Formula 1
05 set
-
08 set
Evento concluso
19 set
-
22 set
FP1 in
19 Ore
:
56 Minuti
:
58 Secondi
MotoGP
13 set
-
15 set
Evento concluso
20 set
-
22 set
FP1 in
19 Ore
:
21 Minuti
:
58 Secondi
WRC
12 set
-
15 set
Evento concluso
03 ott
-
06 ott
Prossimo evento tra
13 giorni
WSBK
06 set
-
08 set
Evento concluso
G
Magny-Cours
27 set
-
29 set
Prossimo evento tra
7 giorni
WEC
30 ago
-
01 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Prossimo evento tra
14 giorni

Sainz nuovamente con X-raid per la Dakar 2020

condivisioni
commenti
Sainz nuovamente con X-raid per la Dakar 2020
Di:
Co-autore: Oleg Karpov
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
9 set 2019, 14:30

Carlos Sainz Sr resterà con il team X-raid Mini per andare a caccia del terzo titolo Dakar il prossimo gennaio in Arabia Saudita.

Carlos Sainz, leggenda del WRC e due volte vincitore della Dakar, sarà per il secondo anno consecutivo al volante della Mini John Cooper Works Buggy, dopo essere passato al gruppo X-raid a seguito dell’interruzione del programma di lavoro di Peugeot sulla scia della sua corsa vittoriosa nel 2018.

Sainz aveva soppesato le proprie opzioni per l’edizione 2020, Toyota aveva espresso un interessamento nei confronti dello spagnolo che però si è concluso con un nulla di fatto e ci si aspetta che il 57enne firmi un accordo con X-raid questa settimana.

Fresco del test con la JCW buggy ad Aragon svolto a fine agosto, Sainz ha parlato con Motorsport.com lo scorso fine settimana a Monza: “Non vedo l’ora che arrivi l’accordo con Mini. Basicamente è la stessa macchina dell’anno scorso e avrà ancora la sponsorizzazione Red Bull. Stiamo provando a vedere se riusciamo a mettere insieme un accordo. Abbiamo bisogno di sapere qualcosa al massimo la prossima settimana, perché ovviamente vogliamo fare il Rally del Marocco, come sempre”.

Sainz ed il suo co-pilota Lucas Cruz avevano avuto problemi con la JCW Buggy già dalle prime tappe dell’ultima Dakar in Perù, ma il team X-raid crede di avere il potenziale per lottare con Toyota, squadra vincente lo scorso anno con Nasser Al-Attiyah.

“Credo che la macchina stia migliorando – continua Sainz – l’abbiamo provata un paio di settimane fa e penso che il team porti degli sviluppo per il Marocco, se lo dovessimi fare. Inoltre dovremmo essere più competitivi rispetto all’anno scorso”.

Anche se BMW, la casa madre di Mini, ha tagliato gli investimenti al progetto X-raid, sembra che Sainz sarà nuovamente in squadra con Stephane Peterhansel nel 2020, nonostante si ritiene che il capo del team Sven Quandt stia spingendo per avere nuovamente una terza buggy da affidare a Cyril Despres. Una line-up di così alto profilo permetterebbe a X-raid di sfidare Toyota ad armi pare, con il marchio giapponese che spera di schierare Fernando Alonso a fianco di Al-Attiyah e Giniel de Villiers in Arabia Saudita.

Prossimo Articolo
Dakar: il Borgward Rally Team piazza il colpo Nani Roma

Articolo precedente

Dakar: il Borgward Rally Team piazza il colpo Nani Roma

Prossimo Articolo

Price punta alla Dakar 2020, ma il polso non è ancora a posto

Price punta alla Dakar 2020, ma il polso non è ancora a posto
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Piloti Carlos Sainz
Team X-Raid Team
Autore Sergio Lillo