Rosberg. Preferisco molto di più lottare in pista e correre in modo leale".

"Ho anche potuto conoscere Lewis, e so che non c'è alcun beneficio nel cercare di giocare con lui. Sono sicuro che sarebbe fastidioso per lui, ma sarebbe uno spreco di energie. E penso che si incazzerà ancora di più e guiderà ancora meglio".

"Quindi penso che il modo in cui sto facendo le cose sia quello giusto, è così che voglio vincere. Questo è il mio obiettivo".

Anche se è determinato a mantenere lo spirito positivo all'interno della squadra, Bottas pensa di dover adattare il suo approccio alla prossima stagione se vuole fare meglio.

Perché oltre a voler battere Hamilton nel Mondiale, Bottas sa anche che c'è una pressione crescente su di lui per mantenere il suo posto per il 2022.

"Sono ansioso di esplorare qualcosa, sapete", ha detto Bottas. "Sento che forse è il momento di provare qualcosa di diverso".

"Naturalmente, guardo sempre al futuro, e ci saranno delle opportunità. Ma in questo sport non ci saranno milioni di opportunità".

"So che non avrò 15 stagioni con Lewis per cercare di batterlo. So che ho davvero bisogno di provare a farlo l'anno prossimo (2021)".

condivisioni
commenti
Mercedes: gli esuberi restano tutti a Brackley!
Articolo precedente

Mercedes: gli esuberi restano tutti a Brackley!

Prossimo Articolo

Grande lutto per la Mercedes: è morto Jurgen Hubbert

Grande lutto per la Mercedes: è morto Jurgen Hubbert
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021