Extreme E: prima vittoria Andretti United all'Arctic X-Prix

La Andretti United ha centrato la sua prima vittoria in Extreme E nell'Arctic X-Prix in Groenlandia quando una foratura ha negato il primato alla X44, mentre un problema tecnico è costato alla Rosberg X Racing la leadership in campionato.

Extreme E: prima vittoria Andretti United all'Arctic X-Prix

Catie Munnings e il compagno di squadra Timmy Hansen hanno messo fine al filotto di vittorie di quest'ultimo team grazie al trionfo ottenuto per 4"159.

Il SUV della Andretti United, che ha vinto la seconda semifinale accedendo alla lotta conclusiva, scattava dal lato destro della griglia, con la Munnings in abitacolo.

Inizialmente la britannica è partita meglio, mentre le macchine di JBXE e Acciona Sainz, condotte da Kevin Hansen e Laia Sanz, si sono sportellate a lungo, con Sébastien Loeb (X44) e Molly Taylor (Rosberg X Racing) ad imitarli sui primi dossi.

La Sanz è scivolata all'ultimo posto dopo un salto, mentre la Munnings ha sfruttato l'interno della prima curva con l'hyperdrive da 400kW per ottenere il proprio vantaggio.

Loeb lo ha attivato infilandosi tra la Taylor e la Munnings, insidiata successivamente coi tre a procedere vicinissimi.

Loeb è passato al comando provando ad allungare a +2" e poi addirittura a +18" quando si è giunti al cambio pilota.

La Taylor ha mantenuto il secondo posto, Hansen ha perso un po' di terreno facendo respirare la Munnings.

Tuttavia, la corsa della X44 è terminata per via di una foratura alla posteriore destra all'ultimo giro; questo ha dato modo a Timmy Hansen di sostituire la Munnings e prendere il comando davanti a Johan Kristoffersson, (compagno della Taylor).

I due rivali del World Rallycross hanno combattuto ferocemente, correndo fianco a fianco, fino a quando Kristoffersson ha avuto problemi dopo essere atterrato troppo ruvidamente da un salto.

Questo ha fatto guadagnare ad Hansen 2"6 su Mikaela Ahlin-Kottulinsky (JBXE), guadagnando con l'hyperdrive per prendersi la vittoria.

La Ahlin-Kottulinsky chiude seconda e per la squadra di Jenson Button è il miglior risultato fino ad oggi, mentre il terzo posto si è risolto quasi al photo finish.

Carlos Sainz e Cristina Gutierrez erano fianco a fianco dopo la sosta, per poi giungere divisi da appena 0"05 a favore della Acciona Sainz. La X44 incappa invece in una penalità di 5" per aver mancato il checkpoint.

Kristoffersson, che dopo i guai è riuscito a riavviare la sua auto, chiude a più di un minuto dalla Andretti United.

La Rosberg X Racing mantiene invece nove punti in classifica sulla X44.

condivisioni
commenti
Extreme E: Andretti rinnova Munnings e Hansen per il 2022

Articolo precedente

Extreme E: Andretti rinnova Munnings e Hansen per il 2022

Prossimo Articolo

Extreme E: "armi spuntate" per l'Abt Cupra all'Arctic X-Prix

Extreme E: "armi spuntate" per l'Abt Cupra all'Arctic X-Prix
Carica commenti