Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Dakar Dakar

Dakar | Marc Coma, l'asso nella manica della KTM

Il cinque volte vincitore della Dakar è stato consulente del gruppo austriaco all'edizione 2022 ed ha contribuito a riconquistare la corona sfuggita negli ultimi due anni.

#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, Marc Coma

Dakar 2022 | Moto

Tutti gli aggiornamenti sulla Dakar 2022

Quando KTM ha annunciato pochi giorni prima dell'inizio della Dakar 2022 l'arrivo di Marc Coma come consulente del team, molti avversari hanno iniziato a tremare. Il catalano, cinque volte vincitore della Dakar, ha un'esperienza incalcolabile dopo aver ricoperto diversi ruoli chiave: pilota, direttore sportivo del rally e co-pilota di Fernando Alonso.

È per questo bagaglio che il gruppo austriaco ha deciso di contare su di lui per i 13 giorni della gara (compreso il Prologo) per aiutare Jordi Viladoms, direttore sportivo di KTM Rally, e Norbert Stadlbauer, Team Manager della squadra. Anche se Coma dice di non sapere quanto abbia influenzato la vittoria di Sam Sunderland (GasGas), Viladoms stesso ha ammesso che l'aiuto c'è stato eccome.

"Ha una visione molto ampia della gara: è stato nell'organizzazione, ha corso con le macchine; penso che abbiamo dato vita un buon tandem. Tra noi due abbiamo discusso la strategia, come ai vecchi tempi quando correvamo insieme da piloti. Abbiamo rivissuto quei giorni e fatto una buona squadra", ha detto l'ex pilota di moto a Motorsport.com.

Da parte sua, Coma ha detto: "Non direi troppo, ma sono felice. Sono passati due anni da quando il Trofeo Touareg era andato l'ultima volta in Austria, al gruppo KTM, e sono felice che sarà di nuovo così, e dalla mia posizione un po' più lontana ho cercato di contribuire il più possibile. Posso solo congratularmi con la squadra e i piloti per tutto il loro lavoro fatto nelle ultime due settimane, che sono state difficili da gestire, come sempre, ma quando una gara è così aperta e con i piloti così vicini tra loro, la gestione tattica è davvero complicata. Abbiamo cercato di fare del nostro meglio".

"La verità è che all'interno di questa squadra, nel reparto rally, ci sono molti ingegneri e tecnici di quando correvo, quindi per me è come essere a casa. Sono felice di aver fatto questa esperienza con loro e di aver contribuito in qualche modo".

Leggi anche:

Coma, che è anche direttore tecnico di KTM Spagna, ha sottolineato con Motorsport.com che il fatto che siano stati i colori della GasGas a brillare in cima al podio finale della Dakar è importante per il gruppo.

"E' una riflessione che deve essere fatta ora. GasGas è nel gruppo da poco tempo, e penso che la dimensione che gli è stata data sia impressionante. È il nostro marchio di ingresso, per i giovani che hanno la loro prima esperienza su una moto da cross, ma ha già vinto gare nel Supercross americano, in Moto3, nella Dakar, e ora avremo una squadra in Moto2. Questo ci mostra che siamo sulla strada giusta", ha detto il catalano.

Quando gli è stato chiesto come ha visto questa 44° edizione della Dakar, ha rivolto il suo apprezzamento al lavoro di ASO e mandato un messaggio alla FIA e alla FIM.

"Penso che con questi tre anni di esperienza qui, stiamo iniziando a vedere i risultati. Alla fine credo che ci siano cose che funzionano e cose che funzionano meno. Il fatto che la FIA e la FIM siano intervenute così tanto nell'ordine di partenza ha dimostrato che si sono un po' perse, come previsto. Ma per il resto, in termini di progettazione del percorso, gestione dei bivacchi e così via, va bene, quindi mi congratulo con ASO per il lavoro che hanno fatto. La cosa più importante è che non ci sono stati incidenti molto gravi, e questo è il risultato di un lavoro ben fatto, delle decisioni prese, quindi posso solo congratularmi con loro", ha aggiunto.

Marc Coma tornerà alla Dakar se lo chiama Fernando Alonso?

Al momento tornare a correre la Dakar non sembra nei piani dello spagnolo: "Mi sto allontanando sempre di più da questa idea. E' vero che non ho mai fatto male quando ho partecipato, ma al momento sono concentrato su KTM Spagna, sto mettendo lì tutte le mie energie".

Su quel 2020 da co-pilota di Fernando Alonso, due volte campione del mondo di Formula 1, Coma ha chiarito che è stato qualcosa di unico.

"Sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto, e più passa il tempo, e più questa sensazione aumenta. Ha scoperto un altro mondo, un altro tipo di corsa rispetto a quello a cui ero abituato, e ne ho fatto parte, quindi sono felice", conclude.

#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#7 Monster Energy Honda Team 2022: Pablo Quintanilla, #3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, #52 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#7 Monster Energy Honda Team 2022: Pablo Quintanilla, #3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, #52 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, Marc Coma
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, #1 Red Bull KTM Factory Racing: Kevin Benavides
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, #52 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, #52 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, #7 Monster Energy Honda Team 2022: Pablo Quintanilla, #52 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, #7 Monster Energy Honda Team 2022: Pablo Quintanilla, #52 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, #7 Monster Energy Honda Team 2022: Pablo Quintanilla, #52 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, #7 Monster Energy Honda Team 2022: Pablo Quintanilla, #52 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#7 Monster Energy Honda Team 2022: Pablo Quintanilla, #3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
Castera David, Director del Dakar Rally with #3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
Castera David, Director del Dakar, #3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland, #7 Monster Energy Honda Team 2022: Pablo Quintanilla, #52 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
#3 Gasgas Factory Racing: Sam Sunderland
Sam Sunderland celebra la victoria en el Dakar 2022
33

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Richards: "Se la FIA non interviene, Audi ucciderà la Dakar"
Prossimo Articolo Dakar | Loeb: "Non mi vergogno del secondo posto"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia