Analisi: la Dakar saudita è subito da record

La 42esima edizione della Dakar ha registrato il tasso di ritiri più basso della storia nella sua prima edizione saudita, composta da 12 tappe.

Analisi: la Dakar saudita è subito da record

La prima Dakar in Arabia Saudita è stata una grande sfida per ASO, l'organizzatore della manifestazione. In 10 mesi ha dovuto ricominciare da zero un progetto che aveva messo radici in Sud America dal 2009. Ma il bilancio tracciato dai piloti e dalle squadre è positivo. Ci sono alcuni miglioramenti necessari, come reso evidente dalla tragica morte di Paulo Goncalves.

Ma la verità è che la manifestazione che si è conclusa venerdì a Qiddiya ha regalato emozioni, tensione e spettacolo in ugual misura. Con un'eccellente prima settimana, ricca di navigazione, paesaggi sconosciuti ed un terreno impegnativo per la meccanica, i concorrenti sono parsi sorpresi ogni singolo giorno attorno al tradizionale falò del bivacco.

La giornata di riposo a Riyadh, però, ha segnato una svolta che nessuno cercava. Il giorno successivo, il 40enne portoghese ha perso la vita in un tratto molto veloce. L'alta velocità delle ultime sei tappe non ha convinto molti protagonisti, in particolare i motociclisti, con la paura che gli è entrata nella testa come compagno di viaggio.

Uno dei più critici è stato Laia Sanz, che si aspettava più navigazione nell'ultima parte della prima edizione saudita. Sebbene possa sorprendere, tuttavia, questo aumento del pericolo non ha prodotto più ritiri rispetto alle altre edizioni. Infatti, la Dakar 2020 passerà alla storia per essere quella con la più bassa percentuale di forfait della storia.

Leggi anche:

Le cifre si aggiravano intorno al 20% di veicoli al traguardo negli anni 80' e 90' in Africa, poi si è passati al 50% circa nei primi anni in Sud America. Quest'anno 237 dei 342 veicoli al via hanno visto il traguardo (69,3%), cosa che rappresenta un record assoluto, con la sola edizione 2017 che si è avvicinata a queste cifre (69,1%).

96 moto, 12 quad, 58 auto, 31 SSV e 40 camion sono saliti sul palco di Qiddiya, festeggiando dopo 12 giorni di sofferenze ed avventure. La classifica parallela della Dakar Experience, dedicata a chi si era ritirato ma ha comunque voluto portare a termine la corsa, ha visto poi altri 19 veicoli continuare fino alla fine, ma senza salire sul palco finale.

L'idea è buona, perché consente a coloro che hanno avuto problemi o non sono arrivati sufficientemente preparati dal punto di vista fisico per completare le tappe, di aggiungere esperienza e non dover tornare a casa in anticipo.

Castera ha chiarito a Motorsport.com che queste cifre rappresentano un obiettivo importante raggiunto nella Dakar.

"Non volevo che fosse difficile. Questo era chiaro. C'erano due ragioni. Il buio, perché sapevamo che qui arriva molto presto e dovevamo anticiparlo. Non sapevo come gestirlo in un nuovo paese, con le macchine che eventualmente sarebbero rimaste in speciale in notturna".

"Volevamo una prima edizione senza problemi e ci portiamo via tutto quello che siamo riusciti ad imparare per migliorare. So che alcuni potrebbero dire che è stata un gara 'facile', ma la volevamo così" ha riconosciuto.

Dopo un 2019 in cui la gara era stata salvata proprio all'ultimo minuto, in seguito alla rinuncia dell'Argentina e del Bolivia arrivate solo in primavera, ASO ha aperto questa nuova era con grande calma.

Non voleva grandi rischi, anche perché la gara è stata allestita in tempi record, ma il livello dei bivacchi per esempio è cresciuto rispetto al Sud America. Il primo esame è stato superato, ora sarà richiesto un miglioramento a livello sportivo e logistico nel 2021, quando continuerà l'avventura in Medio Oriente.

#305 JCW X-Raid Team: Carlos Sainz, Lucas Cruz
#305 JCW X-Raid Team: Carlos Sainz, Lucas Cruz
1/30

Foto di: Red Bull Content Pool

Ganador #9 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec
Ganador #9 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec
2/30

Foto di: A.S.O.

#1 Red Bull KTM Factory Racing: Toby Price
#1 Red Bull KTM Factory Racing: Toby Price
3/30

Foto di: KTM

#1 Red Bull KTM Factory Racing: Toby Price
#1 Red Bull KTM Factory Racing: Toby Price
4/30

Foto di: KTM

#1 Red Bull KTM Factory Racing: Toby Price
#1 Red Bull KTM Factory Racing: Toby Price
5/30

Foto di: KTM

#14 GAS GAS Factory Team: Laia Sanz
#14 GAS GAS Factory Team: Laia Sanz
6/30

Foto di: GasGas Factory Racing

#16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides
#16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides
7/30

Foto di: KTM

#16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides
#16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides
8/30

Foto di: KTM

#2 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#2 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
9/30

Foto di: KTM

#2 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner, #16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides
#2 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner, #16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides
10/30

Foto di: Red Bull Content Pool

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso
#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso
11/30

Foto di: Toyota Racing

#420 Xraids & Buggymaster Team - Can Am: Jesus Puras, Xavier Blanco
#420 Xraids & Buggymaster Team - Can Am: Jesus Puras, Xavier Blanco
12/30

Foto di: Buggymaster Team

#336 Sodicars Racing Mitsubushi: Cristina Gutierrez Herrero, Pablo Moreno Huete
#336 Sodicars Racing Mitsubushi: Cristina Gutierrez Herrero, Pablo Moreno Huete
13/30

Foto di: Sodicars Racing

#5 Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing: Pablo Quintanilla
#5 Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing: Pablo Quintanilla
14/30

Foto di: Husqvarna

#5 Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing: Pablo Quintanilla
#5 Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing: Pablo Quintanilla
15/30

Foto di: Husqvarna

#98 Yamaha: Sara Garcia
#98 Yamaha: Sara Garcia
16/30

Foto di: A.S.O.

El Príncipe Abdul Aziz bin Turki Al-Faisal, presidente de la Autoridad General de Deportes, Equipo #305 JCW X-Raid: Carlos Sainz
El Príncipe Abdul Aziz bin Turki Al-Faisal, presidente de la Autoridad General de Deportes, Equipo #305 JCW X-Raid: Carlos Sainz
17/30

Foto di: A.S.O.

#9 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec
#9 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec
18/30

Foto di: A.S.O.

#310 Toyota Gazoo Racing: Marc Coma
#310 Toyota Gazoo Racing: Marc Coma
19/30

Foto di: A.S.O.

#311 JCW X-Raid Team: Orlando Terranova, Bernardo Graue
#311 JCW X-Raid Team: Orlando Terranova, Bernardo Graue
20/30

Foto di: A.S.O.

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso, Marc Coma
#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso, Marc Coma
21/30

Foto di: A.S.O.

#307 Toyota Gazoo Racing: Bernhard Ten Brinke, Tom Colsoul
#307 Toyota Gazoo Racing: Bernhard Ten Brinke, Tom Colsoul
22/30

Foto di: A.S.O.

#305 JCW X-Raid Team: Carlos Sainz
#305 JCW X-Raid Team: Carlos Sainz
23/30

Foto di: A.S.O.

#300 Toyota Gazoo Racing: Nasser Al-Attiyah, Matthieu Baumel
#300 Toyota Gazoo Racing: Nasser Al-Attiyah, Matthieu Baumel
24/30

Foto di: A.S.O.

#302 JCW X-Raid Team: Stephane Peterhansel, Paulo Fiuza with Sven Quandt
#302 JCW X-Raid Team: Stephane Peterhansel, Paulo Fiuza with Sven Quandt
25/30

Foto di: A.S.O.

#303 JCW X-Raid Team: Jakub Przygonski, Timo Gottschalk
#303 JCW X-Raid Team: Jakub Przygonski, Timo Gottschalk
26/30

Foto di: A.S.O.

#300 Toyota Gazoo Racing: Nasser Al-Attiyah, Matthieu Baumel
#300 Toyota Gazoo Racing: Nasser Al-Attiyah, Matthieu Baumel
27/30

Foto di: A.S.O.

#2 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#2 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
28/30

Foto di: A.S.O.

#1 Red Bull KTM Factory Racing: Toby Price
#1 Red Bull KTM Factory Racing: Toby Price
29/30

Foto di: A.S.O.

#1 Red Bull KTM Factory Racing: Toby Price, #8 Hero Motosports Team Rally: Paulo Goncalves sticker
#1 Red Bull KTM Factory Racing: Toby Price, #8 Hero Motosports Team Rally: Paulo Goncalves sticker
30/30

Foto di: KTM

 

condivisioni
commenti
Viladoms: "La KTM non dovrà attendere a lungo per vincere la Dakar"
Articolo precedente

Viladoms: "La KTM non dovrà attendere a lungo per vincere la Dakar"

Prossimo Articolo

Sainz: "Futuro? Prenderò la decisione con tranquillità"

Sainz: "Futuro? Prenderò la decisione con tranquillità"
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021